Center for Career Services & Continuing Education

John Cabot University’s Center for Career Services & Continuing Education is your bridge between your academic and professional careers. Whether you want to pursue further study in graduate school or hope to begin a career, we can help you achieve those goals.

Month: November, 2015

How to… Prioritize

dichiarazione-intenti-prioritàHow to… Prioritize

All of the activities in the job market add up to a certain amount of work that gradually tends to grow as the business expands.

This is where prioritization comes into play. Even if the type and amount of responsibilities vary, prioritization is crucial for the correct coordination of personal tasks and team obligations.

The 4 main points to remember when prioritizing are the following:

  • Planning: organizing activities and priorities.
    Planning is the first step for a proper coordination and a rigorous preparation, at least in terms of daily activities. The lack of this strategy often leads to the loss of important data, the failure of a punctual delivery and/or the incompletion of an important task.
  • An activity blocks other duties? So do it before the others.
    Each activity has its own ranking, and usually, some of them preclude the activation or the conclusion of others. To get from A to Z you need to pass through all the other letters!
  • Timing and deadlines: when does it have to be ready by? First start with the closest deadlines. The chronological urgency of different tasks often comes into play when you have to decide what to prioritize. Good judgement always says to finish that activity with the closest deadline.
  • Emergency: understanding whether something is urgent, forces us to prioritize. Emergencies are one of the few factors that can disrupt completely someone’s planning. The only practical advice is: learn to distinguish a real emergency from a false one.

obiettiviCome… stabilire le priorità

Tutte quante le attività nel mondo professionale comportano sicuramente un certo ammontare di lavoro che tende ad aumentare man mano che il business si espande.

È qui che entra in gioco la gestione delle priorità che, a seconda del carico di impegni, è fondamentale per una giusta coordinazione sia personale che di un team.

I 4 punti più importanti da ricordare per la gestione delle priorità sono i seguenti:

  • Pianificazione: pianificare le attività e le priorità.
    Ovviamente il primo passo per una gestione appropriata è una pianificazione scrupolosa, quanto meno delle attività di routine. La mancanza di tale strategia comporta spesso la perdita di dati importanti, il fallimento di una consegna puntuale e/o la mancata conclusione di un compito fondamentale.
  • L’attività blocca altre attività? Allora falla prima.
    Le attività hanno anche loro una loro scala gerarchica e, quasi sempre, alcune precludono l’attivazione o la conclusione di altre. Per arrivare da A a Z bisogna passare tutte le altre lettere!
  • Tempistiche e scadenze: entro quando deve essere pronto? Prima le scadenze più vicine. L’urgenza cronologica dei compiti viene spesso in soccorso quando bisogna scegliere cosa privilegiare. Il buon senso detta sempre di concludere la scadenza più prossima a noi.
  • Emergenza: capire se è emergenza oppure no, obbliga a rivedere le priorità. L’emergenza è uno dei pochi fattori che possono sconvolgere completamente la pianificazione. L’unico consiglio dispensabile è: imparare a distinguere un’emergenza da un falso allarme.

Center for Career Services & ​Continuing Education
​John Cabot University 

jcu_high_res

Email Etiquette: 3 Rules to Follow

Email Etiquette: 3 Rules to Follow

emailetiquetteThe world of emails and new technologies is a fast environment that forces promptness also in the communication within it.

Nonetheless, the promptness often leads to certain mistakes that cannot be considered ordinary and that could give a very negative impression to those whom receive the communication.

Put aside those emails that are sent to colleagues, those in which you sign with your initials or in which you simply pose a question, but what is the email etiquette when we address someone we do not know well or with whom we do not have daily encounters?

  1. Greetings: many people do not use any expression of greeting at the beginning of an email and turn directly to the problem: introducing a simple good morning or dear mr…. does not take that much time.
  1. Mistakes: Let us forget the quantity of grammatical errors in emails, yet each of us has a spelling check system that could help them! Spelling mistakes and grammatical errors demonstrate superficiality and lack of attention from those who send it: how many candidates have lost the opportunity of a job interview for not paying attention to mistakes?
  1. Signature: then there are people that simply forget to sign emails, convinced that the name could be distinguished within the email address (but this is not always true).

Email Etiquette: 3 regole da seguire

email etiquetteIl mondo delle email e delle nuove tecnologie è un mondo rapido che obbliga ad avere rapidità anche nella comunicazione stessa.

Tuttavia, la rapidità può portare ad errori tutt’altro che banali e che possono dare un’impressione molto negativa da chi riceve la comunicazione.

Passiamo le email tra colleghi, quelli in cui ci si firma anche solo con la inziale del nome, quelle in cui si pone una domanda, ma qual è la Email Etiquette quando ci rivolgiamo a interlocutori che non conosciamo bene o con cui non abbiamo rapporti quotidiani?

1. Il saluto: molte persone non usano alcuna espressione di saluto ad inizio email e passano direttamente ad esporre il problema: aggiungere buongiorno, gentile dott… non comporta poi chissà quale perdita di tempo.

2. Gli errori: lascio perdere poi la quantità di errori di grammatica e ortografia nelle email, eppure esiste anche un sistema di controllo ortografia che potrebbe aiutarci! Gli errori di ortografia e di grammatica dimostrano superficialità, poca attenzione da parte di chi scrive: quanti candidati hanno perso l’opportunità di un colloquio di lavoro per non aver prestato attenzione agli errori!

3. La firma: ci sono poi persone che dimenticano di firmare l’email, convinte che il nome possa essere desunto dall’indirizzo email (e questo non è sempre vero).

Center for Career Services & ​Continuing Education
​John Cabot University 

jcu_high_res

The Value of Executive Education

The Value of Executive Education

AggiornamentoLearning never stops and even full-blown professionals have the need to update and educate themselves.

Some of these professionals have the conceit to believe they do not need to update and educate themselves: reaching their position in the hierarchy of their company, makes them believe they have nothing more to learn.

Nothing could be farther from the truth!

Why update?

We live in an ever-changing environment: laws change, habits, technology, methods of communication… Therefore, people, work, business, and teamwork are bound to change.

In the professional and educational path of each and every one of us, the value of updating rests within the capability to adapt and in having the curiosity and humbleness to always be available to learn something new, especially if it can be transported into a work/professional context.

Reaching the top of one’s professional aspirations should not be the end of the road: “I know that I know nothing”.

Il valore dell’Executive Education

SBEXRF-00039482-001L’apprendimento non termina mai e anche le persone con una professione avviata hanno la necessità di formarsi e di aggiornarsi.

Alcuni professionisti hanno la presunzione di ritenere di non aver bisogno di fare formazione: aver raggiunto una posizione nella scala gerarchica aziendale li induce a pensare che non hanno più nulla da apprendere.

Nulla di più sbagliato!

Perché la formazione?

Perché viviamo in un ambiente che cambia continuamente: cambiano le leggi, i costumi, l’uso della tecnologia, i modi di comunicazione…e cambiano quindi le persone, i modi di lavorare, di fare business, di stare in team.

Nel percorso educativo e professionale di ognuno il valore dell’aggiornamento sta nel sapersi adattare e nell’avere la curiosità e l’umiltà per rimanere sempre disposti a imparare qualcosa di nuovo, specialmente se questo insegnamento può essere riportato all’interno di un contesto lavorativo/professionale.

La posizione di lavoro, la carriera non devono rappresentare la fine della strada della formazione: “tutto quello che so è che so di non sapere”.

Center for Career Services & ​Continuing Education
​John Cabot University 

jcu_high_res

How to… Know your Audience

How to… Know your Audience

In the past, we have discussed in length the basics of being a good public speaker. This time we are going to address a more advanced issue on public speaking: knowing and understanding your audience. It is of vital importance, for a successful speech, to learn how to adapt your communication style according to the spectators. What you should assess is:

  • What is the average age and cultural background of the attendees?

Age and culture are, maybe, the most fundamental reference points when choosing how to address an audience as they determine what kind of lingo can or cannot be used and, in what way, certain delicate topics should be discussed or completely avoided. To gather information on your audience starting with the event you are going to deliver your speech in business meeting, tech fair, and poetry reading…

  • What is their occupation?

Different professions create several mindsets and, obviously, occupying a diverse range of fields, in a business or academic context, creates specific interests. Again, reading the context is very helpful!

  • What is the expectation of the audience and why are they attending the event?

As a direct consequence of the kind of the event you will be presenting in, the attendees naturally make assumptions: they will expect to learn something, to be convinced to do something or to be simply entertained. Whatever the purpose is, do not lose sight of why all of those people are there.

Come… Conoscere il Proprio Pubblico

8_29_Youth_Wesley__How_to_Know_and_Grow_Your_Audience_356694641

Precedentemente, abbiamo discusso a lungo le basi necessarie per essere un buon oratore. Questa volta parleremo di un argomento un po’ più avanzato nel campo: capire e conoscere il proprio pubblico. È di importanza vitale, per un discorso pubblico di successo, imparare ad adattare il proprio registro comunicativo a seconda dei propri spettatori. Quello che dovreste determinare è:

  • Qual è l’età media e il background culturale dei partecipanti?

Età e cultura sono, forse, i punti di riferimento più fondamentali quando si sceglie come rivolgersi a un pubblico dato che determinano quale tipo di linguaggio (tecnico e non) può o non può essere utilizzato e come argomenti delicati debbano essere discussi o completamente evitati. Per raccogliere informazioni sui vostri spettatori, cominciate dall’evento in cui presenterete: meeting aziendale, fiera tecnologica, serata di poesia…

  • Qual è la loro occupazione?

Diverse professioni generano mentalità differenti e, ovviamente, essere parte di diversi campi del mondo lavorativo o accademico, crea diversi interessi. Anche in questo caso, leggere il contesto aiuta!

  • Cosa si aspetta il pubblico e perché partecipa all’evento?

A seconda del tipo di evento nel quale presenterete, il pubblico avrà diverse aspettative: si aspetteranno di imparare qualcosa, di essere convinti a fare qualcosa o di essere semplicemente intrattenuti. Qualunque sia lo scopo, non bisogna mai perdere di vista il perché tutta quella gente sarà lì.

Center for Career Services & ​Continuing Education
​John Cabot University 

cropped-jcu_high_res.jpg

Career Fair: Rules for Participation

Career Fair: Rules for Participation

IMG_3560What are the rules for participating in a Career Fair?

Read the list below and find out how to make the most out of this crucial event for your future career path… do not forget that company representatives will be watching you during the fair!

BEFORE the Fair:

  1. STUDY the companies’ profile through their official website or any other source, including articles, newspapers, specialized magazines, the Internet. GET PROFESSIONAL ADVICE from professors, previous employers, and your university’s Career Services Center;
  2. WEAR your best business formal attire and make sure not to draw people’s attention on what you wear.

DURING the Fair:

  1. BE PUNCTUAL to be the first to meet the companies;
  2. MAINTAIN GOOD EYE CONTACT with your prospective employers;
  3. SHAKE HANDS FIRMLY at the beginning and end of the meeting;
  4. PREPARE and BRING a few copies of your resume BUT give your resume ONLY if the business representatives ask for it.

AFTER the Fair:

  1. Make sure your SOCIAL MEDIA profiles (especially LinkedIn and Facebook) are ready and updated;
  2. If the company representatives give you their business card, send them a FOLLOW-UP EMAIL to thank them for the time they spent to meet you during the Fair.

Career Day: Regole di Partecipazione

Quali sono le regole per partecipare ad un Career Day?IMG_9851

Leggete la lista di seguito e scoprite come sfruttare al massimo questo evento decisivo per il vostro futuro percorso professionale… non dimenticate mai che i rappresentanti aziendali vi terranno d’occhio durante l’evento!

PRIMA della fiera:

  1. STUDIATE il profilo aziendale delle organizzazioni che vi interessano e che avete selezionato, consultando il loro sito ufficiale o qualsiasi altra fonte, inclusi articoli, giornali, riviste specialistiche, Internet. ASCOLTATE I CONSIGLI professionali di professori, precedenti datori di lavoro o del Centro di Avviamento alla Carriera della vostra università;
  2. INDOSSATE i vostri migliori abiti formali e cercate di non attirare l’attenzione delle persone che vi circondano per quello che indossate.

DURANTE la fiera:

  1. ARRIVATE PUNTUALI così da poter incontrare le aziende per primi;
  2. MANTENETE IL CONTATTO VISIVO con i vostri potenziali datori di lavoro;
  3. STRINGETE LA MANO CON FERMEZZA all’inizio e alla fine dei colloqui;
  4. PREPARATE e PORTATE con voi alcune copie del vostro CV, ma consegnatelo ai rappresentanti SOLO se vi viene espressamente richiesto.

DOPO la fiera:

  1. Fate attenzione che i vostri profili sui SOCIAL MEDIA (specialmente Facebook e LinkedIn) siano pronti e aggiornati;
  2. Se i rappresentanti aziendali vi hanno dato il loro biglietto da visita, INVIATE UNA EMAIL per ringraziarli del tempo a voi dedicato durante la fiera.

Center for Career ServicesContinuing Education
John Cabot University 

cropped-jcu_high_res.jpg

%d bloggers like this: