Center for Career Services & Continuing Education

John Cabot University’s Center for Career Services & Continuing Education is your bridge between your academic and professional careers. Whether you want to pursue further study in graduate school or hope to begin a career, we can help you achieve those goals.

Month: December, 2015

Soft Skills

Soft Skills

When we talk about CVs and professional experience, we often refer to the importance of soft skills. What are they exactly?

Soft skills are those competences related to our personality and character, in other words to our emotional intelligence. Soft skills can be divided into four main categories: cognitive, interpersonal, fulfilling and managerial. Cognitive skills, for example, refer to our approach to reasoning, thus our process of analysis, problem solving and synthesis. Interpersonal skills, on the other hand, describe our ability to relate to others and to work in team. Our fulfilling skills refer to our initiative and organization, while our managerial skills refer to our capability to delegate work.

Clearly, our soft skills are different from our technical skills, which include the knowledge of a second language or the ability to manage social media. For an employer, our personality and competences are of crucial importance, sometimes even more than our technical skills. In fact, our soft skills can well compensate our lack of experience or a poor junior CV.

softskills

Le soft skills

Parlando di CV e esperienza professionale, ci riferiamo sempre più spesso alle soft skills ma, che cosa sono esattamente?

Le soft skills sono quelle competenze legate alla personalità e al carattere di una persona, la cosiddetta intelligenza emotiva. È possibile dividere le soft skills in quattro grandi categorie: cognitive, relazionali, realizzative e manageriali. Quelle cognitive, per esempio, si riferiscono al modo di ragionare di una persona e quindi all’analisi, problem solving e sintesi. Le soft skills relazionali si riferiscono alla gestione dei rapporti interpersonali o alla capacità di team work. Le capacità realizzative riguardano la nostra iniziativa e organizzazione, mentre quelle manageriali si riferiscono alla nostra capacità di delegare.

Come potrete notare, le soft skills si distinguono chiaramente dalle competenze tecniche, come il saper parlare una lingua o il saper usare i social media. Per il datore di lavoro, la personalità e le capacità che vi sono legate sono molto importanti, a volte anche più delle conoscenze tecniche. Infatti, le soft skills possono compensare la mancanza di esperienza o un curriculum un po’ debole.

Center for Career Services & ​Continuing Education
​John Cabot University 

jcu_high_res

 

Personal Branding

Personal Branding

Branding is a marketing process that is used by companies to differentiate their product. Similarly, personal branding encompasses all the systems that everyone puts in place to express the uniqueness of their own personality and strengths to be exploited.

How? Through our actions, management style that distinguishes us, how we present ourselves, how we express ourselves and relate with others. In today’s saturated and complex job market, you must know how to promote yourself. It should start from the endorsement of our identity, the first product of ourselves and of our own time.

Personal branding is not only the image that is given through the various social media channels but something more complex; it is about creating a strong coherence between our presence online and offline. Personal branding requires great introspection, an unflagging dedication, careful reading of the context and a rapid response capability to the surrounding world.

Here are some of the right questions to create one’s own brand:

  • What are my specifics?
  • How do others see me and how do I want to be seen?
  • Am I moving in the right direction?
  • What am I communicating about my professionality and myself?
  • Am I using the right channels and am I doing it correctly?

who-are-you

Personal Branding

Il branding è un processo di marketing che viene usato dalle aziende per differenziare il proprio prodotto. Allo stesso modo, il personal branding comprende tutti quei sistemi che ognuno di noi mette in atto per esprimere l’unicità della propria personalità ed i punti di forza da valorizzare.

Come? Attraverso le nostre azioni, lo stile di management che ci contraddistingue, come ci presentiamo, in che modo ci esprimiamo e ci relazioniamo con gli altri. In un mercato del lavoro saturo e complesso come quello attuale, è necessario saper promuovere se stessi. Occorre iniziare dalla valorizzazione della propria identità, il primo prodotto di noi stessi e del nostro tempo.

Il personal branding non è solo l’immagine che si dà attraverso i vari social media ma qualcosa di più complesso; si tratta infatti di creare una forte coerenza tra la nostra presenza on e offline. Il personal branding richiede una grande introspezione, una dedizione costante, un’attenta lettura del contesto e una capacità di risposta rapida verso il mondo circostante.

Ecco alcune domande giuste per creare il proprio brand:

  • Quali sono le mie specificità?
  • Come mi vedono gli altri e come vorrei essere visto?
  • Mi sto muovendo nella direzione giusta?
  • Cosa sto comunicando di me e della mia professionalità?
  • Sto utilizzando i canali giusti e lo sto facendo in modo corretto?

Center for Career Services & ​Continuing Education
​John Cabot University 

jcu_high_res

Special Case Study: Rome Opera House at John Cabot University

Professor Salvatore’s Students Develop Communication Plan for Rome Opera House

image1

During the Fall 2015 semester JCU Advertising Management students had the opportunity to develop a communication plan for a very special “client,” the Rome Opera House.

Under the supervision of Professor Antonella Salvatore, four teams developed a communication plan for four different markets, thus putting into practice the theories learned in class.

The students presented their plans and ideas to the representatives of the Opera House; they discussed how to generate more brand awareness and better target both an Italian and international audience. After reviewing the plan, the Opera House confirmed its interest in hiring two JCU interns to develop the organization’s social media and web marketing strategies.

Each semester Prof. Salvatore (who is also Executive Manager of the Center for Career Services) asks students to work as “consultants” in order to solve actual business problems. One of the JCU partner companies meets with students at the beginning of the semester and then, throughout the term, students work on the project under Prof. Salvatore’s guidance.

This is just one way that John Cabot University helps students to bridge the gap between the classroom and the job market.

Gli studenti della prof.ssa Salvatore hanno sviluppato un piano di comunicazione per il Teatro dell’Opera di Roma

IMG_3119.JPG

Durante questo semestre, gli studenti JCU del corso Advertising Management hanno avuto l’opportunità di sviluppare un piano di comunicazione per “il cliente” Teatro dell’Opera di Roma.

Sotto la supervisione della prof.ssa Antonella Salvatore, quattro team hanno sviluppato un piano di comunicazione per quattro diversi mercati, mettendo così in pratica le teorie che avevano imparato in aula.

Gli studenti hanno presentato i loro progetti e idee ai rappresentanti del Teatro dell’Opera di Roma, hanno lavorato su come generare una maggiore consapevolezza del brand e come migliorare la segmentazione di un’audience nazionale e internazionale. Una volta che i progetti sono stati revisionati, il Teatro dell’Opera di Roma ha confermato il suo interesse ad assumere due stagisti JCU per sviluppare la loro strategia di comunicazione e marketing sui social media e sul web.

Ogni semstre, la prof.ssa Salvatore (che è anche Executive Manager del Centro di Avviamento alla Carriera) chiede ai suoi studenti di lavorare come “consulenti” per risolvere dei concreti problemi d’azienda. Una delle organizzazioni partner della JCU incontra gli studenti all’inizio del semstre e poi, durante il corso, gli studenti lavorano sul progetto sotto la guida della prof.ssa Salvatore.

Questo è uno dei modi in cui la John Cabot University aiuta gli studenti a colmare il gap che esiste tra università e mondo del lavoro.

Center for Career Services & ​Continuing Education
​John Cabot University 

jcu_high_res

How To… Work Under Pressure

How To… Work Under Pressurestress-lavoro

No job is ever easy, tasks maybe, but each employment has its complexities and critical situations, which is why one of the most appreciated soft skills is the capability of working under pressure.

In an ideal world, all of the assignments and tasks are delivered and completed on time.

Unfortunately, very often, you might be asked to work on something that came up unexpectedly. That is when you really need to be able to handle the pressure.

How can one learn to work under pressure? Sometimes it is a natural talent, and other times it is an acquired skill and there are a few tips that can help you master this specific attribute:

  1. Remain in control when you are overwhelmed: it is easy to lose control when you feel overworked, but that is exactly the last thing you should do. You can only do your best if you remain focused.
  2. Remember to plan: when things are getting hectic, do not forget to organize your priorities.
  3. Take a step back: even if you are almost completely out of time as a deadline or the worst-case scenario of a crisis are looming over, take your time to step back and see what can or needs to be fixed.
  4. Try to think out of the box: sometimes it is useful to try some lateral thinking in order to get out of a critical situation.

Come.. Lavorare sotto pressione

stress-cambiare-lavoro

Nessun lavoro è facile, forse delle mansioni, ma ogni professione ha le sue complessità e situazioni critiche. Per questo, la capacita di lavorare sotto pressione è una delle soft skills più apprezzate.

In un mondo ideale, tutti gli incarichi sono finalizzati e consegnati puntualmente.

Purtroppo, molto spesso, vi si chiede di lavorare su qualche cosa di imprevisto, ed è qui che dovete impiegare la vostra capacità di lavorare sotto pressione.

Come si può imparare a lavorare sotto pressione? Per alcuni è un talento innato, ma in altri casi, è una capacità da imparare. In basso vi proponiamo dei consigli su come padroneggiare questo specifico attributo:

  1. Mantenete il controllo anche in momenti di tensione: è molto facile perdere il controllo quando avete troppo lavoro ma, questa è esattamente l’ultima cosa da fare. Potete fare del vostro meglio solo se rimanete concentrati.
  2. Ricordatevi di pianificare: in circostanze molto frenetiche, non vi scordate di organizzare le vostre priorità.
  3. Fate un passo indietro: anche se molto in ritardo con i tempi di consegna o quando incombe un momento di crisi, cercate di fare un passo indietro e osservare che cosa deve essere modificato o risolto.
  4. Cercate di pensare fuori dagli schemi: a volte è molto utile ricorrere al pensiero laterale per uscire da una situazione critica.

Center for Career Services & ​Continuing Education
​John Cabot University 

jcu_high_res

The Sense of Belonging

The Sense of Belonging

BelongOne of the secrets to create a loyal and faithful team is to generate a sense of belonging within its members. In other words, the sense of belonging is to feel part of a work community, to identify yourself with the values and principles of a business, to respect and preserve them.

To belong means to associate yourself with something, with a project, an idea, a group and it is this that motivates people in their work and in life. It is the sense of belonging that makes people feel unique and special, that makes them stay instead of walking away from something.

Most importantly, it is this sense that leads to act to the best of your capabilities and always strive to improve. Belonging to a team and to a common objective brings people to perform with more passion and goodwill.

Il senso di appartenenza

Uno dei segreti per avere un team Belonging-800-x-400leale e fedele nel tempo è quello di generare un senso di appartenenza.

Il “sense of belonging” è un’appartenenza alla comunità aziendale così come al team; è una identificazione nei valori e nei principi dell’organizzazione, una espressione del rispetto e della custodia degli stessi. Appartenere significa sentirsi parte di qualcosa, di un progetto, di un’idea, di un gruppo ed è questo che motiva le persone sul lavoro e nella vita.

È il senso di appartenenza che rende le persone uniche e speciali, che le porta a restare invece che ad andarsene. È soprattutto questo che le porta a dare il massimo e a fare sempre meglio. Sentirsi parte di un team e di un obiettivo comune porta a compiere il proprio dovere con piu passione e buona volontà.

Center for Career Services & ​Continuing Education
​John Cabot University 

jcu_high_res

 

%d bloggers like this: