Center for Career Services & Continuing Education

John Cabot University’s Center for Career Services & Continuing Education is your bridge between your academic and professional careers. Whether you want to pursue further study in graduate school or hope to begin a career, we can help you achieve those goals.

Month: January, 2016

Internship and Study: It’s All About Your Attitude!

Internship and Study: It’s All About Your Attitude!

Working_while_you_Study.jpg

Attending four or five classes can make you feel overwhelmed, and, especially when in your finals’ week, it can feel even worse. Then you see the job description of that internship you always wanted and you wonder how you can possibly fit it in your schedule. As a result, you might end up renouncing. However, if you are truly motivated, don’t be discouraged; you will be surprised to discover how influent a change of attitude in these situations can be.

First thing, read attentively the job description in order to understand the activities and responsibilities involved. After that, one thing to keep in mind is that your potential employers are offering a position for students, meaning that they are completely aware that interns will have to split their time between work and study. Thus, if you have the chance to get an interview with the company you are interested in, do not forget that many times it is possible to negotiate office hours. Of course, you have to be aware of your limits and time management skills: know also that these are skills that can be acquired through experience. Indeed, being able to manage time and different commitments is one of the main skills potential employers and companies look for in junior profiles.

Acquiring such an ability early in your professional path will provide you with a competitive advantage for your future career, facilitating the passage from being a student to a professional. A good idea is to plan everyday carefully, to organize your work and study schedule attentively. Keep a written agenda of your plans, so that you have a track to follow.  Being a good time manager requires dedication, precision and sometimes some sacrifices but you can be sure that in the end you will see great results, both in your personal and professional life.

Lavoro e studio: è tutta una questione di attitudine!

The-DriVen-Class-Balancing-Work-School

Studiare per quattro o cinque esami in un semestre può risultare molto pesante e, specialmente durante la sessione d’esami, può diventare ancora peggio. Appare poi quella posizione di stage che hai sempre sognato e ti domandi come si possa verosimilmente farla rientrare nei tuoi programmi giornalieri. Di conseguenza, potresti trovarti alla fine a rinunciare. Ad ogni modo, se sei veramente motivato, non c’è da scoraggiarsi. Rimarrai sorpreso nel vedere come possa essere decisivo un cambio di attitudine in questo tipo di situazioni!

Per prima cosa, bisogna leggere attentamente la descrizione della posizione in maniera tale da capire le attività e responsabilità implicate. Dopodiché, una cosa da tenere a mente è che la posizione offerta dai vostri potenziali datori di lavoro è specifica per studenti. Ciò significa che sono completamente consapevoli del fatto che gli stagisti dovranno riuscire a organizzare il proprio tempo tra studio e lavoro. Perciò, se riuscite ad ottenere un colloquio con un’azienda di vostro interesse, non dimenticate che la maggior parte delle volte è assolutamente possibile negoziare gli orari di lavoro. Di certo bisogna essere consapevoli dei propri limiti e capacità di gestione del tempo: sappiate anche che queste skills vengono acquisite nel tempo tramite l’esperienza. Infatti, essere in grado di gestire tempi e impegni differenti è una delle skills principali che i potenziali datori di lavoro e le aziende in generale ricercano nei profili junior.

Acquisire tale abilità agli inizi del proprio percorso professionale vi permetterà di avere un vantaggio competitivo per la vostra carriera futura, facilitando il passaggio da studente a professionista. Pianificare ogni giornata con cura è sicuramente una buona idea, così come preparare il proprio programma di studio e lavoro attentamente e tenere un’agenda dei propri impegni così da avere una strada da seguire. Saper gestire il proprio tempo richiede dedizione, precisione e alle volte alcuni sacrifici, ma potete stare certi che alla fine arriveranno grandi risultati sia nella vita professionale che in quella privata.

Center for Career Services & ​Continuing Education
​John Cabot University 

jcu_high_res

The Importance of Doing an Internship while Studying

The Importance of Doing an Internship while Studying

stageThe transition from study to work life is never easy. You might take some time to get used to the daily routine and understand many aspects of the business world.

You might not have clear ideas on the right career path to take. Although it might not answer all of your questions about the future, there is one way to lead you to the right path: obtain an internship during your undergraduate years.

In fact, working part time while you study, even if time consuming, can bring more than one benefit that should not be overlook:

  • Start building your network: nowadays, networking has become a crucial aspect while building your career. You might meet your next colleague, boss or client when you least expect it;
  • Have a peak into the professional world: through an internship, you start having a feeling of what it is like to work along with professionals. You learn different professional etiquettes and work ethics;
  • Understand your own self: by obtaining different positions and different experiences, you understand what you like and dislike which can then lead you to the right career choice;
  • Build your resume: having an internship while you study proves the employer that you are dynamic, organized and determined, someone who is willing to take on new challenges.

L’importanza di intraprendere uno stage durante il percorso di studi

grad-intershipLa transizione dallo studio alla vita lavorativa non è mai semplice. Ci vuole un po’ di tempo per abituarsi alla routine quotidiana e capire vari aspetti del mondo del lavoro.

Magari non si hanno neanche le idee chiare riguardo quale percorso di carriera perseguire. Anche se non dovesse risolvere ogni dubbio, un modo per avviarsi verso la strada giusta esiste: fare uno stage durante il percorso di studi.

In effetti, un lavoro part-time mentre si studia, anche se impegnativo, può comportare dei benefici non poco rilevanti:

  • Iniziare a crearsi un proprio network: oggi giorno il networking è diventato un aspetto cruciale per lo sviluppo del proprio futuro lavorativo. Si può conosce un potenziale collega, capo o cliente in maniera inaspettata;
  • Avere un’idea del mondo professionale: tramite uno stage, si incomincia ad avere un’idea di come si lavora con dei professionisti. S’impara quale è l’etichetta, le dinamiche e l’etica del mondo del lavoro;
  • Capire se stessi: lavorando per diverse aziende e facendo diverse esperienze, si può conoscere se stessi. Capire cosa può piacere può aiutare a indirizzarsi verso la carriera più giusta;
  • Sviluppo del proprio CV: svolgere uno stage durante lo studio fa intendere a un possibile futuro datore di lavoro che si è una persona dinamica, organizzata, determinata e disposta a intraprendere nuove sfide.

Center for Career Services & ​Continuing Education
​John Cabot University 

jcu_high_res

What is Continuing Education and What is Its Meaning in the Path of a Young Graduate?

What is Continuing Education and What is Its Meaning in the Path of a Young Graduate?

meeting-cyp-2

The path through higher education is certainly one of the most defining periods in the life of a young man or woman. Especially, continuing education programs help develop and broaden the knowledge previously obtained, while translating it in those professional competences that will be useful in the years to come. In fact, differently from the undergraduate programs, continuing education courses are focused on practical experimentation. Learning goes beyond the theoretical and analytical teaching, touching also many aspects from the business world.

One of the objectives of continuing education programs is to help graduates build their professional path, and thus facilitate and orient young people through the delicate passage from being a student to a professional. Once continuing education is completed, individuals must have developed specific competences, but mainly they must have learned how to present themselves to the job market. After having accomplished a continuing education program, young individuals must be conscious of their strengths and weaknesses, and, most importantly, how to present themselves to a potential employer.

To be able to figure out who we are and who we want to be is one of those questions, eventually, we all ask ourselves and try to answer. One of the objectives of continuing education is, indeed, to help young people and professionals answer these questions and find within their qualities and knowledge the passions and capabilities that will lead them to the job that best represents them.

Che cos’è un master e qual è il suo significato nel percorso di un neolaureato?

3966

Il percorso dell’alta formazione è senza dubbio uno dei periodi più determinanti della vita di un giovane. Soprattutto il percorso di un master, serve a sviluppare ed ampliare conoscenze precedentemente acquisite e a tradurle in quelle competenze professionali che verranno usate negli anni a seguire. Infatti, a differenza del percorso triennale, un master si concentra anche sull’aspetto di sperimentazione pratica. L’insegnamento va oltre l’apprendimento teorico e analitico toccando anche molti aspetti del mondo professionale.

Uno degli obbiettivi di un master è aiutare i neo-laureati nella costruzione del loro percorso professionale, e quindi di orientarli e facilitare il delicato passaggio da studenti a professionisti. Una volta completato un master, il giovane deve aver sviluppato le proprie competenze, ma principalmente deve sapersi presentare al mercato del lavoro. Infatti dopo un master, il giovane deve essere consapevole dei propri punti di forza e debolezza e soprattutto come esporre le proprie qualità a un possibile datore di lavoro.

Stabilire chi siamo e chi vogliamo diventare da grandi è una delle domande che tutti prima o poi ci poniamo e a cui cerchiamo di rispondere. L’obbiettivo di un master è anche quello di aiutare giovani e professionisti a rispondere queste domande e a trovare tra le proprie qualità e conoscenze, le passioni e capacità che li condurranno alla professione che più li rappresenta.

Center for Career ServicesContinuing Education
John Cabot University 

jcu_high_res

How to… Deal with a Conflict

How to… Deal with a Conflict

employee-conflict

Conflicts happen often within a business, both between team members and between offices. To deal with a conflict one needs to recognize the situation, decide how to react to it and what behavior to adopt. Sometimes, a conflict can be patent, because of someone’s passive aggressiveness or lack of communication. Other times, however, it can be more difficult to distinguish, for example, in the reluctant share of information.

The methods to deal with a conflict depend on various factors: the contest, the people involved and the hierarchical relationship between individuals. Because of this, there is not one rule to follow. Below are some examples:

— Ignore the conflict: pretend nothing happened and hope it resolves on its own. This strategy can work in minor cases, but if the conflict is serious and complex it can only worsen the situation.

— Allow the conflict: if stress was the main cause behind the conflict, then it might be good to deal with it peacefully, let the conflict happen and let it resolve on its own.

— Prevent the conflict: you can prevent a conflict by fostering the collaboration between individuals and insist to have a constructive criticism and not a destructive one.

— Resolve the conflict: deal with the conflict and eliminate its causes. This means ensuring that the problem will not persist, for example, improving the communication flow between parties.

— Diminish the size of the conflict: sometimes you can contain the conflict offering the parties involved something in exchange, something that they need and it is possible to obtain without pursuing the conflict: a true negotiation.

Come… gestire un conflitto

CreatingCommunity_Conflict_02_

I conflitti si verificano spesso all’interno di una azienda, sia tra i membri di un team che tra diverse divisioni. Infatti, per gestire un conflitto occorre percepire la situazione, decidere in che maniera reagire e capire quale condotta adottare. Il conflitto si può percepire facilmente, si intuisce dalla freddezza nelle relazioni e dalle difficoltà di comunicazione, ma può anche essere più difficile da intuire ad esempio nella difficolta nel condividere delle informazioni.

La gestione del conflitto dipende da vari fattori: il contesto in cui il conflitto si genera, le persone coinvolte ed il rapporto gerarchico. Non esiste un’unica regola per gestire un conflitto, ecco alcuni esempi:

— Ignorare il conflitto: far finta di nulla e sperare che il conflitto si risolva. Questa strategia in casi poco gravi funziona, ma nelle situazioni più serie rischia solo di aggravarla.

— Consentire il conflitto: se lo stress è la ragione del conflitto, può essere giusto gestirlo con calma, facendo in modo che il conflitto abbia luogo e che si risolva da solo.

— Prevenire il conflitto: si può prevenire un conflitto favorendo la collaborazione tra gli individui, insistendo per avere una critica costruttiva e non distruttiva.

— Risolvere il conflitto: gestire il conflitto ed eliminare le cause che lo hanno generato. Questo vuol dire fare in modo che il conflitto non accada più in futuro ad esempio, provando a migliorare i flussi comunicativi.

— Ridurre le dimensioni del conflitto: alle volte il conflitto può essere contenuto offrendo alle parti coinvolte qualcosa in cambio, qualcosa che a loro serve e che è possibile ottenere senza protrarre il conflitto: una vera e propria negoziazione.

Center for Career Services & ​Continuing Education
​John Cabot University 

jcu_high_res

The Psychological Contract: How to Manage Expectations during an Interview

The Psychological Contract: How to Manage Expectations during an Interview

contratto

According to Edgar H. Schein, the Psychological Contract is a fundamental element in the development of a business relationship. It refers to the complete set of expectations that workers and companies, or employers, share.

Though the nature of this kind of contract is implicit, it does not mean it is less relevant.

Indeed, it is very important to be able to understand and learn how to get to know human resources’ expectations: what do we expect from their role? Where are we directing their activities and performance? How to we envision their everyday presence in the team?

What are the benefits of a healthy psychological contract?

  • To avoid and limit any expression of personal or collective frustration;
  • To feed a good atmosphere of professional commitment and motivation;
  • To enhance the quality of the relationships at workplace.

What are the tools to perfect in order to make this kind of contract the more explicit?

  • Circulate a clear and detailed job description with a short description of the company and its culture;
  • Devote the right time to the selection process, as an opportunity to clarify and demonstrate on the field what the company is expecting from the worker, but especially to test if the employer-company match works well;
  • Clarify what the employee can possibly expect from the company/employer in terms of professional growth, career, compensation, benefits or rewards, learning opportunities.

Il contratto psicologico: la gestione delle aspettative in un colloquio di lavoro

Counseling.jpg

Il contratto psicologico, secondo Edgar H. Schein, è un elemento fondamentale nella costituzione di un rapporto di lavoro. Esso rappresenta l’insieme delle aspettative che lavoratori ed aziende, o datori di lavoro, hanno gli uni nei confronti degli altri.

Si tratta di un contratto di natura implicita, ma non per questo di rilevanza minore.

Infatti, è molto importante saper comprendere e imparare a conoscere le aspettative di una risorsa: cosa ci aspettiamo dal suo ruolo? A cosa indirizziamo le sue attività e la sua performance? Come immaginiamo la sua presenza quotidiana nel team?

Quali sono i benefici di un sano contratto psicologico?

  • Evitare e limitare ogni manifestazione di delusione personale o collettiva;
  • Alimentare un buon clima di motivazione e impegno professionali;
  • Aumentare la qualità delle relazioni nell’ambiente lavorativo.

Quali sono gli strumenti da affinare per rendere il più possibile questo tipo di contratto da implicito a esplicito?

  • Circolare una chiara e dettagliata job description che riporti una breve descrizione dell’azienda e della sua cultura;
  • Dedicare un giusto tempo alla selezione della risorsa, considerandola un’occasione per chiarire e dimostrare sul campo cosa ci si aspetta da essa, ma soprattutto testare concretamente se il match azienda-risorsa funziona;
  • Chiarire cosa la risorsa è in condizioni di aspettarsi dall’azienda, in termini di crescita professionale, carriera, retribuzione, benefit o premi, opportunità di formazione.

Center for Career Services & ​Continuing Education
​John Cabot University 

jcu_high_res

%d bloggers like this: