How to… Deal with a Conflict

by jcucareerservices

How to… Deal with a Conflict

employee-conflict

Conflicts happen often within a business, both between team members and between offices. To deal with a conflict one needs to recognize the situation, decide how to react to it and what behavior to adopt. Sometimes, a conflict can be patent, because of someone’s passive aggressiveness or lack of communication. Other times, however, it can be more difficult to distinguish, for example, in the reluctant share of information.

The methods to deal with a conflict depend on various factors: the contest, the people involved and the hierarchical relationship between individuals. Because of this, there is not one rule to follow. Below are some examples:

— Ignore the conflict: pretend nothing happened and hope it resolves on its own. This strategy can work in minor cases, but if the conflict is serious and complex it can only worsen the situation.

— Allow the conflict: if stress was the main cause behind the conflict, then it might be good to deal with it peacefully, let the conflict happen and let it resolve on its own.

— Prevent the conflict: you can prevent a conflict by fostering the collaboration between individuals and insist to have a constructive criticism and not a destructive one.

— Resolve the conflict: deal with the conflict and eliminate its causes. This means ensuring that the problem will not persist, for example, improving the communication flow between parties.

— Diminish the size of the conflict: sometimes you can contain the conflict offering the parties involved something in exchange, something that they need and it is possible to obtain without pursuing the conflict: a true negotiation.

Come… gestire un conflitto

CreatingCommunity_Conflict_02_

I conflitti si verificano spesso all’interno di una azienda, sia tra i membri di un team che tra diverse divisioni. Infatti, per gestire un conflitto occorre percepire la situazione, decidere in che maniera reagire e capire quale condotta adottare. Il conflitto si può percepire facilmente, si intuisce dalla freddezza nelle relazioni e dalle difficoltà di comunicazione, ma può anche essere più difficile da intuire ad esempio nella difficolta nel condividere delle informazioni.

La gestione del conflitto dipende da vari fattori: il contesto in cui il conflitto si genera, le persone coinvolte ed il rapporto gerarchico. Non esiste un’unica regola per gestire un conflitto, ecco alcuni esempi:

— Ignorare il conflitto: far finta di nulla e sperare che il conflitto si risolva. Questa strategia in casi poco gravi funziona, ma nelle situazioni più serie rischia solo di aggravarla.

— Consentire il conflitto: se lo stress è la ragione del conflitto, può essere giusto gestirlo con calma, facendo in modo che il conflitto abbia luogo e che si risolva da solo.

— Prevenire il conflitto: si può prevenire un conflitto favorendo la collaborazione tra gli individui, insistendo per avere una critica costruttiva e non distruttiva.

— Risolvere il conflitto: gestire il conflitto ed eliminare le cause che lo hanno generato. Questo vuol dire fare in modo che il conflitto non accada più in futuro ad esempio, provando a migliorare i flussi comunicativi.

— Ridurre le dimensioni del conflitto: alle volte il conflitto può essere contenuto offrendo alle parti coinvolte qualcosa in cambio, qualcosa che a loro serve e che è possibile ottenere senza protrarre il conflitto: una vera e propria negoziazione.

Center for Career Services & ​Continuing Education
​John Cabot University 

jcu_high_res

Advertisements