Center for Career Services & Continuing Education

John Cabot University’s Center for Career Services & Continuing Education is your bridge between your academic and professional careers. Whether you want to pursue further study in graduate school or hope to begin a career, we can help you achieve those goals.

Month: February, 2016

What Are Public Relations?

What Are Public Relations?

154067314-about-us1.jpg

Public Relations, as the words suggest, involve the ability of a promoter to create a lasting connection between a company and its public. This kind of activity does not simply consist in persuading an audience about the validity of a business, but rather to show and tell why and how the activity that is being promoted can be useful or interesting for those people listening. In order to create a relation with the public, it is fundamental to generate trust and loyalty. Public relation activities have exactly these functions: to attract people, convince them of the peculiarity and usefulness of a business, and induce a feeling of trust in the audience.

Public Relations and Advertising are often mixed up; however, there is one main and consistent difference between the two. Public relations is about people and networking, it is earned along the way with credibility. This is why, Public Relations is often referred to as “the persuading business” and accomplishments are based on how good you persuade the external and internal audiences via unpaid or earned methods. Advertising, on the other hand is expensive. Buying a spot for street posters in public places, or even in the paid sections of newspapers can cost a lot of money and not everyone can afford it.

Now, what are the characteristics of a Public Relations expert? All PR people are great communicators and storytellers. They need to analyze the organization, find the positive messages and translate those messages into positive stories.  For example, people working in PR are often involved in restoring the image of a company, trying to develop its positive reputation, possibly following a scandal or occurrence generating a negative public opinion.

Gradually, nowadays the image of a company or organization, as well as of individuals themselves, on social media has also become of crucial importance. Being able to describe in an appealing and concise way your activity on Twitter; choosing the right, attractive image that represents your business on Instagram; writing a straight forward not too long post on Facebook, can all amplify the effectiveness of PR activities.

In conclusion, Public Relations are mainly based on the capability to use language effectively and to present and idea in a persuasive way, shaping a reliable and trustworthy image for your activity or business. This is a fundamental step to be competitive on the market.

What do you think about Public Relations? Do you think they are important in the establishment and development of a business? Most of all, do you believe this is mainly a business-oriented people’s activity? Could a humanistic studies background turn out to be useful for this field?

Che cosa sono le Pubbliche Relazioni?

Word Pr.wooden Cubes On Magazine

Le Pubbliche Relazioni, come le parole suggeriscono già, comprendono la capacità di un promoter di creare una connessione duratura tra un’azienda o organizzazione ed il suo pubblico. Questo tipo di attività non si limita al persuadere l’audience circa la validità di un business o prodotto, ma consiste piuttosto nel mostrare e raccontare all’esterno come e perché l’attività promossa possa essere di una qualche utilità o interesse. Per creare un rapporto con il pubblico, è fondamentale generare fiducia e fedeltà. Le attività di pubbliche relazioni hanno esattamente questa funzione: attrarre persone, convincerle della peculiarità e l’utilità di un business ed infine indurre un sentimento di fiducia.

Anche se spesso confuse tra di loro, le Pubbliche Relazioni e la pubblicità sono due attività molto distinte. Le Pubbliche Relazioni hanno a che fare con le persone ed il networking, crescono di pari passo con la credibilità. Questo è il motivo per cui le Pubbliche Relazioni vengono anche dette “il business della persuasione” e i loro risultati vengono spesso misurati su quanto si riesca a convincere il pubblico sia esterno che interno attraverso metodi a costo zero. La pubblicità, d’altra parte, è spesso costosa. L’acquisto di uno spazio la per cartellonistica stradale in luoghi pubblici o anche nelle sezioni a pagamento di giornali può costare un sacco di soldi e non tutti possono permetterselo.

Quindi, quali sono le caratteristiche di un esperto in Pubbliche Relazioni? Tutte le persone delle PR sono dei grandi comunicatori e narratori. È necessario saper analizzare l’azienda di riferimento, trovare i messaggi positivi che essa racchiude e tradurre questi messaggi in storie positive. Ad esempio, le persone che lavoro nelle PR sono spesso coinvolte nella riqualificazione dell’immagine di una azienda, cercando di sviluppare la sua reputazione positiva, magari a seguito di uno scandalo o evento che abbia potuto generare un’opinione pubblica negativa.

Oggigiorno l’immagine di un’azienda o organizzazione, ma anche degli individui stessi, sui social media è divenuta gradualmente di vitale importanza. Essere in grado di descrivere la propria attività in maniera accattivante e concisa su Twitter, scegliere l’immagine giusta e seducente che possa rappresentare il proprio business su Instagram; scrivere dei post chiari e concisi su Facebook possono portare ad amplificare notevolmente l’efficacia delle attività di PR.

In conclusione, le Pubbliche Relazioni si basano essenzialmente sulla capacità di saper utilizzare il linguaggio in maniera efficace per presentare un’idea o concetto in modo persuasivo, dando vita ad una immagine sicura e affidabile di una data attività o business. Si tratta di un passo fondamentale per essere competitivi sul mercato e avere successo.

Che cosa ne pensate delle PR? Pensate che siano importanti nella creazione e sviluppo di un business? Soprattutto, credete che questa sia un’attività riservata a persone specializzate nella gestione di business? O pensate che un background umanistico possa rivelarsi utile?

Center for Career Services & ​Continuing Education
​John Cabot University 

cropped-jcu_high_res.jpg

How to… Build Your LinkedIn Profile

How to… Build Your LinkedIn Profile

AAEAAQAAAAAAAAWKAAAAJDNhNDUyNGFkLWQ5YzctNDQzMC1hMGYzLWEwNWM0YmViNTI2Yg

In the most recent years, LinkedIn has grown to become the most popular professional network for many companies, organizations and professionals around the world. LinkedIn provides different tools that help you organize and plan your job search, making easier to hunt and apply for the perfect position. Therefore, creating an impressive profile on this platform has become one of the main methods to build your professional career.

Here are some suggestions for you in order to have an effective LinkedIn alter-ego:

  • Your picture: would you go to a formal interview in your gym clothes? Your picture on LinkedIn is the first impression an employer will have of you. Make sure the picture is high quality and recent. Avoid casual photos, such as the vacation ones, and pictures that give prominence to the landscape. Prefer half-length and close-up photos, and try to have a natural pose with unforced expressions.
  • Headline: this is your business card on the web, as it is the section that also people who are not connected with you can check. The headline gives you an identity, thus it should be clear, truthful, concise, and understandable to others. Use keywords referring to your areas of expertise, your studies, and your interests.
  • Summary: do not disregard this section, most people scroll this part quickly to get an idea about you, so it should not exceed five/six lines. The summary helps in making a positive first impression and should complement the information you give in your resume. List the outcomes you have achieved professionally using keywords and make lists with bullet points and detailed information.
  • Experience: In this section, you can use lists to save space and, as you report the different positions you held, it is a good idea to tag the LinkedIn official pages of the organizations you worked in. Also, make sure you include any particular project that you have personally created and put into action; attach files or includes links to them when they are available. Moreover, do not be afraid to ask recommendations from your past employers if you think they could help you to add credibility.
  • Education: start with your fields of study, relevant courses, your GPA, thesis, and the logo of the institution where you studied. If you have studied abroad, make sure that you include it in your profile. It will show potential employers that you are open-minded and not afraid of new challenges.
  • Others: certifications, publications, languages, interestsvolunteer experience: these are all other subjects you should add to complete your profile. There is no limit on LinkedIn so elaborate as much as possible, however do remember to make it clear so that people can easily scan through it.
  • Go live: After you complete all the previous steps it is time to go live! Join groups; follow companies and organizations that relate directly to your skills, career goals and interests; join discussions and do not be afraid to comment.

Use LinkedIn and start to network! This is one of the most efficient ways to start building your career path.

For more suggestions to create your LinkedIn profile, take a look at this interesting infographic on Social Media Today: http://goo.gl/MGT89E.

Come… costruire un profilo LinkedIn

linkedin_lavoro-720x375.jpg

Negli anni più recenti LinkedIn è diventato il network professionale più popolare per molte aziende ed organizzazioni in tutto il mondo. LinkedIn fornisce tutti gli strumenti per aiutarti nella tua ricerca di lavoro, rendendo più facile scovare la posizione perfetta e fare domanda. Per questo creare un profilo efficace su questa piattaforma è diventato uno dei metodi migliori per costruire la tua carriera professionale.

Ecco alcuni suggerimenti per creare un profilo LinkedIn:

  • La tua foto: andresti ad un colloquio formale in tuta da ginnastica? La foto su LinkedIn è la prima impressione che un datore di lavoro avrà di te. Accertati che la foto sia recente e di alta qualità. Evita foto troppo casual, come quelle di vacanze, o foto che privilegiano il paesaggio. Usa foto a mezzobusto e primi piani e cerca di avere una posa naturale, evitando espressioni forzate.
  • Intestazione: questa parte è il tuo biglietto da visita sul web, visto che anche chi non è ancora connesso con te la può vedere. L’intestazione ti attribuisce un’identità, perciò dovrebbe essere chiara, concisa, veritiera e comprensibile a tutti. Usa parole chiave che si riferiscano ai tuoi ambiti di esperienza, ai tuoi studi e ai tuoi interessi.
  • Riassunto: non sottovalutate questa parte, la maggior parte delle persone di solito quella che scorre velocemente questa sezione per farsi un’idea del tuo profilo, perciò non dovrebbe eccedere cinque/sei righe. Il riassunto può essere di grande aiuto per fare una buona impressione e dovrebbe combaciare con le informazioni riportate sul tuo curriculum. Elenca gli obbiettivi professionali che hai raggiunto utilizzando parole chiave ed informazioni dettagliate.
  • Esperienza: in questa sezione puoi usare liste per risparmiare spazio e quando elenchi le varie posizioni che hai occupato può essere una buona idea taggare le pagine LinkedIn ufficiali delle aziende in cui hai lavorato. Inoltre accertati di includere qualsiasi progetto che hai creato personalmente e che hai messo in azione e, se disponibili, aggiungi in allegato file o includi link ai tuoi progetti. Infine, non avere paura di chiedere raccomandazioni ai tuoi datori di lavoro passati se pensi che ciò ti possa aiutare.
  • Educazione: inizia con le tue aree di studio, corsi rilevanti, la tua media, la tua tesi ed il logo dell’istituzione in cui hai studiato. Se hai studiato all’estero includilo nel tuo profilo. Tale esperienza mostrerà ai potenziali datori che hai una mente aperta e che non hai paura delle nuove sfide.
  • Altro: certificati, pubblicazioni, lingue, interessi, volontariato: sono tutte informazioni che puoi aggiungere al tuo profilo per completarlo. Non c’è limite su LinkedIn quindi cercate di essere il più completi possibile, senza mai dimenticare di essere chiari, così che tutti possano recepire le informazioni facilmente.
  • Entra in scena: dopo aver completato tutti i passaggi è tempo di passare all’azione! Prendi parte ai gruppi; segui le aziende e le organizzazioni che si addicono alle tue competenze, ai tuoi obbiettivi lavorativi e ai tuoi interessi; prendi parte alle discussioni e non aver paura di commentare.

Usa LinkedIn e comincia a creare la tua rete di relazioni professionali! Questo è uno dei modi più efficaci per iniziare a costruire il tuo percorso lavorativo.

Se volete qualche consiglio in più su come creare il vostro profilo LinkedIn, date un’occhiata a questa interessante infografica di Social Media Today: http://goo.gl/MGT89E.

Center for Career Services & ​Continuing Education
​John Cabot University 

cropped-jcu_high_res.jpg

How to… Be a Good Mediator

How to… Be a Good Mediator

WB_mediation_pm

The mediator is a third party that is supposed to help to solve a negotiation between two other parties in a neutral and objective way. Being able to have such a role is an extremely versatile quality that can be useful in many different fields within the job market: Business, Art, Education, Customer Management, Law etc…

At this point the question is: what are the skills that make a good mediator?

One of the essential qualities is objectiveness. A mediator needs to have perfect self-control and act in a detached way in order to solve the conflict objectively. A good mediator needs to be able to discuss with the other party without showing emotions, especially the bad ones, such as impatience or nervousness, as it could cause the other party to pull back, compromising the mediation.

A good mediator must be confident and give the impression of being reliable. For this reason, it is important to have full control of the way you speak, the way you move, and even the way you present yourself. Being confident does not mean talking over the other person – in fact, a good mediator is also a good listener – and most importantly being able to express yourself clearly. Furthermore, the way one acts and the way one dresses can influence the other party’s perception, so showing good manners and having a professional look is paramount.

Finally, when it comes to the point to reach an agreement, it is a good idea to start from the parts of the conflict that seem to be easier to solve. That would make the atmosphere less tense and create a good empathy. Then it is possible go on with the other issues, trying to report the opinions of both parties objectively and find the agreement that can satisfy both of them.

A mediator has the role to lead two parties to understand one another and find solutions that can satisfy both of them, without expressing personal opinions but only representing those of the people involved in the conflict. Even though not all negotiations are going to satisfy both parties, a neutral mediator will always be a successful one.

 

Come… Essere un buon mediatore

family-business-mediation

Il mediatore è una terza parte che deve aiutare a risolvere una negoziazione tra due parti in modo neutrale e oggettivo. Essere in grado di esercitare tale ruolo è una qualità estremamente utile in qualsiasi campo del mondo del lavoro: Business, Arte, Educazione, Gestione del Personale, Legge etc…

A questo punto la domanda è: quali sono le caratteristiche di un buon mediatore?

Una delle qualità essenziali è l’oggettività. Un mediatore deve possedere un perfetto autocontrollo ed agire in maniera distaccata in modo da risolvere il conflitto oggettivamente. Un buon mediatore deve essere in grado di discutere con l’altra parte senza mostrare le proprie emozioni, specialmente quelle negative, quali impazienza e nervosismo, poiché questo potrebbe portare l’altro a tirarsi indietro compromettendo la mediazione.

Un buon mediatore deve essere sicuro di sé e dare un’impressione di affidabilità. Per questa ragione è importante avere pieno controllo di come si parla, come ci si muove, e perfino come ci si presenta. Essere sicuri non significa parlare sopra agli altri – infatti un buon mediatore è anche un buon ascoltatore– ma essere in grado di esprimersi chiaramente. Inoltre, il modo in cui ci si comporta e la maniera in cui ci si veste può influenzare la percezione altrui, quindi dimostrare di avere buone maniere e avere un aspetto professionale è indispensabile.

In fine, quando arriva il momento di giungere ad un accordo, è una buona idea iniziare con le questioni che sembrano essere più facili da risolvere. Questo renderà l’atmosfera meno tesa e creerà empatia. Poi si potrà andare avanti con le altre problematiche, cercando di riportare le opinioni di entrambe le parti oggettivamente in modo da soddisfarle entrambe.

Un mediatore ha il ruolo di portare le due parti a comprendersi a vicenda e a trovare soluzioni che le soddisfino, senza esprimere opinioni personali ma solo rappresentando quelle delle persone coinvolte nel conflitto. Anche se non tutte le negoziazioni possono soddisfare tutte e due le parti, un mediatore neutrale sarà sempre un mediatore di successo.

Center for Career Services & ​Continuing Education
​John Cabot University 

cropped-jcu_high_res.jpg

How to… Sign an Email

How to… Sign an Email

typing

Often disregarded and forgotten when writing an email: your signature. Especially now, when most of the communication is done through email, a simple abbreviation or an image is definitely not enough. Your signature has become a reflection of who you are and many will evaluate your professionalism through it. Therefore, before sending your next email give a quick look at your signature and keep the next details in mind:

  • Do make sure that your font matches, or at least mimics, the text in the email. Avoid using colorful font, which can easily distract your reader from the content of the email.
  • Include your telephone number and your email address, so that is easier for others to contact you if needed.
  • Not every person appreciates quotes or personal anecdotes. Carefully evaluate who is the receiver before you include such items, you might offend them or give them the wrong impression of you.
  • Select the contact information that is most applicable to your position and your regular job duties. Four lines is usually the standard length.
  • Make sure you update your signature on your mobile device if you frequently use it to send messages.
  • Be careful using an image of your signature instead of text. Depending on the browser, the signature might look different or not even go through.
  • If your company makes use of social media, you may consider adding the icons that hyperlink to the pages, but always make sure it is compatible with other systems.
  • Avoid including a legal disclaimer unless required to do so.

 

Come… firmare una mail

freelance-writing-tips-900x423

La firma digitale è spesso trascurata o addirittura dimenticata quando si scrive una email. Soprattutto oggi, quando la maggior parte della comunicazione lavorativa avviene tramite email, una semplice abbreviazione o un’immagine non è sicuramente sufficiente. La firma è diventata il riflesso di noi stessi e molti valuteranno la vostra professionalità tramite essa. Pertanto, prima di inviare la vostra prossima email, verificate la vostra firma tenendo in mente i seguenti consigli:

  • Fate in modo che il font corrisponda, o almeno imiti, il testo della mail. Evitate l’uso di caratteri colorati, i quali possono facilmente distrarre il lettore dal contenuto;
  • Includete il vostro numero di telefono ed indirizzo di posta elettronica, in modo che sia più facile per gli altri contattarvi in caso di necessità;
  • Non tutte le persone apprezzano citazioni o aneddoti personali. Valutate attentamente chi riceve la email prima di includere tali tocchi personali, dato che potreste offendere o dare un’impressione sbagliata;
  • Selezionate le informazioni più applicabili alla vostra posizione lavorativa e le vostre funzioni di lavoro. Quattro linee, usualmente, rappresentano la lunghezza standard;
  • Assicuratevi di aggiornare la vostra firma digitale anche sul tuo dispositivo mobile;
  • Fate attenzione ad utilizzare un’immagine della propria firma al posto del testo. A seconda del browser, la firma potrebbe essere diversa o addirittura non inviarsi;
  • Se la vostra azienda utilizza social media networks, considerate di aggiungere le icone con i rispettivi hyperlink;
  • Evitate di includere dichiarazioni di responsabilità legale a meno che non sia strettamente necessario.

Center for Career Services & ​Continuing Education
​John Cabot University 

cropped-jcu_high_res.jpg

The Email You Send Mirrors the Person You Are

The Email You Send Mirrors the Person You Are

email-personality2

Your handwriting can tell a lot about your personality. By studying if your writing slants to the left or to the right, if it is rounded or pointy, big or small, graphologists can tell what kind of person you are.

Do you think that an email can save you from this kind of “writing analysis?” You are wrong. An email can tell exactly as much as a handwritten message.

There are four main components that can make an email successful (or a complete disaster, if not well managed):

  • Your email address: when you send a business email, to get an interview for example, the person you are writing to might not know your name yet. Therefore, your email address will be the electronic name you are using to introduce yourself. It goes without saying that it should be appropriate and professional; leave nicknames for informal communications with your friends.
  • Subject: don’t forget to put it! If employers receive an email without the subject line, they will probably put it in the spam section or in the trash, together with your chance to get an interview. Keep it short, direct, and always professional.
  • Body: Start with a greeting and by introducing yourself. Respect grammar and punctuation rules. Don’t use all capital letters, use them properly according to punctuation. Use commas, periods, semicolons etc., do not just write an uninterrupted flow of ideas, and, obviously, check your spelling.
  • Conclusion: Thank for the time and attention they are taking to read it and call them to action, inviting them to contact you. At this point, your signature is equally important. Write your full name, not only your initials, and it can be a good idea to add also your phone number.

An email can influence the way they perceive you. Writing an email that reflects the “best you” can make the difference in the business world!

L’email che mandi rispecchia la persona che sei

email-personality.jpg

La tua grafia può dire molto della tua personalità. Studiando se la tua scrittura si inclina verso destra o verso sinistra, se è tonda o spigolosa, grande o piccola, i grafologi sono in grado di capire che tipo di persona sei.

Pensi che un’email possa salvarti da questa “analisi calligrafica?” Ti sbagli. Un’email può dire esattamente tanto quanto una lettera scritta a mano.

Ci sono quattro componenti principali che possono rendere una mail un successo (o un completo disastro, se non sono ben gestiti):

  • Il tuo indirizzo email: quando mandi un’email di lavoro, per un colloquio per esempio, la persona a cui scrivi potrebbe non conoscere ancora il tuo nome. Quindi il tuo indirizzo email sarà il nome elettronico con cui ti presenterai. Per questo motivo scegline uno appropriato e professionale e lascia i soprannomi alle conversazioni informali con gli amici.
  • Soggetto: non scordare di metterlo! Se un datore di lavoro riceve una mail senza soggetto probabilmente la metterà tra gli spam o nel cestino, insieme alla tua possibilità di avere un colloquio. Sii conciso, diretto e professionale.
  • Corpo principale: inizia salutando e introducendoti. Rispetta la grammatica e la punteggiatura. Non scrivere tutto con le maiuscole, usale solo quando coerente con la punteggiatura. Usa virgole, punti, punto e virgole etc., non scrivere un flusso ininterrotto di idee, e controlla lo spelling.
  • Conclusione: ringrazia per il tempo e l’attenzione che ti sono stati concessi ed invitali a contattarti. A questo punto anche la tua firma è importante. Scrivi il tuo nome per esteso, non solo le tue iniziali, e magari aggiungi il tuo numero di telefono.

Un’email può influenzare il modo in cui vieni percepito. Scrivere un’email che rappresenti la versione migliore di te può fare la differenza nel mondo professionale!

Center for Career Services & ​Continuing Education
​John Cabot University 

cropped-jcu_high_res.jpg

 

%d bloggers like this: