Center for Career Services & Continuing Education

John Cabot University’s Center for Career Services & Continuing Education is your bridge between your academic and professional careers. Whether you want to pursue further study in graduate school or hope to begin a career, we can help you achieve those goals.

Month: March, 2016

The Art of Discretion

The Art of Discretion

Male Gossips 2

Discretion, especially in the business world, is considered an invaluable asset. A discreet person is someone people trust, someone people share personal and professional manners with, knowing nothing will be divulged. A discreet individual is concentrated on the job and does not let personal troubles interfere.  Discretion does not mean that you do not have to be friendly, it simply means that you become  reliable and responsible in the workplace, in other words, someone that understands confidentiality, from a personal, professional, and legal point of view. Only this type of people can get access to reserved information and future company plans. In fact, discretion is an essential characteristic you need in order to grow in your career.

Although its practice is very difficult to learn and requires a lot of work on yourself, discretion is something than can be acquired. The first step is to understand that, just as a person has a private life, so does a company. There is information about a company that must not be communicated to others and that can put at risk the achievement of a project. The second step in order to learn how to be discreet is to practice. Gathering information and keeping them for yourself, can help you verify how long you are able to retain confidential data from others.

Below you can find some examples of attitudes you should avoid in order to improve your professional discretion:

  • Gossip: talking about others in the workplace does not show professional discretion, even agreeing when someone is speaking badly of others. The result will be that your colleagues may think that you are speaking badly about them, too. Especially in small companies, this can be very dangerous, because words circulate very fast.
  • Relationships: talking about your closest friends and family within the workplace is tricky. If you share personal aspects about the people you are closer with, what are you going to tell about your colleagues?
  • Salary: never tell your colleagues how happy or unhappy you are about your pay. Remember, compensation manners should be discussed only with your boss. Talking about other people’s salary should also be avoided, since this would certainly create tension within the work environment.
  • Clients: showing loyalty to your business is something you must do even if let go. Criticizing the company in front of your clients does not only show that you do not believe in your product but also that you are a bad team worker. Avoiding to talk badly about clients is important, too, especially in today’s society which is extremely customer oriented.

Do you see yourself in any of these behaviors? Well, then probably you still have some work to do, but do not discourage! As most of the other soft skills, also discretion can be acquired if you work hard on your personality, starting by recognizing your flaws and trying to fix them.

L’arte della discrezione

discrezione 2

La discrezione, soprattutto nel mondo del lavoro, è considerata di valore inestimabile. Una persona discreta è quella di cui gli altri si fidano, a cui si rivolgono sapendo che i loro affari personali o professionali non verranno diffusi. Chi è discreto si concentra solo sul proprio lavoro, evitando che questioni personali interferiscano. Essere discreti non significa non dover più essere amichevoli, significa semplicemente diventare più affidabili e responsabili sul posto di lavoro, in altre parole, diventare qualcuno che capisce la riservatezza, dal punto vista personale, professionale, e legale. Solo chi è discreto può avere accesso ad informazioni riservate, essere coinvolto nelle strategie dell’azienda, nei suoi piani futuri e quindi crescere professionalmente.

Imparare ad essere discreti non è facile, ma è una qualità che si può acquisire lavorando duro su se stessi. Il primo passo è quello di capire che, proprio come una persona ha una vita privata, lo stesso vale per un’azienda. Ci sono informazioni confidenziali che non possono e non devono essere comunicate all’esterno e che potrebbero compromettere l’esito di un progetto o di un lavoro. Il secondo passo per imparare ad essere discreti è quello di esercitarsi, raccogliendo informazioni e trattenendole, verificando per quanto tempo si è in grado di non parlarne con gli altri.

Di seguito troverete alcuni atteggiamenti da evitare se volete migliorare la vostra discrezione professionale:

  • Gossip: chi parla male degli altri sul posto di lavoro non mostra discrezione professionale e lo stesso vale per chi asseconda qualcun altro mentre parla male di altre persone. Il risultato può essere solo uno, cioè che i vostri colleghi pensino che dite cose negative anche alle loro spalle. Soprattutto nelle piccole imprese, questo può essere molto pericoloso, dato che i pettegolezzi circolano molto velocemente.
  • Relazioni: palare male dei vostri amici più intimi e familiari all’interno del posto di lavoro può essere avere risvolti negativi. Se condividete aspetti personali sulle persone che vi sono più care, che cosa racconterete dei vostri colleghi di lavoro?
  • Stipendio: mai discutere con i vostri colleghi della vostra paga. Ricordate che dovreste discutere del vostro stipendio solo con il vostro capo. Anche parlare dello stipendio degli altri è altamente sconsigliato dato che questo potrebbe creare tensione all’interno dell’ambiente di lavoro.
  • Clienti: dovete mostrare lealtà verso la vostra attività anche in caso di licenziamento. Criticare la vostra società davanti ai clienti non solo dimostra che non credete nel vostro prodotto, ma che non sapete nemmeno lavorare in squadra. Anche parlare male dei vostri clienti è rischioso, soprattutto al giorno d’oggi, dove il mondo del lavoro è orientato alla soddisfazione del cliente.

Vi rivedete in alcuni di questi atteggiamenti? Allora probabilmente avete ancora del lavoro da fare, ma non vi scoraggiate! Come la maggior parte delle soft skills, anche la discrezione si può acquisire lavorando sulla propria personalità, iniziando dal riconoscere i propri difetti e cercando di sistemarli.

Center for Career Services & ​Continuing Education
​John Cabot University 

cropped-jcu_high_res.jpg

How to… Learn the Art of Proxemics

How to… Learn the Art of Proxemics

proxemics1

The term “proxemics” derives from “proximity” and indicates the study of the human space and interpersonal distance. Proxemics investigates the meaning of social behavior in terms of the distance that people place between them and the others, as well as the way people organize and move within a space.

Particularly, this post is dedicated to the art of proxemics in verbal communication, so how to decipher body language during a conversation and act accordingly. Proxemics is not easy to learn, sometimes it depends on the surroundings, the context, the culture of your interlocutor, the importance of the talk or even the relationship you have with the other person. Following we discuss some typical situations that should suggest you that it is better to postpone a conversation.

  • You are in a meeting with people from other countries and you notice that, after someone talked, they stay silent. In this case, you have to be aware that, for some cultures, silence during a meeting must be observed and respected. For some people from Asian cultures, for instance, staying silent after someone talked in a meeting does not mean they having nothing to say, but rather that they are reflecting on what was just said.
  • You are in the corridor of your office and you see your boss or that colleague you really wanted to talk to about your work. If the conversation is important, the best approach is to greed the person and tell her/him to inform you what it is the best time to meet to discuss the matter, without getting too specific. It can be even irritating for a person being interrupted or chased for work reasons while having a break outside the office.
  • You see the person you were looking for talking to other people; in this case, stepping in the conversation is always the worst choice. If the person is busy talking to others, do not interrupt, step between them or get so close that you can hear their conversation. The best that you can do is to wait for a better moment.
  • You propose a new initiative but you do not get an immediate or definitive feedback. This could mean either that the people are not convinced about the proposal, or that they are not ready to make a decision, or that they simply need time to think about it. Sometimes black and white are not the only colors; gray exists, too. Read the body language and postpone, eventually, your initiative to another time when it could be accepted. After all, for some cultures sometimes it is normal not saying yes or no openly, so it is necessary to read between the lines and interpret.

These are only a few examples in which proxemics can be of great help in managing interpersonal relations, especially in a professional environment. What do you think? Do you think you can handle the art of proxemics?

Come… imparare l’arte della prossemica

prossemica2.jpg

Il termine “prossemica” deriva dalla parola “prossimità” ed indica lo studio dello spazio umano e della distanza interpersonale. La prossemica indaga il significato nel comportamento sociale umano della distanza che le persone interpongono tra se stesse e gli altri, ed il modo in cui le persone organizzano lo spazio e si muovono all’interno di esso.

Questo post è dedicato, in particolare, alla prossemica nella comunicazione verbale, quindi a come decifrare il linguaggio del corpo durante una conversazione ed agire di conseguenza. In ogni caso, la prossemica non è facile da apprendere, dipende dall’ambiente circonstante, dalla situazione, dalla cultura delle persone, dall’importanza della conversazione e dalla relazione con la persona con la quale bisogna parlare. In basso discutiamo solo alcuni esempi di situazioni tipiche che ci dovrebbero suggerire che è meglio rimandare una conversazione.

  • Siete ad un meeting con persone di altri paesi e notate che dopo un intervento queste rimangono in silenzio. In tal caso, bisogna tenere in conto che, per alcune culture, il silenzio durante un incontro è un momento da rispettare. Per alcune popolazioni asiatiche, ad esempio, restare in silenzio dopo aver parlato in un meeting non significa non avere nulla da dire, piuttosto semplicemente riflettere su quanto si è detto.
  • Siete nel corridoio del vostro ufficio e vedete quel collega o il capo a cui volevate tanto parlare del vostro lavoro. Se la conversazione è importante, la cosa migliore da fare è salutare e dirgli di farvi sapere in che momento potete passare in ufficio per discutere dell’argomento, senza entrare nello specifico. Puo’ risultare perfino irritante per una persona che è in qualsiasi altro posto fuori dal suo ufficio per fare una pausa essere interrotti o “inseguiti” per lavoro mentre si prendono un attimo di riposo, per pensare o per altro.
  • Vedete la persona che stavate cercando mentre parla con altre persone; in questo caso intromettervi nella conversazione è sempre la scelta peggiore. Se la persona è impegnata in un altro discorso, non interrompetela, non vi mettete in mezzo e non avvicinatevi così tanto da poter ascoltare la conversazione. La miglior cosa da fare è rimandare ad un momento più opportuno.
  • Proponete una nuova iniziativa ma non ricevete una risposta immediata o definitiva. Ciò può voler dire che le persone o non sono ancora convinte di quanto discusso, o che non sono pronte per una decisione, o che hanno semplicemente bisogno di rifletterci. Alle volte non esistono solo i sì e i no, ma anche le vie di mezzo. Leggete il linguaggio del corpo e rimandate, eventualmente, l’iniziativa ad un altro momento in cui potrebbe essere accettata. Tra l’altro, per alcune culture è spesso normale non dire mai si e no apertamente, occorre saper leggere tra le righe ed interpretare

Questi sono solo alcuni casi in cui la prossemica vi può correre in soccorso nella gestione delle relazioni interpersonali, soprattutto in ambito professionale. E voi, cosa ne pensate? Sapete padroneggiare l’arte della prossemica?

Center for Career Services & ​Continuing Education
​John Cabot University 

cropped-jcu_high_res.jpg

How to… Talk About Your Firing

How to… Talk About Your Firing

being fired 1

In today’s economic struggles, being  fired does not have the same meaning for everyone. Companies decide to fire employees due to tax cuts or because of mergers. Senior positions are also very vulnerable. None of these implies a poor job performance on your part. Recruiters are aware of the current job market horrors and will rarely hold a layoff against you.

Now, if there is another reason behind your firing, such as stealing or misconduct, this is not the blog post for you. The pieces of advice that we list below are meant to help you talk about your firing during a job interview, putting aside your negative feelings and showing how this unpleasant experience made you stronger.

Do keep in mind though that one thing that rules over all of them is honesty and clarity.

  1. Come in terms with your emotions

This is the first step, even before you schedule your next interview. You need to walk into an interview with a clear mind and a great capability to talk about your qualifications and experiences, including the negative ones. Everyone wants to hire a positive and calm person.

  1. Explain clearly what happened

Genuine and honest, this must be the tone of your response when asked to explain what happened. This is why you must deal with your emotions first, because, when asked this question, you should not show resentment, anger or talk too much about it. Just tell the employer the facts in an objective, clear, and succinct way.

  1. Discuss what you learned

This is the most significant part of your answer, since you get to explain them what are your transferable qualifications and how the experience of being fired made you grow, both personally and professionally. Explain them how the struggle has changed the way you approach your job and life. Somehow, you need to position this learning experience as an advantage for your next job.

As it is true for all negative circumstances one might go through in life, also being fired can be a precious source for learning. Taking time to overcome the bad sensations, to reason about what happened, and understand how to turn an unpleasant fact into your strong point for your future career is the right way to take the best out of a displeasing circumstance.

Come… parlare del vostro licenziamento

being fired 2.jpg

Nelle battaglie economiche dei nostri giorni essere licenziati non ha le stesse implicazioni per tutti. Le aziende possono decidere di licenziare gli impiegati a causa di tagli o fusioni. Anche lavoratori senior sono diventati molto vulnerabili. Nessuna di queste circostanze implica una cattiva performance lavorativa da parte vostra. I collocatori sono consci degli avvenimenti spiacevoli che stanno investendo il mercato del lavoro e per questo difficilmente vi potranno incolpare.

Se ci sono altri motivi dietro al vostro licenziamento, come furto o cattiva condotta, questo non è il post che fa al caso vostro. I consigli che elenchiamo sotto sono volti ad aiutarvi a parlare del vostro licenziamento durante un colloquio mettendo da parte i sentimenti negativi e mostrando come questa spiacevole esperienza vi abbia reso più forti. Tenete a mente che alla base di questi consigli c’è sempre l’onesta e la chiarezza.

  1. Fate i conti con le vostre emozioni

Questo è il primo passo da fare, anche prima di accordarsi per un nuovo colloquio lavorativo. Infatti bisogna arrivare ad un colloquio con la mente chiara e con la capacità di parlare delle proprie capacità ed esperienze, incluse quelle negative. Chiunque vorrebbe assumere una persona calma e positiva.

  1. Spiegate chiaramente cosa è successo

Sincero e onesto, questo deve essere il tono della vostra risposta quando vi viene chiesto cosa sia successo. È per questo che prima è indispensabile fare i conti con le proprie emozioni, perchè rispondendo a tale domanda dovete essere in grado di non mostrare risentimento, rabbia o di parlarne troppo. Riportate semplicemente i fatti in maniera oggettiva, chiara e succinta.

  1. Raccontate cosa avete imparato

Questa è la parte più significativa della vostra risposta, visto che vi dà la possibilità di spiegare al datore di lavoro quali siano le vostre qualità che potete applicare al nuovo lavoro e come la vostra esperienza di licenziamento vi abbia fatto crescere, sia personalmente che professionalmente. Spiegate come questo avvenimento abbia cambiato il vostro modo di approcciare il vostro lavoro e la vostra vita. In qualche modo dovete cercare di presentare tale esperienza come un vantaggio per il vostro futuro impiego.

Ciò che vale per ogni circostanza negativa in cui ci si può imbattere nella vita, anche essere licenziati può essere una fonte di apprendimento preziosa. Prendersi del tempo per andare oltre le sensazioni negative, per ragionare su quello che è successo e capire come trasformare un fatto spiacevole nel vostro punto di forza per la vostra carriera futura è il modo giusto per ricavare il meglio da una cattiva circostanza.

Center for Career Services & ​Continuing Education
​John Cabot University 

cropped-jcu_high_res.jpg

Common Interview Questions – PART #4

Common Interview Questions – PART #4

Colloquio-di-lavoro-dodici-variabili-che-ne-determinano-il-successo-620x372

Let us finish this long path through the most common interview questions. Here are the last 5, we hope they were of help!

  1. What do you like to do outside of work?
    While you should keep it semi-professional, do answer thoroughly and honestly. Employers ask you this sort of questions to know more about your hobbies and personality. At the end, they want to figure out whether you fit with the overall culture of the organization.
  2. What do you think we could do better or differently?
    This is a very important question, especially for startups. Employers do not only want to see that you have a background knowledge of the company, but also that you can think critically about it and that you are capable to share new ideas. Share thoughts with them and then show how you could be of help in achieving them. Remember to be polite, never say anything that could offend your employer.
  3. If you were an animal, which one would you want to be?
    This is a common personality-type question that employers ask to see if you can think on your feet. Of course, there is no right answer to this question, it varies from person to person. However, one way to get it right is to find the name of an animal that mirrors your strengths and weaknesses. Try to think about one couple now; it will not be easy to forget!
  4. How many tennis balls can you fit into a limousine?
    Definitely expect some of these very bizarre questions if you are applying for a quantitative job. Remember though, the employer does not want to know the exact number; he/she wants to see your reasoning behind the answer. They analyze how you find a systematic and logical way to respond.
  5. Do you have any questions for us?
    This is the chance to see if their position is right for YOU. After clarifying any doubts or curiosities you may have, think for a couple questions that are not common. For example, target one to the interviewer; ask him/her what he/she loves about their job, this is a great way to start building a connection with them. Very important do not ask questions that could be easily found on the website.

 

Le domande più frequenti in un colloquio – PARTE #4

 

domande-strane-colloquio

Qua si conclude la nostra strada tra le domande più frequenti in un colloquio di lavoro. In basso vi descriviamo le ultime 5, speriamo che questi post vi siano stati di aiuto!

  1. Che cosa le piace fare fuori dal lavoro?
    Anche se dovete mantere un atteggiamento semi professionale, rispondete a questa domanda in maniera onesta. Questo genere di interrogativi servono al datore di lavoro per saperne di più riguardo ai vostri hobby e alla vostra personalità. In fin dei conti quello che vogliono è capire se siete adatti alla cultura dell’azienda.
  2. Cosa credete possiamo fare meglio o in maniera diversa?
    Questa è una domanda molto importante, soprattutto se state avendo un colloquio con una start-up. Un datore di lavoro, non solo vuole vedere che avete una buona conoscenza base dell’azienda, ma anche che riuscite a pensare in maniera critica sul loro operato. Condividete con loro qualche idea e fategli vedere come le vostre capacità potranno aiutarli a raggiungerla. Mi raccomando ricordate di essere educati e rispettosi, non dite mai nulla che possa offendere il datore di lavoro.
  3.  Se fosse un animale, quale crede che sarebbe?
    Questa è una domanda classica per studiare la vostra personalità, un datore di lavoro vuole vedere se siete capaci di pensare velocemente. Ovviamente non c’è una sola risposta a questa domanda, varia da persona a persona. Comunque, un consiglio è di trovare un animale che rispecchi le vostre qualità e debolezze. Cercate di pensarne a uno ora, non sarà così difficile da dimenticare!
  4. Quante palline da tennis ci stanno in una limousine?
    Aspettatevi qualche domanda simile a questa se vi state proponendo per una posizione nell’ambito quantitativo. Ricordate, però, che al datore di lavoro non importa sapere il numero esatto, vuole vedere il vostro ragionamento. Un datore analizza come voi trovate un modo sistematico e logico per rispondere a questa domanda.
  5. Ha qualche domanda per noi?
    Questa è la vostra chance di chiarire qualsiasi dubbio e capire se quella posizione è veramente quella adatta per voi. Poi pensate anche di chiedere qualche domanda al datore di lavoro, per esempio se gli piace il suo laro. Questo è un ottimo modo per iniziare a costruire una relazione professionale. Molto importante: non fare domande che potrebbero essere facilmente reperibili sul sito web.

Center for Career Services & ​Continuing Education
​John Cabot University 

cropped-jcu_high_res.jpg

Common Interview Questions – PART #3

Common Interview Questions – PART #3

620x413_InterviewQuestions11430850649

In our previous posts, Common Interview Questions – PART #1 and #2, we reported some of those questions that you might be easily asked during a job interview and gave you some hints for effective answers. Let us continue our path through the “pitfalls” of a job interview and see some more tricks to bypass them nimbly, taking as examples 4 more interview questions:

  1. What is a time you exercised leadershipIn order to answer this question effectively, you should pick an example from your previous experience that fits well the position you are applying for. Describe the situation that you chose to tell giving enough details, not only to make it believable but also to highlight the other qualities that you have and that make you the perfect candidate for that specific position.
  2. Can you explain why you changed career paths? Do not start going off about all the negative aspects of your previous job or company. Take a deep breath and concisely explain why you have made certain career decisions. Then move on describing the transferable skills that you learned and could bring into this new role. Make sure that your potential employers understand that you see every job as a learning experience, but that you feel this new position is a better fit for your goals and personality.
  3. How do you deal with pressure or stressful situationsA great way to answer this question is to explain what tactics you use to keep yourself calm, telling how you keep yourself positive and motivated even in a stressful situation. Then describe a specific stressful experience you dealt with and talk about how you were able to achieve the final goal.
  4. What are your salary requirements? For this question you really need to do your research. You can state the highest rank according to your education and experience, but make sure to inform them that you are willing to negotiate. You need to show that you are aware you are offering valuable skills; however, you like the company and you could consider accommodating to their offerings. Also, there might well be other benefits and working conditions that might be relevant for you and that do not necessary have to do with economic return, I.e. location of the workplace, a take-home vehicle, company  nursery school, fitness center, and more.

Le domande più frequenti in un colloquio – PARTE #3

difficult-interview-questions

I nostri ultimi post, Le domande più frequenti in un colloquio – PARTE #1 & PARTE #2, riportano alcune domande che vengono spesso sottoposte durante un colloquio di lavoro e abbiamo provato a darvi qualche suggerimento su come rispondere. Continuiamo la nostra strada tra le “trappole” di un colloquio e vediamo altri trucchi su come sorpassarle. Ecco l’esempio di altre 4 domande.

  1. Ci racconti un’occasione in cui ha messo in atto la sua leadershipPer rispondere efficacemente a questa domanda, scegliete una vostra esperienza precedente che richiami in qualche modo la posizione per la quale siete colloquiati. Descrivere la situazione nella quale vi siete trovati nel dettaglio, non solo per renderla più credibile, ma anche per evidenziare altre qualità che vi rendono perfetti per questo nuovo lavoro.
  2. Può spiegarci perché ha modificato il suo percorso professionale? Non iniziate elencando tutti gli aspetti negativi del vostro lavoro o azienda precedenti. Fate un respiro profondo e in maniera concisa spiegate perché avete preso alcune decisioni riguardo la vostra carriera. Poi, descrivete le competenze che potreste trasferire e vi potrebbero aiutare in questo nuovo ruolo. Assicuratevi che il vostro potenziale datore di lavoro capisca che considerate ogni lavoro e esperienza passati come occasioni di apprendimento, ma che siete sicuri che questa nuova posizione sia più in linea con i vostri obiettivi e personalità.
  3. Come gestisce situazioni stressanti che la mettono sotto pressioneUn’ottima maniera per rispondere a questa domanda è spiegare quali sono le tattiche che utilizzate per mantenervi calmi, raccontando come riuscite a mantenervi positivi e motivati anche in situazioni che vi mettono sotto stress. Poi potete descrivere una specifica esperienza in cui avete gestito una situazione stressante e come alla fine siete comunque riusciti a raggiungere l’obiettivo prefissato.
  4. Quali sono i suoi requisiti di stipendio? Per questa domanda è veramente necessario che ognuno faccia la propria ricerca. Potete menzionare quello che è per voi il più alto grado di stipendio, in relazione al vostro livello di istruzione e esperienza pregressa, ma siate certi di informarli che siete disponibili a negoziare. E’ necessario saper dimostrare che state offrendo delle skills di valore ma allo stesso tempo che l’azienda vi piace e che potete considerare la possibilità di adattarvi alle loro offerte. Inoltre, potrebbero esserci degli altri benefici e condizioni di lavoro che potrebbero essere importanti per voi e che non hanno necessariamente a che fare con un ritorno economico; ad esempio, posizione del luogo di lavoro, veicolo aziendale, asilo nido o scuola aziendale, fitness center, ecc.

Center for Career Services & ​Continuing Education
​John Cabot University 

cropped-jcu_high_res.jpg

%d bloggers like this: