Center for Career Services & Continuing Education

John Cabot University’s Center for Career Services & Continuing Education is your bridge between your academic and professional careers. Whether you want to pursue further study in graduate school or hope to begin a career, we can help you achieve those goals.

Month: April, 2016

How to Set S.M.A.R.T. Goals

How to… Set S.M.A.R.T. Goals

How to set goals

Goals keep us focused, determined, and with a clear vision of what we want to achieve in our future. There are two main types of goals. Long-term are those that will take longer than one year to achieve, while short-term goals are the individual steps that together can help us attain our final long-term goals.

Each goal must have a reason behind it, something you value enough to work hard for it. One method you should follow when you set your goals is making sure each and every one of them is S.M.A.R.T. “Specific, Measurable, Achievable, Realistic, and Timed”. This will certainly increase the probability of your success.

  • SPECIFIC: do not set generic goals, make sure you specify them clearly and say why they are important to you. For example, do not say “I plan to improve my GPA”, say “my GPA is 3.0 and I am working hard to achieve 3.3 to gain a scholarship at the end of the year”.
  • MEASURABLE: goals must be easy to measure; you must be able to forecast the steps that are necessary to achieve the final goal. If the goal is measurable, you will also be able to see how far away you are from its completion.
  • ACHIEVABLE: Each goal must be challenging enough to stimulate you, but not completely out of your reach. Each goal must be attainable, so that if an obstacle comes in your way, which will definitely happen, you will find other possible paths to achieve it.
  • REALISTIC: It is ok to dream big, but make sure that you have the necessary resources to attain that dream. Your goal is realistic if, deep down, you truly believe that it can be accomplished. Achieving a realistic goal also helps your self-confidence and avoids your frustration.
  • TIMED: you should be able to forecast, even approximately, when you will be able to achieve the goal, otherwise it will simply remain a generic goal. Moreover, with no time frame tied to it there is no sense of urgency.

DREAM BIG, SET GOALS, TAKE ACTION!

 

Come… prefissarsi obbiettivi S.M.A.R.T.

set goals2.jpg

Avere degli obbiettivi aiuta a rimanere concentrati, determinati e con una chiara visione di ciò che si vuole raggiungere in futuro. Ci sono due tipi di obbiettivi. Gli obbiettivi a lungo termine sono quelli che richiedono più di un anno per raggiungerli, mentre gli obiettivi a breve termine sono i singoli passi che insieme possono aiutarci a raggiungere i nostri obbiettivi a lungo termine.

Ogni obbiettivo deve avere una forte motivazione dietro, qualcosa di così importante da spingere a fare uno sforzo in più per raggiungerlo. Un buon metodo da seguire quando si fissano degli obbiettivi  è accertarsi che ognuno di essi sia S.M.A.R.T., ” cioè  “Specific, Measurable, Achievable, Realistic, and Timed.” Seguire questo metodo è sicuramente di aiuto per aumentare le probabilità di successo.

  • SPECIFIC (specifico): non fissate obbiettivi generici, accertatevi, piuttosto, che siano definiti e che sia chiaro perchè sono importanti per voi. Per esempio, non dite “Voglio migliorare la mia media,” ma “la mia media ora è del 3.0 e voglio lavorare duro per raggiungere il 3.3 ed ottenere una borsa di studio alla fine dell’anno.”
  • MEASURABLE (misurabile): gli obbiettivi devono essere facili da misurare; dovete essere in grado di prevedere i passi che sono necessari per raggiungere il vostro traguardo. Se l’obbiettivo è misurabile sarete in grado di capire quanto lontani o vicini siete dal suo raggiungimento.
  • ACHIEVABLE (raggiungibile): ogni obbiettivo deve essere abbastanza impegnativo da stimolarvi, ma non completamente fuori dalla vostra portata. Ogni obbiettivo deve essere realizzabile, così che se doveste incontrare un ostacolo, cosa che può accadere molto facilmente, troverete altre strade per raggiungerlo.
  • REALISTIC (realistico): va bene sognare in grande, ma accertatevi di avere le risorse necessarie per raggiungere quello che volete. Il vostro obbiettivo è realistico se nel vostro profondo credete veramente che di poterlo realizzare. Raggiungere un obbiettivo realistico aiuterà la vostra autostima e vi eviterà frustrazioni.
  • TIMED (limitato nel tempo): dovreste essere in grado di prevedere, anche approssimativamente, quando sarete in grado di raggiungere il vostro traguardo, altrimenti rimarrà semplicemente un obbiettivo generico. In più, senza limiti temporali non si percepisce quel senso di urgenza che spinge a muoversi.

SOGNATE IN GRANDE, PREFISSATEVI DEGLI OBBIETTIVI, AGITE!

Center for Career ServicesContinuing Education
John Cabot University 

cropped-jcu_high_res.jpg

 

 

How to… Manage a Video Interview

How to… Manage a Video Interview

video interview2

Following our last post about phone interviews, in this new post we will give you some useful hints about the management of video interviews, on Skype, WebEx, and Google Talk, for instance. Of course, the suggestions we gave you about phone interviews are also valid in this case, but there are a few more tips to keep in mind.

Here is our short list that will help you go through the video interview safely:

  • Make sure technology works: a video interview is always scheduled in advance. Since you will know the day and the time of your interview, plan everything ahead. Check that the connection is good, that you have all the technology that you need, and that you can actually use it properly. It is a good idea, for example, to do a rehearsal before the actual interview, so that you can prove that everything works well.
  • Choose a professional attire: in a video interview, your interlocutor can see you perfectly. Hence, as if you were in a face-to-face interview, dress appropriately and professionally.
  • Choose a professional environment: leave out your bedroom, the park, the bar, or any public location. What you will need is a quiet and professional place, where you do not get distracted, where you can hear well your interviewer, and where the connection is not going to be disturbed.
  • Focus on the webcam: act as if the camera was the interviewer’s face, so focus on it. Even if communicating in this case is a little more difficult than in a face-to-face situation, try to be natural, to communicate your personality, to speak clearly, and to use your body language as if you were in front the person. Try to create a connection with your interlocutor and do your best to sell yourself and your skills in the most effective way.

Come…gestire un video colloquio

video-interview

In seguito al nostro ultimo post riguardante i colloqui di lavoro telefonici, in questo nuovo post vi daremo alcuni spunti utili per la gestione dei video colloqui su Skype, WebEx e Google Talk, per esempio. Sicuramente i consigli che vi abbiamo dato per i colloqui al telefono sono validi anche in questo caso, ma c’è qualche ulteriore accorgimento da tenere presente.

Ecco una breve lista che vi aiuterà a passare incolumi un video colloquio:

  • Assicuratevi che funzioni tutto: un video colloquio è sempre accordato preventivamente. Visto che saprete il giorno e l’ora del vostro colloquio, assicuratevi di aver pianificato tutto in anticipo. Controllate che la connessione sia buona, che abbiate a disposizione tutta la tecnologia di cui necessitate e che la sappiate usare bene. E’ una buona idea, per esempio, fare una prova prima del vero colloquio, così si può controllare che tutto funzioni bene.
  • Scegliete un abbigliamento formale: in un video colloquio il vostro interlocutore vi può vedere perfettamente, quindi, proprio come se foste ad un colloquio faccia a faccia, vestitevi in maniera appropriata e professionale.
  • Scegliete un ambiente professionale: lasciate stare la vostra camera da letto, il parco, il bar o qualsiasi luogo pubblico. Quello di cui avrete bisogno è un luogo calmo e professionale dove non ci siano distrazioni, dove il vostro interlocutore vi possa sentire bene e dove la connessione non sia disturbata.
  • Focalizzatevi sulla telecamera: agite come se la telecamera fosse il viso del vostro interlocutore e focalizzatevi su di essa. Anche se comunicare in questo caso può essere un po’ più difficile che dal vivo, cercate di essere naturali, di comunicare la vostra personalità, di parlare chiaramente e di usare il vostro linguaggio del corpo come se foste di fronte alla persona. Cercate di creare una connessione con il vostro interlocutore e fate il vostro meglio per vendere voi stessi e le vostre abilità nel modo più efficace.

Center for Career ServicesContinuing Education
John Cabot University 

cropped-jcu_high_res.jpg

How to…Manage a Phone Interview

How to…Manage a Phone Interview

phone interview 1

In our fast-paced society, technology can be of great help to make people save time, and this is particularly true for job interviews. As a matter of fact, it has become very common for companies to have interviews on the phone, even if you have applied for a job in the city where you live. In fact, on the one hand, this practice has made things much easier because it allows both you and the company to interrupt the daily activities only for a short period. However, on the other hand, it presents some more pitfalls under the corner. In a phone interview, the main difficulty is that you cannot use your body language to communicate effectively and to give a good impression. The other problem is that you cannot observe your employer’s reactions so it can be difficult to understand how he/she is responding to your words.

Following, some little suggestions in order to manage a phone interview avoiding the hidden dangers:

  • Make sure you catch the call: some phone interviews can be unexpected, but some others are often prearranged. In any case, if you applied for a job, there will always be a possibility for them to call you, so make sure that you hear your phone. If they call you in a bad moment and you cannot talk, tell them politely and ask if you can reschedule the appointment; there is nothing wrong about asking for it, just try to be as accommodating as possible to them.
  • Seek for quietness and be prepared: when called for a phone interview, make sure you find yourself in a quiet place. Choose a silent room, avoid all kinds of distractions, and focus only on your interviewer’s questions. As you would do in a face-to-face interview, research about the company, take notes if needed, ask questions, and talk about yourself when asked.
  • Speak concisely and clearly: the only thing you can use to make a good impression in this occasion is your words. Hence, it goes without saying, make sure you use proper language, watch out your grammar, and avoid nervous expressions such as a lot of “ums.” Try to speak slowly enough and clearly, and, maybe most important of all, do not interrupt your interlocutor.
  • Exercise good manners: do not do what you would not do if you were in front of your interviewer. Do not eat or chew a gum while speaking, do not answer another call, and do not get distracted. When the phone call ends, remember to thank the employer for his/her time and express your will to hearing from them again. It is a good idea to send a thank you email after the interview, just as it would be polite to do if you met them in person.

Come…gestire un colloquio telefonico

phone interview 2.jpg

Nella nostra società sempre in movimento, la tecnologia può essere di grande aiuto per risparmiare tempo, e questo è particolarmente vero nel caso dei colloqui di lavoro. Senza dubbio i colloqui telefonici sono diventati molto comuni per le aziende, anche se vi siete candidati per un lavoro nella città in cui vivete. Infatti, da una parte, questa pratica ha reso le cose molto più semplici dato che permette sia a voi che all’azienda di interrompere le attività quotidiane solo per un periodo di tempo limitato. Dall’altra parte, però, in tale circostanza, si possono aggiungere altri tranelli dietro l’angolo. In un colloquio al telefono, la difficoltà principale è che non potete usare il linguaggio del corpo per comunicare in maniera efficace e per fare una buona impressione. L’altro problema è che non avete la possibilità di osservare le reazioni del vostro datore di lavoro, il che rende difficile capire come lui o lei stia rispondendo alle vostre parole.

Di seguito alcuni consigli per gestire un colloquio di lavoro telefonico evitando i pericoli nascosti:

  • Accertatevi di non perdere la chiamata: alcuni colloqui telefonici possono essere inaspettati, ma altri sono spesso prestabiliti. In ogni caso, se vi siete candidati per un lavoro ci sarà sempre la possibilità che vi chiamino, quindi accertatevi di sentire il telefono. Se vi chiamano nel momento sbagliato e non potete parlare, ditelo educatamente e chiedete di fissare un altro appuntamento; non c’è niente di male nel chiederlo, cercate solo di essere il più accomodanti possibile.
  • Cercate un posto tranquillo e siate preparati: quando venite chiamati per un colloquio telefonico, assicuratevi di trovarvi in un posto tranquillo. Scegliete una stanza silenziosa, evitate ogni tipo di distrazione e focalizzatevi solo sulle parole del vostro interlocutore. Fate come se foste in un colloquio faccia a faccia, fate ricerche sulla compagnia, prendete appunti se ce n’è bisogno, fate domande e parlate di voi quando vi viene chiesto.
  • Parlate in modo chiaro e conciso: l’unica cosa che potete usare per fare una buona impressione in questa occasione sono le vostre parole. Quindi, chiaramente, fate attenzione ad usare un linguaggio appropriato, ad usare una grammatica corretta e ad evitare tic nervosi come troppi “ehm.” Cercate di parlare abbastanza piano e chiaramente e, cosa forse ancora più importante, non interrompete il vostro interlocutore.
  • Usate le buone maniere: non fate quello che non fareste se foste di fronte al vostro datore di lavoro. Non mangiate o masticate la gomma mentre parlate, non rispondete ad un’altra chiamata, non distraetevi. Quando la chiamata finisce ricordatevi di ringraziare l’interlocutore per il suo tempo ed esprimete il vostro desiderio di sentirlo/a nuovamente. È sempre una buona idea mandare un’email di ringraziamento dopo il colloquio telefonico, proprio come sarebbe buona educazione fare dopo un colloquio di persona.

Center for Career Services & ​Continuing Education
​John Cabot University 

cropped-jcu_high_res.jpg

 

%d bloggers like this: