Center for Career Services & Continuing Education

John Cabot University’s Center for Career Services & Continuing Education is your bridge between your academic and professional careers. Whether you want to pursue further study in graduate school or hope to begin a career, we can help you achieve those goals.

Month: July, 2016

How to… Develop Positive Relationships at Work

How to… Develop Positive Relationships at Work

Getting-Ahead-at-Work-by-Improving-your-Image-e1434948864896

Building positive relations with your colleagues and your supervisor is an essential ingredient for your career success. Work sometimes can be stressing, and knowing that every time you enter your office, you will find a good environment will make your job much easier. However, creating positive relations in the workplace requires commitment, dedication, as well as pliancy and a combination of technical and soft skills.

Here are some aspects to work on if you wish to build a genuine tie with your colleagues:

  • First positive impression: start to build up your boss and colleagues’ respect for you since the very beginning. It is much easier to create good relationships at work when your co-workers understand that you are a reliable person since the very first time you enter the company. Arriving always on time, being responsible for the accomplishment of your tasks, taking on your own responsibilities for what you have done, either right or wrong, will make others trust you;
  • Apply your personal branding skills: you should let others know your skills and capabilities. Use your personal branding skills by displaying your uniqueness and what differentiates you. Do not be afraid of expressing your ideas, your opinions, to get involved in projects; taking action will allow your manager and co-workers know you and understand how you work. Once they understand what you are good at, they will rely on you when your peculiar skills will be needed, in the future;
  • Perform above standards: your goal should always be reaching the best performance. Sometimes, this will need your personal and individual commitment, some others it will be essential to work in team. Regardless of your natural attitude, you should be able to adapt yourself to both these two working situations and learn to be a problem solver;
  • Minimize your complaints: it is important to create a positive environment when at work, since this will foster the team’s creativity and development of new ideas. When the atmosphere is tense, it becomes more difficult to focus on a task, to think creatively, and to invent new solutions. A relaxed environment, on the other hand, helps productivity. Avoid complaining about small things and always try to find a positive aspect for any situation. Positivity will be infectious for your colleagues;
  • Do not bypass your supervisor: be always mindful of the hierarchy in your workplace. If you try to bypass your supervisor, most likely, the others will start to look at you as a troublemaker and a non- trustworthy On the other hand, showing respect to those who are in a higher position will demonstrate that you are a humble person willing to learn. You should be always ready to listen to your colleagues, both those who are at your same level and, even more, those who have more experience. This does not mean to subordinate yourself to the others but being conscious that there is always a lot to learn from others.

Come… sviluppare delle relazioni positive a lavoro

home-about-aci.jpg

Costruire delle relazioni positive con i vostri colleghi ed il vostro supervisor è un ingrediente essenziale per il vostro successo lavorativo. Il lavoro può essere molto stressante a volte e sapere che ogni volta che entrate in ufficio troverete un bell’ambiente renderà il vostro lavoro molto più leggero. Creare delle buone relazioni a lavoro, comunque, richiede impegno, dedizione, flessibilità e una combinazione di abilità tecniche e soft skills.

Ecco allora alcuni aspetti su cui lavorare per costruire un legame genuino con i vostri colleghi:

  • Impegnatevi per una prima buona impressione: iniziate a costruire il rispetto del vostro capo e dei vostri colleghi nei vostri confronti fin dal primo momento. Sarà molto più facile costruire delle buon relazioni se i vostri colleghi capiscono che siete delle persone affidabili sin dal primo momento in cui entrate nell’azienda. Arrivare sempre puntuali, essere responsabili di portare a termine i vostri compiti, assumersi la responsabilità di quello che si è fatto, giusto o sbagliato che sia, farà sì che si fidino di voi;
  • Mettete in pratica le vostre capacità di personal branding: fate sì che gli altri conoscano le vostre abilità. Usate le vostre capacità di personal branding per mostrare la vostra unicità e cosa vi differenzia. Non abbiate timore di esprimere le vostre idee, le vostre opinioni, di farvi coinvolgere nei progetti; agire in prima persona farà capire al vostro manager e agli altri impiegati come siete e come lavorate. Una volta che capiranno cosa siete bravi a fare si affideranno a voi ogni volta che in futuro serviranno le vostre qualità;
  • Lavorate al di sopra degli standard: il vostro obiettivo dovrebbe sempre essere il raggiungimento della performance migliore. Delle volte, ci sarà bisogno del vostro impegno personale ed individuale, delle altre sarà essenziale lavorare in team. Mettendo da parte le vostre inclinazioni naturali, dovreste sempre essere in grado di adattarvi ad entrambe queste situazioni lavorative ed imparare ad essere dei problem solver;
  • Minimizzate le lamentele: è importante creare un ambiente positivo quando si è a lavoro, in quanto ciò incentiva la creatività e lo sviluppo di nuove idee. Quando l’atmosfera è tesa, diventa più difficile concentrarsi sui propri compiti, pensare creativamente ed inventare nuove soluzioni. Un ambiente rilassato, d’altra parte, favorisce la produttività. Evitate di lamentarvi delle piccole cose e cercate sempre di trovare il lato positivo per ogni situazione. La vostra positività sarà contagiosa per i vostri colleghi;
  • Non bypassate il vostro supervisor: siate sempre rispettosi della gerarchia nel vostro posto di lavoro. Se cercherete di bypassare il vostro supervisor, probabilmente, gli altri inizieranno a vedervi come un piantagrane e come una persona non affidabile. Al contrario, mostrare rispetto per chi è in una posizione più alta dimostrerà che siete persone umili e propense ad imparare. Dovreste essere sempre aperti all’ascolto nei confronti dei vostri colleghi, che siano al vostro stesso livello o, a maggior ragione, che abbiano più esperienza. Questo non significa sottomettersi agli altri ma essere coscienti che c’è sempre qualcosa da imparare.

Center for Career ServicesContinuing Education
John Cabot University 

jcu_high_res

The Confident Presenter: Tips and Tricks to Become a Public Speaker

 

13730598_1369620766388353_652833394_o

Yesterday, July 18th, the Continuing Education students at John Cabot University took part in the workshop held by Dreamers Communication, a start-up founded by John Cabot recent graduate student Charles Tabansi, and JCU degree-seeking student Marco Pecchio. Marco and Charles put their interest for public speaking into practice, first creating a public speaking club at John Cabot, and after, founding their start-up Dreamers Communication, aimed to help individuals, companies, and other start-ups to learn the art of becoming confident presenters.

In the workshop, Charles and Marco gave some tips and tricks to help even those who do not feel naturally comfortable at expressing themselves in front of an audience to become more self-assured. Let’s list three tips that were particularly useful:

  • Mind the tone of your voice and pace your speech: what makes a presentation appealing is not only what you say but, also, how you say it. For this reason, it is important to regulate both tone and pace of your voice, changing them according to the effect you want to convey and in order to make your speech fluid and interesting. An energetic speech requires a faster pace, whereas to create a reflective atmosphere you should slow down the pace and soften your voice;
  • Don’t try to eliminate your accent, try to be clear: it is very difficult, if not impossible, to eliminate your accent when you are not expressing yourself in your native language. What you can do is to improve your pronunciation and speak clearly. This was exactly the aim of the exercise Charles and Marco proposed: focus on the right pronunciation of some English sounds and then read a paragraph, one by one, aloud in front of the audience, using the right tone, pace, and diction. This was the first step building public speaking confidence;
  • Focus on your body language: kinesics are just as powerful as verbal communication. The ability to understand your audience’s behavior and gestures allows you to better control your own non-verbal body language as well as estimate the public’s reactions. Having a solid handshake at a job interview, keeping eye contact with all the interlocutors in the room when presenting a project, or having a body language that communicates enthusiasm and openness when proposing a new idea can be decisive to reach your communication goals.

 

The Confident Presenter: trucchi e suggerimenti per diventare un buon oratore

13711618_1369620763055020_756421992_o

Ieri, 18 luglio, gli studenti del master alla John Cabot University hanno preso parte al workshop organizzato dalla Dreamers Communication, una start-up fondata dal neolaureato JCU Charles Tabansi e dallo studente JCU Marco Pecchio. Marco e Charles hanno messo in pratica il loro interesse per il public speaking prima creando un public speaking club alla John Cabot, e poi fondando la loro start up Dreamer Communication, col fine di aiutare individui, aziende ed altre start up ad imparare l’arte di diventare degli oratori sicuri di sé.

Al workshop, Charles and Marco hanno presentato alcuni trucchi e suggerimenti per aiutare anche coloro che non si sentono naturalmente a loro agio parlando davanti ad un’audience a diventare più sicuri di sé. Vediamone 3 che sono stati particolarmente utili:

  • Prestate attenzione al tono della vostra voce e al ritmo del vostro discorso: ciò che può rendere una presentazione interessante non è solo quello che dite ma anche come lo dite. Per questo motivo, è importante regolare il vostro tono di voce e il ritmo, cercando di variarlo a seconda dell’effetto che volete raggiungere e per rendere il vostro discorso fluido e interessante. Per un discorso energico, il ritmo dovrebbe essere più veloce mentre se si vuole creare un’atmosfera raccolta bisogna rallentare il ritmo e abbassare il tono di voce;
  • Non provate ad eliminare il vostro accento, cercate di essere chiari: è molto difficile, se non impossibile, eliminare il vostro accento quando non vi esprimete nella vostra lingua madre. Quello che potete fare è migliorare la vostra pronuncia e parlare in modo chiaro. Esattamente questo è stato l’obiettivo dell’esercizio proposto da Charles e Marco: concentrarsi sulla pronuncia di alcuni suoni in inglese e poi leggere un paragrafo, uno ad uno, davanti all’aula, usando il giusto tono, ritmo e dizione. Ecco un primo passo per diventare più sicuri di sé di fronte a un pubblico;
  • Concentratevi sul linguaggio del corpo: i gesti sono tanto potenti quanto la comunicazione orale. Essere consapevoli degli atteggiamenti e gesti del vostro pubblico, aiuta a controllare la vostra stessa comunicazione non verbale e serve anche a capire le reazioni dell’audience alle vostre parole. Avere una stretta di mano solida ad un colloquio, mantenere il contatto visivo con tutti gli interlocutori nella stanza quando si presenta un progetto, oppure avere un linguaggio del corpo che comunichi entusiasmo e apertura quando si propone una nuova idea possono essere decisivi per raggiungere i vostri obiettivi.

 

Center for Career ServicesContinuing Education
John Cabot University

jcu_high_res

RANDSTAD: Searching for the Perfect Match

Randstad

Last week, our Center for Career Services and Continuing Education hosted Daniela Vellucci, Regional Recruiter at Randstad Italy. Randstad is an agency that specializes in the research, training and selection of personnel.

“The job market is growing and so are the candidates that are searching for a professional opportunity,” comments Miss Vellucci. In this context, Randstad comes in, acting as point of reference between businesses and candidates. In fact, more and more companies decide to call on a human resources consulting firm to help them select the ideal candidates between all of the CV they receive. Miss Vellucci explains: “Our service facilitates the phases of research and selection for companies, so that they do not have to manage high number of candidacies”.

With over 50 years of experience, presence in 39 countries and 1,400 permanent employees in Italy, Randstad is known to be a world leader in their industry. Actually, different from other agencies, Randstad is always looking for the “perfect match” and offers consultancy to both clients, companies and candidates. Candidate’s registration is free of charge and placement is highly specialized. Randstad representatives gather the requirements of the company to better understand the profile that is being searched. “Our mission is to offer a quick and superior service”, says Miss Vellucci.

Even within the company itself, Randstad’s objective is to achieve excellence, organizing outplacement, assessment and training programs for their employees. Every individual at Randstad works in teams, analyzing not only the needs of their clients, but also the one of employees within Randstad.

At the end of the presentation, Miss Vellucci described our students the Account Manager position. The Center for Career Services and Continuing Education will host Randstad again at the JCU Career Fair taking place in September.

A sincere thank you to Miss Vellucci and the team Randstad from all of us.

RANDSTAD: alla ricerca del perfect match

IMG_7692

La settimana scorsa, il nostro Centro di Alta Formazione e Avviamento alla Carriera ha ospitato Daniela Velluci Regional Recruiter di Randstad Italia.

Randstad è un’agenzia per il lavoro specializzata in somministrazione di lavoro, ricerca e selezione del personale e formazione.

“Il mercato del lavoro è in crescita così come i candidati in ricerca di opportunità professionali” commenta la Dott.ssa Vellucci. In questo contesto entra in gioco Randstad, che agisce come punto di contatto tra aziende e candidati. Infatti, sempre più aziende scelgono di rivolgersi a una agenzia che selezioni, tra i vari curricula ricevuti, i candidati più adatti alle loro esigenze. La dottoressa spiega: “Il nostro servizio agevola le aziende nella fase di ricerca e selezione evitando loro di gestire numerose candidature”.

Con oltre 50 anni di esperienza, presenza in 39 nazioni e 1.400 dipendenti fissi in Italia, Randstad è conosciuta come un leader mondiale del settore. Randstad è sempre alla ricerca del “perfect match”, offrendo consulenza a entrambi i clienti, l’azienda ed il candidato. L’iscrizione dei candidati è gratuita ed il collocamento completamente specializzato. Un referente Randstad raccoglie l’esigenza dell’azienda per comprendere al meglio il profilo richiesto. “La nostra missione è quella di un offrire un servizio veloce e di qualità”, dice la Dott.ssa Vellucci.

Anche dentro l’azienda stessa Randstad punta all’eccellenza, organizzando programmi di outplacement, assessment e formazione aziendale. Ogni dipendente Randstad svolge un lavoro di squadra, analizzando non solo il fabbisogno dei clienti, ma anche degli stessi lavoratori Randstad.

Alla fine della presentazione, Daniela Vellucci, ha spiegato ai ragazzi la posizione di Account Manager e le varie attività che questo svolge in Randstad. Il Centro di Alta Formazione e Avviamento alla Carriera ospiterà nuovamente Randstad al Career Fair di Settembre.

Un ringraziamento alla Dott.ssa Vellucci e al team Randstad da parte nostra.

Center for Career ServicesContinuing Education
John Cabot University

jcu_high_res

Retail Identity: Studio63 Architecture+ Design Case Study

Retail Identity: Studio63 Architecture+ Design Case Study

Architettura-Orecchioni 2.JPG

This semester, John Cabot University – Center for Professional & Continuing Education, hosted Piero Angelo Orecchioni, owner at Studio 63 Architecture +Design, who gave a special lecture to JCU Continuing Education students on his multi-year work experience. Interior designer and architect, he illustrated not only the importance of retail identity but also his own life and work philosophy.

Studio 63 Architecture + Design is an international architecture and design studio based in Florence (Italy), focusing on art direction and design consulting for companies operating in the furniture and fashion industries.

Orecchioni introduced specific case studies of some of the major international retail companies he directly collaborated with. As project manager, he was in charge of elaborating store concepts, meant to express the brand identity at its fullest through the concrete architecture and interior design of the stores. His work mainly concentrated on the development of the so-called flagship stores. These stores function as the embodiment of the brand identity in its highest form and, for this reason, vary from country to country, according to the brand positioning and the identity itself. In this way, every country where the company is doing business has its flagship store, which is later reproduced in a more modest fashion all over the world. Flagship stores definitely follow the marketing principle of the product life cycle and, indeed, usually stand from three to four years.

Orecchioni explained that in our fast-paced society, the concept of “identity” has become mutable, and this is true for people as well as for companies. Every time a company approaches a new market, far from its original country, it loses its identity and acquires a new one, which is more suitable to that context. Every time a brand changes its identity, it changes its market positioning, too.

In regards to mono-brand stores, Orecchioni said that retail identity involves several aspects: space planning; visual merchandising; visual communication; store design. When designing a store, the goal is to seduce the public; this is why it is important to make the building appealing both in the daylight and at nighttime, planning carefully the interior as well as the exterior.

In conclusion, Orecchioni explained Cabot students that the most difficult part of the work was not the creative moment of the store planning and design, but rather the support to these companies in the development and understanding of their own identity as a brand.

What is brand identity? And, even before that, how can we explain the concept of identity itself?

Retail Identity: Studio63 Architecture+ Design Case Study

Architecture-Orecchioni 1

Questo semestre, il Centro di Alta Formazione e Avviamento alla Carriera della John Cabot University ha ospitato Piero Angelo Orecchioni, proprietario di Studio 63 Architecture +Design, il quale ha tenuto una special lecture sulla sua pluriennale esperienza lavorativa di Interior Designer e architetto per gli studenti dell’Alta Formazione John Cabot: Orecchioni ha spiegato non solo l’importanza della retail identity ma anche la sua filosofia di vita e di lavoro.

Studio 63 Architecture + Design è uno studio internazionale di architettura e design con sede a Firenze, focalizzato sulla direzione artistica e consulenza per il design per le aziende operanti nei settori dell’arredamento e della moda.

Orecchioni si è servito dei casi studi di alcune delle maggiori aziende con cui ha collaborato in maniera diretta per spiegare come, nel ruolo di project manager, il suo incarico fosse quello di elaborare store concepts mirati ad esprimere appieno l’identità del brand attraverso l’architettura e il design degli spazi. Principalmente il lavoro di Orecchioni si è concentrato sullo sviluppo dei cosiddetti flagship store. Questi negozi incarnano la brand identity nella sua forma più alta e, per questo motivo, variano da paese a paese a seconda del brand positioning e dell’identità stessa del brand. In questo modo, ogni paese in cui l’azienda opera ha il suo flagship store, che poi viene riprodotto in versione meno elaborata nel resto del mondo. I flagship stores seguono la legge di mercato del ciclo vitale del prodotto e, infatti, durano di solito dai tre ai quattro anni.

Orecchioni ha spiegato che nella nostra società frenetica il concetto di “identità” è diventato mutevole, il che è tanto vero per le persone quanto per le aziende. Ogni volta che una compagnia approccia un nuovo mercato, lontano dal suo paese di origine, perde la sua identità e ne acquisisce una nuova più adatta al contesto. Ogni volta che un brand cambia la sua identità cambia anche il suo posizionamento sul mercato.

Per quanto concerne i negozi mono-brand, Orecchioni ha affermato che la retail identity include diversi aspetti: space planning; visual merchandising; visual communication; store design. Quando si progetta un negozio, l’obiettivo è sedurre il pubblico; per questo è importante rendere gli ambienti attraenti sia di giorno che di notte, pianificando attentamente sia gli interni che gli esterni.

In conclusione, Orecchioni ha spiegato agli studenti Cabot che la parte più difficile di questo lavoro non è tanto il momento creativo di pianificazione e design dello store, quanto dare supporto a queste aziende nello sviluppo e comprensione della loro identità come brand.

Cos’è la brand identity? E, ancora prima di questo, come possiamo spiegare il concetto di identità in sé?

Center for Career ServicesContinuing Education
John Cabot University

jcu_high_res

The Importance of Feedback Meetings: Part 2

The Importance of Feedback Meetings: Part 2

Giving Feedback to Others

giving feedback 2

Last week, we gave you some tips to help you deal with feedback meetings when you are the ones to be judged. But what happens when it is your turn to give feedback to others?

Judging your colleagues’ job can make you feel uneasy; you might be afraid to say something wrong or that may offend your colleagues. However, if you stay professional, plan carefully what you have to say, and think about it in advance you will have time to organize your thoughts and find the most effective way to express your ideas. Below you can find three steps to follow when you are giving feedback to others:

  1. Write notes: before going to a feedback meeting, you should write some notes on what you are going to say. This will help you to have clear on your mind what are the things you want to tell and you will not forget anything important. Moreover, thinking about what to say ahead of time, will allow to think about the best and clearest way to express your opinions in front of the others;
  2. Stay professional: this is a professional occasion, so make a clear distinction between the personal and professional opinion you have on your colleagues. What you are judging here is your colleagues’ professional performance, so stick to that, and do not let your personal (either positive or negative) feelings influence your judgment;
  3. Express yourself clearly: it is very important that the person you are talking to understands what you are saying, especially if you are underlining some of her/his weaknesses. People tend to get defensive in these occasions, so it is fundamental that you do not make them feel attacked and that you are not misunderstood. It is a good idea to give practical examples when you pinpoint specific aspects of their job so to make your point as clear as possible.

 

L’importanza dei “feedback meeting:” Parte 2

Dare un feedback agli altri

giving feedback to others 1

La scorsa settimana vi abbiamo dato qualche suggerimento su come comportarvi ai feedback meeting quando siete voi ad essere giudicati. Ma cosa succede invece quando tocca a voi dare un feedback sugli altri?

Giudicare il lavoro dei vostri colleghi potrebbe farvi sentire a disagio; potreste avere timore di dire qualcosa di sbagliato o che potrebbe offendere i vostri colleghi. In ogni caso, se rimanete professionali, pianificate attentamente quello che dovete dire e ci pensate in anticipo avrete tempo di organizzare i vostri pensieri e di trovare il modo più efficace per esprimervi. Vi riportiamo qui sotto tre punti che potete seguire quando date feedback sugli altri:

  1. Scrivetevi degli appunti: prima di andare ad un feedback meeting, dovreste scrivervi qualche appunto su cosa volete dire. Questo vi aiuterà ad avere chiaro in mente quali sono le cose che volete dire e non vi scorderete niente di importante. In più, pensare in anticipo a cosa dire vi permetterà di elaborare il modo migliore e più chiaro di esprimere le vostre opinioni davanti agli altri;
  2. Rimanete professionali: questa è un’occasione professionale, quindi abbiate chiara la distinzione tra la vostra opinione personale e la vostra opinione professionale sui vostri colleghi. Quello che siete invitati a giudicare in questa sede è la performance professionale, quindi attenetevi a questo e non lasciate che i vostri sentimenti (positivi o negativi) influenzino il vostro giudizio;
  3. Esprimetevi chiaramente: è molto importante che la persona a cui vi state rivolgendo capisca esattamente quello che state dicendo, specialmente se state sottolineando delle debolezze. Le persone tendono ad andare sulla difensiva in queste occasioni, quindi è fondamentale che non facciate sentire nessuno attaccato e che non veniate fraintesi. Può essere una buona idea fare esempi pratici quando puntualizzate aspetti specifici del lavoro degli altri per presentare le vostre idee nel modo più chiaro possibile.

 

Center for Career ServicesContinuing Education
John Cabot University

jcu_high_res

%d bloggers like this: