Center for Career Services & Continuing Education

John Cabot University’s Center for Career Services & Continuing Education is your bridge between your academic and professional careers. Whether you want to pursue further study in graduate school or hope to begin a career, we can help you achieve those goals.

Month: August, 2016

Human Resources Departments: Activities and Tasks

Human Resources Departments: Activities and Tasks

HR departments 1

How do you recognize a successful company? From the amount of money it makes, from the satisfaction of its clients, from its distribution around the world, from the technology it has at its disposal?

For sure, all of these are important elements to determine the level of a company. However, there is another component that must not be forgotten: the so-called human capital. What really moves the engines of a company is the people working in it. The role of the HR (Human Resources) department of a company, or of an HR company, is to increase the value of the human capital of their own, or external, companies. The main role of HR departments is to be intermediaries between the employers and the employees. Usually, HR professionals come from humanistic studies, especially psychology, sociology, philosophy and similar, and take care of many disparate tasks. Let’s have a look at their main areas of competence:

  • Selection and hiring: HR departments and companies are those that usually screen applications, revise CVs and cover letters, and advertise new positions. Very often, HR professionals go to Career Days to represent the companies they work for in order to select new potential employers. After that, their role is also to conduct interviews with the candidates and decide if they can work with the company or not;
  • Interpersonal relations: the HR department is the place where employers or employees are supposed to go if they have any conflict with other colleagues or if they need some advice to solve difficult situations caused by personal relations. In this case, the HR department has the role to be a mediator, a neutral third party to minimize contrasts and solve disputes;
  • Training and monitoring: HR professionals also have the fundamental aim to increase the power of the human capital of a company. They monitor the company’s performance and keep it competitive. For this purpose, they usually organize training sessions and seminars in order to perfect the employees’ skills and improve the company’s performance;
  • Personnel administration : the HR department of a company can be also in charge of monitoring the payroll system and of drafting the employment contracts. They can plan the employees’ vacation schedule, take care of insurances, leaves, retirements and so on.

Dipartimenti di Risorse Umane: attività e compiti

Da cosa si riconosce un’azienda di successo? Dai suoi guadagni, dalla soddisfazione dei suoi clienti, dalla sua distribuzione mondiale, dalla tecnologia che ha a disposizione?

Sicuramente, tutti questi elementi sono importanti per determinare il livello di un’azienda. Nonostante ciò, ce un’altra componente che non deve essere dimenticata: il cosiddetto capitale umano. Infatti, a muovere gli ingranaggi di un’azienda sono sempre le persone che vi lavorano. Il ruolo del dipartimento di HR (Human Resources) di un’azienda , o di una compagnia di HR, è di accrescere il valore del capitale umano della loro stessa azienda, o di aziende esterne. Il ruolo principale dei dipartimenti di HR è di essere degli intermediari tra gli impiegati e i datori di lavoro. Di solito, i professionisti dell’ambito delle risorse umane provengono da studi umanistici, in particolari di psicologia, sociologia, filosofia e simili, e si occupano di attività disparate. Diamo un’occhiata alle loro principali aree di competenza:

  • Selezione e assunzione: i dipartimenti e le aziende di risorse umane sono solitamente incaricate di esaminare le candidature, rivedere CV e lettere di presentazione e di promuovere nuove posizioni vacanti. Molto spesso, i professionisti di risorse umane vanno ai Career Day per rappresentare le aziende per cui lavorano al fine di selezionare nuovi potenziali impiegati. Dopo ciò, il loro ruolo è anche quello di condurre i colloqui con i candidati e decidere se possono lavorare con l’azienda o no;
  • Relazioni interpersonali: il dipartimento di HR è dove impiegati e principali dovrebbero recarsi in caso di conflitto con i colleghi o per essere consigliati su come risolvere situazioni complicate generate da relazioni personali. In questo caso, il dipartimento di HR ha il ruolo di mediatore, una terza parte neutrale che minimizzi i contrasti e risolva le dispute;
  • Training e monitoraggio: i professionisti di HR hanno anche l’obiettivo fondamentale di incrementare il potere del capitale umano dell’azienda e di monitorare le performance dell’azienda, assicurandosi che sia competitiva. Per questo motivo, di solito si organizzano delle training sessions e seminari per affinare le capacità degli impiegati e migliorare la performance dell’azienda;
  • Amministrazione del personale: il dipartimento di risorse umane di un’azienda può anche essere incaricato di monitorare il sistema di pagamento e di stendere i contratti di lavoro. Possono avere il compito di pianificare il calendario delle vacanze, di occuparsi delle assicurazioni, dei permessi, delle pensioni etc.

Center for Career ServicesContinuing Education
John Cabot University 

jcu_high_res

How to…Network During Career Fair Interviews

How to…Network During Career Fair Interviews

Networking at career fairs 1

On September 16th, the Center for Career Services and Continuing Education at John Cabot University will host the first Career Fair of the Fall Semester. Career fairs are good occasions to speak with different business representatives in one day and have an interview with them.

However, career fairs are also the perfect events for networking. Very often, companies decide to attend these events not only to recruit new interns or employees but also to network with the other organizations and with young professionals. For this reason, career fairs become also for you, recent graduates or future graduates, not only the places to leave your CVs at but also, and more importantly, to start building your professional network. For this reason, we offer you some little tips to know how to network in these occasions:

  • Get prepared to start off the conversation: just like when you meet a new person in your private life, you want to have something to say to start off the conversation. Have prepared an introduction of yourself, so that you do not seat there feeling uneasy and with a blank mind. You do not have to think about anything complicated: stating your name, what you study, and your areas of interest will be enough to break the ice. The conversation must be natural, so do not sound like you are playing a role. Be spontaneous but organized, have clear in your mind what information about yourself might be interesting and would encourage the conversation;
  • Research about the companies: this is fundamental before you choose which ones you want to have an interview with but also to know what to say when you seat in front of them. Generally, people love talking about themselves and about what they do. If you wish to network, show that you are interested in what the representatives of that company do and that you got informed about that. If you make a research ahead of time, you will be able to study the company carefully and to ask smart and precise questions;
  • Let your personality come out: do not feel nervous if you spend some time talking about the company rather than about yourself and do not be anxious to show off your skills. You can say a lot about yourself even if you are not saying it explicitly. During the conversation, let your personality and interests come out and try to create a connection with your interlocutor;
  • Follow-up: do not feel frustrated if they do not ask for your CV or if you realize they are not interested in your profile for the near future. Even if they do not hire you, you have had the chance to do networking. They might call you again in the future or might suggest your CV to another company they know. For this reason, you should always send a thank-you email to everyone you interviewed with, as a way to keep in touch and to remind them of you.

All the companies are part of a big network of business relations and this is your occasion to enter it!

Come…fare networking ai colloqui durante i Career Day

networking at career fairs 2.jpg

Il 16 settembre il Centro di Alta Formazione e Avviamento alla Carriera della John Cabot University ospiterà il primo Career Day della sessione autunnale. I career day sono delle ottime occasioni per incontrare, in un unico giorno, i rappresentanti di diverse aziende e per avere un colloquio con loro.

Inoltre, i career day sono anche gli eventi perfetti per crearsi una rete di contatti professionali. Molto spesso le aziende decidono di partecipare a questi eventi non solo per reclutare nuovi stagisti o impiegati ma anche per fare networking con le altre organizzazioni e con giovani professionisti. Per questo motivo i career day diventano anche per voi, neolaureati o futuri laureati, non solo le occasioni per lasciare i vostri curricula ma anche, e soprattutto, per iniziare a costruire il vostro network professionale. A tal proposito vi offriamo alcuni piccoli consigli per fare networking in queste occasioni:

  • Siate pronti ad iniziare una conversazione: proprio come quando incontrate una persona nuova nella vostra vita privata, dovete sapere cosa dire per dare inizio ad una conversazione. Preparatevi una presentazione di voi stessi, così che non vi troverete a sedervi davanti al rappresentante di un’azienda sentendovi a disagio e con la mente vuota. Non c’è bisogno di pensare a niente di complicato: il vostro nome, cosa studiate e le vostre aree di interesse saranno sufficienti per rompere il ghiaccio. La conversazione deve essere naturale quindi non fatela sembrare una recita. Siate spontanei ma organizzati, abbiate chiaro nella vostra mente quali informazioni su di voi possono interessare l’interlocutore ed incoraggiare la conversazione;  
  • Fate ricerche sull’azienda: questo è fondamentale prima di scegliere con quali aziende si vuole avere un colloquio, ma anche per sapere cosa dire quando vi troverete davanti a loro. Generalmente, alle persone piace parlare di sé e di quello che fanno. Per iniziare a creare il vostro network, mostrate interesse per il lavoro dei rappresentanti della compagnia e dimostrate di esservi informati a proposito. Se fate qualche ricerca anticipatamente avrete tempo per studiare l’azienda attentamente e saprete porre domande mirate ed intelligenti;
  • Fate emergere la vostra personalità: non innervositevi se passate più tempo a parlare dell’azienda piuttosto che di voi e non siate impazienti di mostrare le vostre capacità. Potete dire molto di voi stessi anche se non lo fate esplicitamente. Durante la conversazione lasciate che emergano la vostra personalità e i vostri interessi e cercate di creare una connessione con il vostro interlocutore;
  • Follow-up: non sentitevi frustrati se non vi viene chiesto il cv o se non cogliete interesse per il vostro profilo per l’immediato futuro. Anche se non vi assumono, avete comunque avuto la possibilità di fare networking. Infatti, potreste essere richiamati in futuro o il vostro cv potrebbe venire indicato ad un’altra azienda. Per questo bisognerebbe sempre mandare un’email di ringraziamento a tutte le aziende con cui si è avuto un colloquio, come modo per tenersi in contatto e per farle ricordare di voi.

Tutte le aziende fanno parte di un grande network professionale e questa è la vostra occasione per entrare a farne parte!

Center for Career ServicesContinuing Education
John Cabot University 

jcu_high_res

Are We Still in the “Business Suit” Age?

Are We Still in the “Business Suit” Age?

casual business attire2.jpg

As members of the young generation of employees entering the job market, when you think about the dress code for work, you might have in mind the image of your mom and dad wearing their elegant, business suits. Most likely, the idea of dressing that same way does not make you feel as comfortable as your parents seems to be. You have just left the college, probably, and changing your look so drastically, from a pair of jeans and t-shirt to a suit with a tie, might be scary.

Although those kinds of jobs that imply formal relations with clients and other companies will still require a formal attire, there are some good news for you: things are changing! In the recent times, the employees’ look has become, in many companies, much more casual.

Why is this happening? Let’s consider these three simple points that motivate this phenomenon:

  • The “millennials” are entering the job market: the so-called millennials’ generation has now reached the age to enter the job market. Having this new wave of young employees is making the whole company’s environment livelier. Things are changing, and, among them, the dress code. Many companies decide to establish a casual business attire for the workplace. This means that the old business suit, with matching jacket and pants plus tie for men, or suit and heels for women, is no longer required. There might be exceptions (for ex. special meetings), but normally it is enough to dress “casual- professional.” The exact indications of what is meant by that should be set by the company itself…and by common sense;
  • Companies propose a more casual approach to clients: many companies decide to adopt a more casual attire for their workers because it makes it easier to break down the barrier with the clients. In fact, a more relaxed look makes the client feel more at ease. Of course, this depends both on the client and on the kind of item the company wants to sell, but, generally, this choice works also for many formal situations;
  • The spring of new start-ups: many young entrepreneurs are opening their own start-ups, inventing new areas of action in response to the new needs of our age. These young professionals want to present themselves as a valid alternative to the older, more solidly established companies, stressing the main peculiarity that distinguishes them, instead of hiding it: their youth. They want to turn their “being young” into their strength, and one way to highlight this is through their approach and their look. Therefore, instead of meeting their clients in a blue suit, they might go for a white shirt and blue jeans: their look must mirror and enhance the freshness and novelty of their ideas.

What do you think? Do you think that it is better to preserve a formal look in the workplace or you agree that the “business suit age” is now dead?

Siamo ancora nell’epoca del “giacca e cravatta”?

casual business attire

Come parte della giovane generazione in procinto di entrare nel mondo del lavoro, quando pensate al dress code per l’ufficio potrebbe venirvi in mente l’immagine di vostra madre e vostro padre nel loro elegante completo professionale. Non è strano che l’idea di vestirvi in questo modo possa farvi sentire a disagio. Probabilmente avete appena finito l’università e l’idea di cambiare così drasticamente il vostro look, da jeans e t-shirt a giacca e cravatta, può intimorire.

Nonostante alcuni lavori, come quelli che implicano relazioni formali con clienti o altre aziende, richiedano ancora un abbigliamento formale, ci sono buone notizie per voi: le cose stanno cambiando! Ultimamente, il look richiesto agli impiegati è diventato molto più casual in tante aziende.

Ma perché sta accedendo ciò? Consideriamo tre semplici punti che potrebbero motivare tale fenomeno:

  • I millennials stanno entrando nel mercato del lavoro: la cosiddetta generazione dei “millennials” ha ormai raggiunto l’età per entrare nel mercato del lavoro e questa nuova ondata di giovani lavoratori sta rendendo l’ambiente aziendale più vivace. Le cose stanno cambiando e, tra queste, il dress code. Molte aziende decidono di stabilire un abbigliamento casual per i loro impiegati. Questo significa che il vecchio abito formale, con pantaloni, giacca e cravatta per gli uomini, o tailleur con tacchi per le donne, non è più richiesto. Ci possono essere delle eccezioni (per esempio degli incontri speciali), ma normalmente è sufficiente vestirsi in maniera “casual-professionale.” Le indicazioni esatte di cosa ciò significhi vengono stabilite dall’azienda…e dal buon senso;
  • Le aziende propongono un approccio più casual ai loro client: molte aziende decidono di adottare un look più casual perché ciò rende più facile rompere le barriere con i clienti. Infatti, un modo di presentarsi più casual fa sentire il cliente più a suo agio. Sicuramente questo dipende sia dal cliente che da cosa la compagnia vuole vendere, ma generalmente questo approccio funziona anche in molte situazioni formali;
  • Il fiorire di nuove start-up: molti giovani imprenditori stanno aprendo nuove start-up, creando nuove aree d’azione in risposta ai bisogni della nostra epoca. Questi giovani professionistici si vogliono presentare come valide alternative alle aziende più anziane e più solidamente stabilite, enfatizzando la peculiarità che le caratterizza, anzi che nascondendola: la loro giovinezza. Vogliono trasformare il loro essere giovani nella loro forza, e uno dei modi per enfatizzare ciò è attraverso il loro approccio e modo di presentarsi. Quindi, anzi che presentarsi ai clienti in completo blu, potrebbero scegliere una camicia bianca e jeans: il loro look deve rispecchiare ed accentuale la freschezza e la novità delle loro idee.

E voi cosa pensate? Pensate che sia meglio conservare un’apparenza formale sul posto di lavoro o pensate anche voi che l’epoca del “giacca e cravatta” sia ormai finita?

Center for Career ServicesContinuing Education
John Cabot University 

jcu_high_res

%d bloggers like this: