Center for Career Services & Continuing Education

John Cabot University’s Center for Career Services & Continuing Education is your bridge between your academic and professional careers. Whether you want to pursue further study in graduate school or hope to begin a career, we can help you achieve those goals.

Month: September, 2016

How to…Turn Your Passion into Your Job

How to…Turn Your Passion into Your Job

Happy man with computer technology

Everyone’s dream is to wake up in the morning feeling happy to go to work. Some people are actually lucky enough to see this happen almost every day. How do they do? It is very simple: they do not go to work only because they have to, but because they like it. When you do your job for, and with, passion you can get the highest results. Moreover, today’s market is extremely competitive and very often the only possible strategy to emerge seems to be inventing something completely new. What is better, then, than turning your passion into your job?

Taking the road less travelled can be scary, because, there, you are alone and you do not know where it takes. The first step is to identify which is your passion and if you can actually turn it into something productive. In this sense, a passion must not be confused with a hobby. If you decide to turn your passion into your job, you will not do it only for pleasure; it will become your source of living. For this reason, this process takes effort, careful planning, and perseverance. Following, some tips to keep in mind if you want make a living out of what you love:

  • Do not think passion is enough: identifying which is your greatest passion that you would like to become your career is the first step, of course. However, this is just the beginning. After that, you have to be rational and objective about the feasibility of your ideas. In order to become concrete, a business idea needs to be interesting not only for its creator but also for the potential customers. For this reason, what you should ask yourself is: is there someone out there that actually needs what I want to offer? If the answer is yes, and no one else has already thought about providing that service you thought about, probably you are on the right track;
  • Learn from others: you can learn a lot by speaking to other people. You should listen to both those working in the field you want to enter and to potential clients. The reason why you should talk to people who are in a similar business is because it will make you understand how things work and how you can improve and do something different from what is already on the market. Moreover, you should talk to potential clients to understand what they really need and get new ideas;
  • Expand your vision: even if it is essential to have clear in mind what you want to create, you should never stop investigating and expanding your vision. After you understood how to turn your passion into your career, it is important to share your ideas and ask feedback to both customers and expert professionals. Do not feel frustrated if you get criticism. Critiques are always useful to improve and they might bring to light some issues that you did not think about;
  • Use social media: Nowadays, it is much easier to communicate your idea and share it with the world thanks to the social media. Do not underestimate their power! Social media, if used on a professional level, can be incredible tools to spread the word about new activities. Get to know them deeper, study how they work and you will discover their inner marketing power. In addition, have a look at the social pages of some successful businesses and get inspiration from them.

Come…trasformare la vostra passione nel vostro lavoro

how-to-turn-your-passion-into-your-job

Il sogno di tutti è quello di svegliarsi la mattina con la voglia di andare a lavoro. Alcune persone hanno veramente la fortuna di sperimentare questa sensazione quasi tutti giorni. Ma come fanno? È molto semplice: non vanno a lavoro solo perché devono ma perché è un piacere. Quando si fa un lavoro per, e con, passione si ottengono i risultati migliori. Tra l’altro il mercato odierno è estremamente competitivo e molto spesso l’unica strategia possibile per emergere sembra essere inventare qualcosa di completamente nuovo. Quale idea può essere migliore, allora, di trasformare una vostra passione nel vostro lavoro?

Intraprendere la strada meno percorsa può spaventare, perché potrete trovarvi soli e senza sapere dove vi porterà. Il primo passo è identificare quale sia la vostra passione e capire se si può trasformare in qualcosa di effettivamente produttivo. In questo senso una passione non va confusa con un hobby. Se decidete tramutare qualcosa che amate nel vostro lavoro, non lo farete solo per piacere; diventerà la vostra fonte di sostentamento. Per questo motivo tale processo richiede impegno, pianificazione attenta e perseveranza. Di seguito alcuni suggerimenti da tenere a mente se volete trasformare una vostra passione nella vostra carriera:

  • Non pensate che la passione sia abbastanza: identificare quale sia quella passione che volete diventi il vostro lavoro è sicuramente il primo passo. Ma questo è solo l’inizio. Dopo ciò, dovete essere razionali e oggettivi riguardo la realizzabilità delle vostre idee. Per diventare concrete, le idea di business devono essere giudicate interessanti non solo dai creatori stessi ma anche per i clienti potenziali. Per questo, ciò che vi dovreste chiedere è: c’è qualcuno là fuori che ha veramente bisogno di quello che voglio offrire? Se la risposta è sì e nessun’altro ha ancora pensato a fornire un servizio simile, probabilmente siete sulla strada giusta;
  • Imparate dagli altri: potete imparare molto parlando con altre persone. Dovreste sentire l’opinione sia di chi già lavora nell’ambiente in cui volete entrare che di potenziali clienti. Il motivo per cui dovreste ascoltare chi ha un’attività simile è che vi aiuterà a comprendere come funzionano le cose e come potete migliorare o fare qualcosa di diverso da quello che è già sul mercato. Inoltre, dovreste parlare con clienti potenziali per capire di cosa hanno veramente bisogno ed ottenere nuove idee;
  • Espandete la vostra visione: anche se è essenziale avere chiaro quello che volete creare, non dovreste mai smettere di ricercate e di espandere la vostra visione delle cose. Dopo che avrete capito come trasformare la vostra passione nella vostra carriera, è importante condividere le vostre idee e chiedere feedback sia ai clienti che a professionisti esperti. Non sentitevi frustrati se ricevete delle critiche; queste sono sempre essenziali per migliorare e potrebbero portare alla luce aspetti a cui non avevate pensato;
  • Usate i social media: al giorno d’oggi è molto più facile comunicare le idee e condividerle con il mondo grazie ai social media. Non sottovalutatene il potere! I social media possono essere degli strumenti incredibili per spargere la voce riguardo nuove attività, se usati ad un livello professionale. Iniziate a conoscerli meglio, studiate come funzionano e scoprirete il loro valore come veri strumenti di marketing. Inoltre, date un’occhiata alle pagine social di alcune attività di successo e prendetene ispirazione.

Center for Career ServicesContinuing Education
John Cabot University 

cropped-jcu_high_res.jpg

How to….Become the Perfect Intern

How to….Become the Perfect Intern

how-to-become-the-perfect-intern-2

After many years spent studying and taking exams, it always arrives that moment when you have to put your knowledge into practice. This is when you have to start to build up your professional path and acquire some practical experience on the work field. Everyone usually starts with an internship, which, in the future might turn into a real job. However, even if this does not happen, an internship is the starting point of your professional future and your occasion to learn from someone that is more experienced than you are. For this reason, it is fundamental to have the right conduct on the work place and be dedicated to your tasks, no matter your pay or if your position is not at the height of your expectations for the future. Since internships are so important to enrich your resume, following, we are summarizing for you some major things to keep in mind if you want to become the perfect intern:

  • Act as if it was a job, not an internship: this is the clue statement that you always have to keep in mind if you want to give the best results. Even if you are an intern and if you just started to work, you always have to be responsible for your own performance. Remember that whether you do a good or a bad job, it affects the company. It is important that you develop good time management skills in accomplishing your tasks and that you are always punctual. Moreover, even though it is your right to ask for leave or a day-off in case of need, be responsible with absences, and try to be always present in the most busy days;
  • Know the company’s rules and respect them: every company has its own rules; it is important that, before starting your internship, you research and have them clear in mind, so that you know exactly the right way to behave. This will make you feel more confident, at ease, and you will know how to act and relate to the other people. For instance, try to understand if you are in a formal or informal environment and conform to it, both with your behavior and your attire;
  • Take initiative: do not be afraid to give your opinion, to take initiative, to propose something you thought about. If you see a colleague may need some help, do not be afraid to propose. Of course, you also have to be aware of your capacities and limits, but being ready to help will give your employee and coworkers the signal that you are willing to learn and act in first person, without waiting for someone to tell you what to do;
  • Ask for advice: do not feel intimidated if you do not know how to accomplish one of your tasks or if you are uncertain about a procedure. It is always better to ask so that the next time you will know exactly what to do. Try to build a good relationship with your boss and colleagues and identify someone that could be your mentor. Do not forget that an internship is first of all your occasion to gain experience and learn, so, listen to who is more expert than you are and be open to any suggestion and directive.

Come… diventare lo stagista perfetto

how-te-be-the-perfect-intern-1

Dopo tanti anni passati a studiare e a fare esami, arriva sempre il momento in cui bisogna mettere in pratica il proprio sapere. Così si inizia a costruire il proprio percorso professionale e ad acquisire esperienza pratica sul posto di lavoro. Di solito si inizia sempre con uno stage, il quale, in futuro, potrebbe trasformarsi in un lavoro vero e proprio. In ogni caso, che questo accada oppure no, uno stage è sempre il punto di inizio per il proprio futuro professionale ed un’occasione per imparare da qualcuno che ha più esperienza. Per questo motivo, è fondamentale avere una condotta adeguata sul posto di lavoro ed essere sempre attenti alle proprie responsabilità, qualsiasi sia la paga ed anche se la posizione non rispecchia le proprie ambizioni future. Visto che gli stage sono così importanti per arricchire il proprio CV, vi riassumiamo di seguito alcune delle accortezze più importanti da tenere a mente per diventare lo stagista perfetto:

  • Comportati come fosse un lavoro, non uno stage: Questa è la nozione più importante da tenere sempre a mente se si vogliono ottenere i risultati migliori. Anche se siete degli stagisti e avete iniziato a lavorare solo da poco, dovete essere sempre responsabili della vostra performance. Ricordatevi che sia che facciate un buon o un cattivo lavoro, questo avrà comunque un peso sull’azienda. È importante che sviluppiate buone capacità di gestione del tempo per portare a termine i vostri compiti e che siate sempre puntuali. Inoltre, anche se è vostro diritto chiedere un permesso o un giorno libero in caso di necessità, siate responsabili con le assenze e cercate di essere sempre presenti nei giorni più impegnati;
  • Imparate le regole dell’azienda e rispettatele: ogni azienda ha le proprie regole; è importante che, prima di iniziare lo stage, facciate qualche ricerca e che le abbiate ben chiare, in modo da sapere esattamente come comportarvi. Questo vi farà sentire più sicuri, a vostro agio e saprete come agire e relazionarvi con gli altri. Ad esempio, cercate di capire se l’ambiente è formale o no e conformate sia il vostro atteggiamento che il vostro abbigliamento;
  • Prendete l’iniziativa: non abbiate timore di dire la vostra opinione, di prendere l’iniziativa, di proporre qualcosa a cui avete pensato. Se notate che un collega ha bisogno di aiuto, non abbiate paura di proporvi per aiutarlo. Sicuramente dovete sempre avere ben presenti le vostre capacità ed i vostri limiti, ma essere disponibili ad aiutare darà sia al vostro capo che ai vostri colleghi il segnale che avete voglia di imparare ed agire in prima persona, senza aspettare che qualcuno vi dica cosa fare;
  • Chiedete consigli: non sentitevi intimiditi se non sapete come portare a termine un compito o se siete incerti riguardo una procedura. È sempre meglio chiedere così che in futuro sappiate esattamente cosa fare. Cercate di costruire relazioni positive con il vostro capo e i colleghi ed identificate qualcuno che possa farvi da mentore. Non dimenticate che uno stage è prima di tutto la vostra occasione per fare esperienza ed imparare, quindi ascoltate chi è più esperto e siate sempre aperti a qualsiasi suggerimento o direttiva.

Center for Career ServicesContinuing Education
John Cabot University

jcu_high_res

First Lecture with RANDSTAD: Self-Awareness

First Lecture with RANDSTAD: Self-Awareness

randstad1-orientamento1

On Friday September 9, RANDSTAD, a global HR company, offered John Cabot students a first lecture on self-awareness. The seminar was a first step to help students become more aware of their strengths and weaknesses in order to have a clearer perspective of who they are and how they can plan their professional future.

The reason why becoming self-aware before starting anyone’s own career is so important is because it helps you not getting lost in that vast and restless ocean that is the job market. As the guest speaker underlined, today’s job market is very different from the past. Everything is much more chaotic and fast-paced. However, this also has a positive side: such a disorder makes you the real protagonist of the present. It is only up to you to create an order and give a clear direction to the career path you want to undertake, since the very beginning.

In order to do so, it is important to be aware not only of your technical skills but also of your soft skills and natural inclination. In fact, what we call “capability” is actually made of both “aptitude” and “expertise.” The main difference between these two is that “aptitude is something innate, a natural talent someone was born with (i.e. good listener, creative, diplomatic), whereas “expertise is a set of technical skills that one can acquire through training and studying (i.e. knowledge of computer programs and languages). Although it is not possible to change your own nature, you can still work on your strengths and weaknesses in order to improve your soft skills and your aptitude.

Even though for the so-called “technical jobs,” which involve a concrete contact with objects, data, procedures, technical skills are more important, for some others your aptitude and soft skills will be more valuable. For instance, this is the case of “relational jobs,” which require social interaction and communication. If some qualities, such as creativity or pragmatism, are very difficult to gain if you were not born with them, you can still try to improve some sides of your personality that are more lacking. For instance, time management skills, teamwork disposition, ability to set goals, networking capabilities are those soft skills that you can build through experience and effort.

Our appointments will RANDSTAD have just begun! We will meet again on October 7th to talk about orientation to the job market.

Prima Conferenza con RANDSTAD: Orientamento Attitudinale

randstad1-orientamento2

Venerdì 9 settembre, RANDSTAD, multinazionale operante nel settore HR, ha tenuto davanti agli studenti della John Cabot University la prima conferenza sull’orientamento attitudinale. Il seminario è stato il primo passo per guidare gli studenti verso una maggiore consapevolezza dei loro punti di forza e di debolezza al fine di avere una prospettiva più chiara sulla loro identità e sul loro futuro professionale.

Il motivo per cui l’orientamento attitudinale è così importante prima di iniziare la propria carriera è che aiuta a non perdersi nel vasto e agitato mare del mercato del lavoro. Come ha sottolineato il relatore della conferenza, il mondo del lavoro di oggi è molto diverso da quello di ieri. Tutto è molto più caotico e frenetico, il che, però, ha anche un risvolto positivo: è proprio tale disordine che ci rende protagonisti del nostro presente. Nessun altro se non noi stessi, infatti, possiamo creare ordine e dare, fin dall’inizio, una direzione chiara al percorso professionale che vogliamo intraprendere.

Proprio per questo è importante essere consapevoli non solo delle proprie capacità tecniche ma anche delle proprie soft skills e inclinazione naturale. Infatti, ciò che chiamiamo “capacità” è in realtà composto sia dall’ “attitudine” che dalle “competenze,” dove per “attitudine” si intende qualcosa di innato, un talento naturale con cui si nasce (i.e. capacità di ascoltare, creatività, diplomazia), mentre per “competenze” si intendono tutte quelle capacità tecniche che si possono acquisire grazie a training e studio (i.e. conoscenze informatiche e linguistiche). Nonostante non sia possibile cambiare la propria natura, si può sempre lavorare sui propri punti di forza e di debolezza per migliorare soft skills e attitudine.

Anche se per i cosiddetti “mestieri tecnici,” che implicano contatto diretto con oggetti, dati, procedure, le abilità tecniche sono più importanti, per altri lavori l’attitudine e le soft skills hanno maggior valore. Per esempio è questo il caso dei “mestieri relazionali,” che richiedono interazione sociale e comunicazione. Se alcune qualità, come la creatività o il pragmatismo, sono molto difficili da acquisire se non ci si nasce, si può sempre cercare di migliorare certi aspetti della propria personalità. Ad esempio, la capacità di gestione del tempo, la disposizione al lavoro di gruppo, l’abilità di stabilire obiettivi, la capacità di fare networking sono quelle soft skills che si possono costruire attraverso l’esperienza e l’impegno.

I nostri appuntamenti con RANDSTAD sono solo iniziati! Il prossimo appuntamento sarà il 7 ottobre con il seminario sull’orientamento al mercato del lavoro.

Center for Career ServicesContinuing Education
John Cabot University 

jcu_high_res

 

How to …Resign Properly

How to …Resign Properly

how to resign 1

Everyone’s dream is to find the perfect job at the first shot. However, this does not generally happen in real life. Very often, you will need to have some experience first, in order to understand what your real vocation is. After your first time in a company, you might change your mind about the job and decide you prefer to gain some experience in another field or work environment. On the other hand, you might be satisfied with what you do but receive a better job offer from another company.  There is also the less pleasant possibility that you work in a negative environment and this might cause difficult relations with your colleagues and your boss.

For all these reasons, you might take the decision to resign from your current job position. No matter why you resign, you should always try to keep a good relationship with the company, your boss, and your colleagues. For this reason, we are listing below four short suggestions to help you handle this situation in a professional way:

  • Give notice: when you decide to resign, you are supposed to give notice to your boss and to your supervisor in order to give them the time to look for a replacement. Be aware that the period of notice can be different depending on the role and the seniority you have in the company and must always respect the laws of the country you work in;
  • Do not let your negative feelings overwhelm you: if you are resigning because of negative experiences with your colleagues or with your boss, try not to let your feelings come out. Be professional and keep good relations with both boss and peers. You will never know what is going to happen in your future career; you might come in contact again with your boss or your colleagues, so you want to leave them in a peaceful way;
  • Propose to train the new comer: proposing to teach your job to the new comer who will take your place will show your boss you professionality and reliability. Your aim should be to make this process as smooth as possible and to facilitate the integration of the new employee. Be aware that, even if you have notified the company about your resignation, you are supposed to go to work and to accomplish all your tasks, as long as your working period has not finished (unless differently requested by the company). Before your last day, leave all the information you took care of at your colleagues’ disposal and make sure to introduce your replacement to the clients you used to deal with ;
  • Resignation letter and meeting: some companies might require a resignation letter and a meeting with your supervisor or with the HR department before you leave, for their records. Also in these occasions, be always very careful, professional, and emotionally controlled. Try to stay positive, even if your experience was not perfect, and highlight what your advisor taught you. If you have some critique or suggestion that could improve the company, you can say it, but try to do it always in an objective and professional way.

Come…rassegnare le dimissioni

how to resign 2

Tutti sognano di trovare il lavoro perfetto al primo colpo. Purtroppo però generalmente ciò non accade nella vita reale. Molto spesso si ha bisogno di fare esperienza prima di capire quale sia veramente la propria vocazione. Dopo i primi tempi in un’azienda, potreste cambiare idea riguardo al lavoro e decidere che preferite sperimentare in un altro ambito o in un altro ambiente lavorativo. Al contrario, potreste essere soddisfatti del vostro impiego ma ricevere un a migliore offerta lavorativa. C’è anche la possibilità meno piacevole che troviate un ambiente di lavoro negativo, il che potrebbe causare relazioni difficili con colleghi e superiori.

Tutte queste situazioni possono portare alla vostra decisione di dimettervi dal vostro attuale lavoro. Indipendentemente dal motivo che vi ha portato a tale decisione, dovreste sempre cercare di mantenere un buon rapporto con l’azienda, il vostro capo ed i vostri colleghi. Per questa ragione, vi riportiamo di sotto quattro brevi suggerimenti per aiutarvi a gestire questa situazione in modo professionale:

  • Date preavviso: quando decidete di dimettervi dal vostro stage o lavoro, dovete dare un preavviso al vostro capo e al vostro supervisor così che possano avere il tempo di trovare chi vi rimpiazzi. Sappiate che le tempistiche di preavviso possono variare a seconda del vostro ruolo e della vostra seniority all’interno dell’azienda e devono sempre rispettare le leggi del paese in cui lavorate;
  • Non lasciate che i sentimenti negativi vi sopraffacciano: se vi state dimettendo a causa di esperienze negative con i vostri colleghi o col vostro superiore, cercate di non lasciar emergere i vostri sentimenti. Siate professionali e mantenete buoni rapporti. Non potete sapere quello che accadrà nella vostra carriera futura; potreste riavere contatti con il vostro capo o con i vostri colleghi, quindi è meglio lasciarsi in maniera pacifica;
  • Proponetevi per istruire il nuovo arrivato: proporvi per insegnare il vostro lavoro al nuovo arrivato che prenderà il vostro posto dimostrerà al vostro capo che siete professionali ed affidabili. Il vostro fine dovrebbe essere rendere questo processo il più fluido possibile e facilitare l’inserimento del nuovo impiegato. Siate consapevoli che, anche se avete avvisato delle vostre dimissioni, dovrete continuare ad andare a lavoro e a portare a termine tutti i vostri compiti fino a quando il vostro periodo di lavoro non si sarà concluso (tranne che in caso di richiesta diversa da parte dell’azienda). Prima del vostro ultimo giorno, lasciate tutte le informazioni di cui vi siete occupati a disposizione dei vostri colleghi ed assicuratevi di presentare il vostro sostituto ai clienti di cui vi occupavate di solito;
  • Lettera di dimissioni e meeting: alcune aziende potrebbero richiedere una lettera di dimissioni e un meeting con il vostro supervisore o con il dipartimento di HR, per i loro record. Anche in queste occasioni, siate sempre prudenti, professionali ed emotivamente controllati. Cercate di rimanere positivi, anche se la vostra esperienza non è stata perfetta, e sottolineate quello che il vostro supervisore vi ha insegnato. Se avete qualche critica o suggerimento che potrebbe migliorare l’azienda, potete dirlo, ma cercate di farlo sempre in modo oggettivo e professionale.

Center for Career ServicesContinuing Education
John Cabot University 

jcu_high_res

%d bloggers like this: