Center for Career Services & Continuing Education

John Cabot University’s Center for Career Services & Continuing Education is your bridge between your academic and professional careers. Whether you want to pursue further study in graduate school or hope to begin a career, we can help you achieve those goals.

Month: October, 2016

Internship: Key Info to Know

Internship: Key Info to Know

key-info-when-doing-an-intership

As Career Fair #2, on November 11th, is approaching, we have decided to dedicate our blog post this week to some practical information, and, specifically, to the basic things you should know when you do an internship in Italy through John Cabot University’s Center for Career Services. Let’s have a look at the most relevant aspects to be aware of:

  • For-credit internship: it gives you academic credits and, like a course, is part of your schedule. It is required from students to be Junior Standing and have a minimum GPA of 3.0. For this kind of internship, first, you have to go through the normal application procedure, and then, after you got the internship, you should ask the head professor of your department to approve it. Obviously, this kind of work experience must be related to your field of study, if you want to get academic credits for it;
  • Not-for-credit internship: it is an extra activity, so it will not provide you with any credit. You can apply for internship positions if you are still a student or within 12 month after the end of your studies (B.A., M.Sc., MA etc.). If you are a student, you should be at least a sophomore and have a minimum GPA of 2.7. Regarding the payment, that is up to the company (except if you are a graduate student; in that case, according to the Italian Law, you should receive a minimum reimbursement). As for the duration and time commitment, an internship can last up to a maximum of 12 months and should never exceed 40 hours per week for graduates and about 20 for students;
  • The documents that you need before starting: an internship involves three parties, the company, the intern, and the promoting institution (your university in this case). The company and the promoting institution have an agreement, which implies that the company/organization should provide a “training and orientation project” with the duties, activities, duration, and name of your tutor. This is a very important document not only for the company but also for you, so make sure you read it carefully before you sign. You should be aware that, to be legally protected, you should start your internship after both you and the company sign the project and after your insurance is actually activated;
  • Some general rules once you get your internship: although an internship is not a job, there are some rules that you have to observe as if you were a real employee. You should be discrete and not divulgate private information about the company’s activities and you should always inform your tutor in case of absences. In addition, if you decide to quit your position, you should notify your promoting institution and inform the company at least five days before you are leaving.

Did you already know all of this? Being aware of your duties and rights is very important to build a solid and faithful relationship with the company or organization you are interning in. If you show to be fair and reliable in any circumstance, this will foster your future chances to move from the intern level to the employee status.

Stage: le informazioni chiave da sapere

key-info-when-doing-an-internship

Il Career Day #2 dell’11 novembre si sta avvicinando e per questo abbiamo deciso di dedicare il nostro post di questa settimana ad alcune informazione pratiche, e, nello specifico, alle informazioni base che dovreste conoscere quando fate uno stage in Italia attraverso il Centro di Avviamento alla Carriera della John Cabot University. Diamo un’occhiata agli aspetti più rilevanti di cui dovreste essere a conoscenza:

  • Stage per crediti: vi da crediti accademici e, proprio come un corso, fa parte del vostro piano di studi. Per uno stage per crediti, gli studenti devono essere al penultimo anno di università e avere una media del 3.0. Per questo tipo di stage dovete innanzitutto passare per il normale processo di candidatura e poi, dopo aver ottenuto lo stage, dovreste chiedere al professore a capo del vostro dipartimento di approvarlo. Ovviamente, questo tipo di esperienza lavorativa deve essere collegata alla vostra area di studio, se volete ottenere crediti accademici;
  • Stage senza crediti: è un’attività extra, quindi non vi darà alcun credito. Potete candidarvi per posizioni di stage sia che siate ancora studenti o che abbiate concluso entro 12 mesi i vostri studi (triennale, magistrale, master etc.). Se siete ancora studenti, dovreste essere almeno al vostro secondo anno universitario e avere una media minima di 2.7. A proposito del pagamento, questo dipende da ciò che sceglie l’azienda (tranne che nel caso degli studenti laureati, perché questi devono ricevere un minimo rimborso secondo la legge italiana). Riguardo la durata e l’orario, uno stage può durare massimo 12 mesi e non dovrebbe mai eccedere le 40 ore settimanali per i laureati e circa 20 per gli studenti;
  • I documenti di cui avete bisogno prima di iniziare: uno stage coinvolge tre parti, l’azienda, lo stagista e l’ente promotore (in questo caso la vostra università). L’azienda e l’ente promotore hanno un accordo secondo il quale l’azienda/organizzazione deve fornire un “progetto formativo” con i doveri, le attività, la durata e il nome del tutore. Questo documento è importante non solo per l’azienda ma anche per voi, quindi accertatevi di leggerlo attentamente prima di firmare. Tenete a mente che, per essere legalmente protetti, dovete iniziare lo stage solo dopo che sia voi che la compagnia avrete firmato il progetto e che la vostra assicurazione sarà stata attivata;
  • Alcune regole generali da seguire una volta ottenuto lo stage: nonostante uno stage non sia un lavoro, ci sono alcune regole che dovete osservare come se foste degli impiegati veri e propri. Dovreste essere sempre discreti, non divulgare informazioni private sulle attività dell’azienda ed informare il vostro tutor nel caso in cui vi doveste assentare. Inoltre, se decidete di lasciare lo stage dovete notificare l’ente promotore ed informare l’azienda almeno cinque giorni prima di lasciare il posto.

Sapevate già tutte queste cose? Essere a conoscenza dei vostri doveri e dei vostri diritti è molto importante per costruire una solida e leale relazione futura con l’azienda o organizzazione presso la quale state facendo lo stage. Se dimostrate di essere onesti ed affidabili in ogni circostanza. Ciò potrebbe implementare le vostre possibilità future di passare dallo stato di stagista alla posizione di impiegato.

Center for Career ServicesContinuing Education
John Cabot University 

cropped-jcu_high_res.jpg

 

 

How to… Make Your Resume Applicant Tracking System-Friendly

How to… Make Your Resume Applicant Tracking System-Friendly

resume ATS friendly 1.jpg

Have you ever wondered why even at Career Fairs most companies ask you to apply through their online system? This is because the Applicant Tracking System (ATS), an automated keyword matching process, has become standard for most human resources infrastructures to initially screen and narrow down the number of applications they receive. Although this helps them save time, it lowers the chances that a real person will actually see your Resume.

At this point, you should ask yourself, how do I get my Resume past the system and into human hands? First of all, your CV will always need to be modified according to the job you are applying for. Your resume needs to be focused on a target position and include keywords appropriate to that specific position.  In addition, you should be aware that the screening software does not simply look for key words, but the answers to basic questions, regarding the jobs you had in the past, the duration of your employment time, your education, and your skills.

 Below you will find some specific characteristics you need to focus on:

  • FORMAT: do not use diverse fonts and colors; choose black and only one from Arial, Arial Black, Verdana, Tahoma, Trebuchet, Georgia, Garamond, and Times New Roman. The size is also very important, try to use size 10 and up. You are allowed to use bold and bullets, but try to avoid signs (such as parentheses or slashes), graphics, or images. All the text should be aligned to the left, except dates, which you should place on the right;
  • FILE: the safest choice seem to be docx, doc and pdf. In terms of the name, you should use your own name and include the date. A good file name is “Name_Month_Year.docx”. Please avoid “Resume 1.docx;”
  • FORM: be very careful about any mistake that could be misleading for the system. Mind with great attention not only spelling mistakes but also acronyms; the computer might not recognize misspelled or shortened word, so make sure you write everything correctly and fully. In addition, you should use capitalized letters and punctuation in a proper way, avoiding them if not needed;
  • SECTIONS: you should name each section using the standard names, such as “Work Experience,” “Education,” “IT Skills” and so on. Do not make up names for your sections, because the computer might look for those standard definitions. It is better to start the experience section with the title of your position or the company’s name rather than with the dates, because that will be the first information that the system will search for;

Did you follow all these steps the last time someone asked you to apply through an online system? If you did not, now you know the right way to do it!

Come…rendere il vostro curriculum adatto all’Applicant Tracking System

resume ATS friendly 2.jpgVi siete mai chiesti perché anche ai career day molte aziende vi chiedono di candidarvi attraverso i loro sistemi online? Il motivo è che il cosiddetto Applicant Tracking System (ATS), un processore automatico di parole chiave, è diventato di uso comune nell’ambito delle risorse umane per effettuare una scrematura iniziale e restringere il numero di candidature. Anche se questo da una parte aiuta a risparmiare del tempo, dall’altra diminuisce le possibilità che una persona in carne e ossa prenda visione del vostro curriculum.

A questo punto, dovreste chiedervi: come posso fare perché il mio CV passi il sistema e finisca nelle mani di una persona vera e propria? Prima di tutto, il vostro curriculum dovrebbe essere sempre adattato al lavoro per cui vi state candidando. Il vostro CV deve focalizzarsi su una posizione specifica ed includere le parole chiave per quella posizione. Inoltre, va tenuto a mente che il software non cerca semplicemente le parole chiave, ma anche le risposte a delle domande base, riguardo i vostri impeghi passati, la durata del vostro periodo lavorativo, la vostra istruzione e le vostre capacità.

Di seguito alcuni aspetti particolari su cui dovreste focalizzarvi:

  • FORMAT: non usate caratteri e colori difformi; scegliete il nero e solo un tipo di carattere tra Arial, Arial Black, Verdana, Tahoma, Trebuchet, Georgia, Garamond e Times New Roman. Anche la grandezza del carattere è importante e non deve essere inferiore a 10. Potete usare il grassetto e le liste puntate, ma cercate di evitare i segni (come parentesi o slash), elementi grafici o immagini. Tutto il testo dovrebbe essere allineato a sinistra, eccetto le date, che dovreste mettere a destra;
  • FILE: le scelte migliori sono un docx, doc e pdf. Per la denominazione, dovreste usare il vostro nome e includere la data. Il modo corretto per nominare un file è “Nome_Mese_Anno.docx”. Cercate di evitare invece “CV1.docx;”
  • FORMA: state attenti a qualsiasi errore che potrebbe essere fuorviante per il sistema. Evitate non solo gli errori di ortografia ma anche gli acronimi; il computer potrebbe non riconoscere parole scritte male o abbreviate, quindi scrivete tutto correttamente e per esteso. Oltre a questo, fate uso appropriato di maiuscole e punteggiatura, cercando di evitarle quando non necessario;
  • SEZIONI: ogni sezione dovrebbe essere denominata usando diciture standard, come “Esperienza lavorativa,” “Istruzione,” “Capacità informatiche” e così via. Non inventate nomi nuovi per le vostre sezioni, perché il computer potrebbe cercare quelle definizioni standard. È meglio iniziare la sezione dell’esperienza con il titolo della vostra posizione o il nome della compagnia, anzi che con le date, perché quella sarà la prima informazione ricercata dal sistema.

E voi avete seguito tutti questi passaggi l’ultima volta che qualcuno vi ha chiesto di candidarvi attraverso un sistema online? Se la risposta è no, ora sapete qual è il modo giusto per farlo!

Center for Career ServicesContinuing Education
John Cabot University 

cropped-jcu_high_res.jpg

How to…Manage Your Online Identity

How to…Manage Your Online Identity

how-to-manage-your-digital-identity

Because of social media recent massive diffusion, all of us now has multiple identities. In addition to the flesh-and-bone “you,” there are several other “you” around, which correspond to all of your online identities. For this reason, it is fundamental to take care of all your social media pages and of the information about you that people can find online. In fact, you should never forget that checking your Facebook, LinkedIn, Instagram, or Twitter profiles is the easiest way to gather information about you. This happens not only in your personal life but also in your professional career. Do not underestimate the power that a good, or bad, first digital impression can have on a potential employer!

This is why we have decided to give you a few pieces of advice in order to help you create the best and most professional digital “you:”

  • Be constant and consistent: given that your social media accounts are a kind of digital business card or ID for you, it important that you share complete information. This does not mean to make public all of your personal life; just share what you would like a future employer to know about you and what you think could be attractive to him/her. The information you share should be consistent on all your social media profiles, so that your whole identity is coherent. In addition, try to be as constant as possible and make sure you are not digitally “dead” for too long. Share contents that you think could be interesting and appropriate and, from time to time, try to comment or “like” your contacts’ posts when they are appealing;
  • Keep private what is private: be careful about the pictures or personal thoughts you share. If someone “tags” you in something you do not like and think could damage your image, remove the “tag” and the undesired content. Be also mindful about the pages you join or “like” and about your “friends” or contacts. Just as pictures and contents, also these aspects can influence the idea that a person, and eventually employer, formulates about you. You should always check regularly and carefully your privacy settings and you might decide to keep two different profiles for the same social media, one as private the other as professional. According to this difference you can decide what kind of content you want to share and who you want to be part of your network;
  • Be aware of the different natures of social media: according to the social medium you are using, it is appropriate to differentiate both the communication tone and the contents of what you share. For instance, on Facebook, you might decide to share something that does not refer to work, but to some hobbies that you have or a travel you particularly loved. However, this could be rather inappropriate on LinkedIn, which is a medium to connect with other professionals to share work-related thoughts and experiences. Another case again is Twitter, where the writing style is very different from both LinkedIn and Facebook, since you have a limited amount of characters which forces you to use “hashtags” and abbreviations;
  • Expand your digital horizons: the web does not include social media only. Social media are a way of sharing in a quick and condensed way various contents. If you want to share your projects, your activities, your researches in a more expanded way, you could write a blog or open a webpage. You could also join online platforms and communities where you can share ideas with other people operating in your field. Also in this case, be mindful about the groups you join because it could come out if someone searches your name online.

Come…gestire la vostra identità digitale

how-to-manage-your-digital-identity2

Vista l’imponente diffusione dei social media, tutti noi adesso abbiamo molteplici identità. Oltre al “voi” in carne e ossa, ci sono tanti altri “voi” in giro che corrispondono a tutte le vostre identità online. Per questo è fondamentale che vi occupiate con attenzione di tutti i vostri social media e delle informazioni su di voi che si possono trovare online. Infatti, non dovreste mai dimenticarvi che controllare i vostri profili Facebook, LinkedIn, Instagram, o Twitter è il modo più veloce per ricavare informazioni su di voi. Questo accade non solo nella vostra vita personale ma anche in quella professionale. Non sottovalutate il potere che una buona, o cattiva, prima impressione digitale può esercitare su un potenziale datore di lavoro!

Per questo abbiamo deciso di darvi qualche consiglio per aiutarvi a creare il “voi” digitale migliore e più professionale possibile:

  • Siate costanti e coerenti: dato che i vostri account sui social media sono una sorta di biglietto da visita o carta di identità digitale, è importante che condividiate informazioni complete. Ciò non significa che dovete rendere pubblica la vostra vita privata; condividete solo quello che vorreste che il vostro futuro datore di lavoro sapesse di voi e cosa pensate che potrebbe essere accattivante per lui/lei. Le informazioni che condividete dovrebbero essere le stesse su tutti i vostri profili social, così che la vostra identità complessiva sia coerente. Inoltre, cercate di essere più costanti possibile ed assicuratevi di non essere digitalmente “morti” troppo a lungo. Condividete contenuti che pensate siano interessanti ed appropriati e, ogni tanto, cercate di commentare o mettere “mi piace” ai post più significativi dei vostri contatti;
  • Mantenete privato ciò che è privato: prestate attenzione alle foto e alle opinioni personali che condividete. Se qualcuno vi “tagga” in qualcosa che non vi piace o che pensate possa danneggiare la vostra immagine, rimuovete il “tag” ed il contenuto indesiderato. State attenti anche alle pagine che seguite o che vi “piacciono” e anche ai vostri “amici” o contatti. Tali aspetti, infatti, possono influenzare l’idea che una persona, e magari un datore di lavoro, si fa di voi tanto quanto le foto o i contenuti che condividete. Dovreste controllare le impostazioni per la privacy regolarmente e con attenzione e potreste creare due profili diversi per lo stesso social, uno privato l’altro professionale. A seconda del tipo di profilo potete decidere quali contenuti condividere e chi volete che faccia parte del vostro network;
  • Siate consapevoli delle diverse nature dei social media: sia il tono della comunicazione che i contenuti che volete condividere andrebbero differenziati a seconda del social che state usando. Ad esempio, su Facebook, potreste decidere di condividere qualcosa che non sia inerente al lavoro, come i vostri hobby o un viaggio che vi ha particolarmente colpito. Ciò potrebbe invece sembrare piuttosto inappropriato su LinkedIn, essendo questo un mezzo per connettersi con altri professionisti al fine di condividere esperienze e pensieri legati al mondo del lavoro. Un altro caso ancora è Twitter, in cui lo stile di scrittura è molto diverso sia da LinkedIn che da Facebook, dato che il numero limitato di caratteri che avete a disposizione vi forza ad usare “hashtags” e abbreviazioni;
  • Espandete i vostri orizzonti digitali: il web non include solo i social media. I social sono infatti un modo di condividere in modo veloce e condensato diversi contenuti. Se volete condividere i vostri progetti, le vostre attività, le vostre ricerche in maniera più approfondita, potete scrivere un blog o aprire una vostra pagina web. Inoltre, potreste iniziare a seguire delle piattaforme o delle comunità online, in cui condividere le vostre idee con altre persone del vostro stesso campo. Anche in questo caso, state attenti ai gruppi a cui vi unite perché se qualcuno cerca il vostro nome online potrebbero emergere informazioni a riguardo.

Center for Career ServicesContinuing Education
John Cabot University 

cropped-jcu_high_res.jpg

How to…Start a Satisfying Career

How to…Start a Satisfying Career

Business woman and  project

Whether you have just graduated or you are very close to graduation, as young professional, it is very difficult to have clear in mind what you want to do in your future career. A starting point is definitely identifying the field you want to work in and start to gain experience. At the beginning, you will find yourself performing tasks that you do not like or to cope with people that do not match your personality. This happens at the beginning of one’s own professional path, even if the person is passionate about the field of work. For this reason, you will have to learn to love your job, even if it is not flawless.

Following, a short list you should consider if you wish to start a career that will be satisfying for you, both personally and professionally:

  • Develop self-awareness: the first important thing is to know yourself, both personally and professionally. If you are just at the beginning of your career, this could not be very easy to do. You need to develop some on-field experience and, probably, you will need to live different work environments to understand what really suits you. However, if you already have a good self-awareness, you probably know what is essential for you to be part of your job. Consider your values, your talents, your character and see if the job you think you might like really suits them;
  • Do not dismiss your nature: after you have become more aware about yourself, it should be easier for you to understand in which kind of environment you would perform better and in which tasks you would succeed. There are parts of your character that can be improved through time, and your skills can be enhanced with training and effort. However, if you want to be happy with what you do, do not go against your nature. If you are a creative person, for example, you cannot constrain yourself to work as an accountant. Dismissing your natural talents would be a pity both for you and for the job market!
  • Plan your goals: spend some time thinking where you would like to be in three, five, or ten years. Try to set realistic goals that you think you can actually achieve. In this way, you will be pushed to give your best, to improve, and learn from others, day by day. If you always keep your objective in mind, it will be easier for you to build your professional path in a coherent and effective way and you will feel highly gratified as you see your career going in the direction you planned.

In the end, what really matters is not just what you do but also how you do it. You can decide which direction you want to give your career and which are those core values that have to be part of it. However, there will always be something that you do not like doing. Be aware that, many times, there are different ways to do one thing. Exploit the skills you have to perform your tasks in a personal manner and to do them in the best possible way.

Come…iniziare una carriera soddisfacente

how-to-turn-your-job-into-your-passion

Sia che vi siate appena laureati o che siate vicini alla vostra laurea, in quanto giovani professionisti, è molto difficile avere chiaro cosa volete fare nella vostra carriera futura. Il punto di partenza è sicuramente identificare l’ambito in cui volete lavorare ed iniziare a guadagnare esperienza. All’inizio vi troverete a svolgere compiti che non vi piacciono o ad avere a che fare con persone che sono in conflitto con la vostra personalità. Ciò accade a chiunque inizi a costruire il suo percorso professionale, anche se si è appassionati all’ambito in cui si lavora. Per questo, dovreste imparare ad amare il vostro lavoro, anche se non è privo di imperfezioni.

Di seguito, una breve lista da considerare per iniziare una carriera che sia soddisfacente per voi, sia personalmente che professionalmente:

  • Sviluppate la vostra autoconsapevolezza: la prima cosa importante è conoscere voi stessi, sia a livello personale che professionale. Se siete solamente all’inizio della vostra carriera, questo potrebbe non essere molto semplice. Avete bisogno di sviluppare esperienza sul campo, e, probabilmente, di vivere diversi ambienti lavorativi per capire cosa fa veramente al caso vostro. In ogni caso, se avete una buona autoconsapevolezza, sapete già cosa volete che faccia parte del vostro lavoro. Considerate i vostri valori, capacità, carattere e vedete se il lavoro che pensate vi possa piacere fa davvero per voi;
  • Non ignorate la vostra natura: dopo che sarete diventati più consapevoli di voi stessi, dovrebbe essere più semplice capire in che tipo di ambiente lavorativo potete dare il vostro meglio ed in quali impieghi avreste più successo. Ci sono lati del vostro carattere che possono essere migliorati nel tempo e capacità che possono essere aumentate attraverso la pratica e lo sforzo. In ogni caso, se volete essere soddisfatti di quello che fare, non andate contro la vostra natura. Se siete delle persone creative, per esempio, non vi potete costringere ad un lavoro da contabile. Ignorare i vostri talenti naturali sarebbe un peccato, sia per voi che per il mercato!
  • Pianificate i vostri obiettivi: prendetevi del tempo per pensare a dove vorreste essere tra tre, cinque o dieci anni. Tentate di stabilire degli obiettivi realistici che pensate possiate veramente raggiungere. In questo modo sarete spinti a dare il vostro meglio, a migliorare e ad imparare dagli altri, giorno dopo giorno. Se tenete sempre a mente il vostro obiettivo sarà più facile per voi costruire un percorso professionale in modo coerente ed efficace e vi sentirete estremamente gratificati vedendo che la vostra carriera sta andando nella direzione pianificata.

Alla fine, ciò che conta veramente non è solo quello che fate ma anche come lo fate. Potete decidere quale direzione volete dare alla vostra carriera e quali siano quei valori principali che ne devono essere parte, ma comunque ci sarà sempre qualcosa che non vi piace fare. Tenete a mente che spesso ci sono diversi modi per fare una cosa. Sfruttate le vostre doti per svolgere i vostri compiti in maniera professionale e per portarli a termine nel miglior modo possibile.

Center for Career ServicesContinuing Education
John Cabot University 

cropped-jcu_high_res.jpg

%d bloggers like this: