Center for Career Services & Continuing Education

John Cabot University’s Center for Career Services & Continuing Education is your bridge between your academic and professional careers. Whether you want to pursue further study in graduate school or hope to begin a career, we can help you achieve those goals.

Month: November, 2016

Group Exercises (Part II): Tips and Tricks to Impress

Group Exercises (Part II): Tips and Tricks to Impress

group interview tips 1.jpgIn our previous post, we discussed what group interviews are and outlined the different types of exercises you can be asked to do. As you may easily infer, this kind of assessment is trickier than the one-to-one interview, because, in a group, it can be more difficult for you to make your personality emerge from the crowd. For this reason, we have decided to point out some tips and tricks to impress your examiners in these occasions:

  • Break the ice: keep in mind that the assessment starts in the waiting room. Introduce yourself to the others before starting the assessment. Make an effort to remember their names and have a positive attitude. If you start to bound with the other participants before the assessment starts, it will be easier to interact during the group exercise and they will be more willing to listen to you;
  • Be confident but not overbearing: speak up without being aggressive. Do not be neither too shy nor too dominant. Try to be clear, concise, listen to the others and you will show that you are able to work in a team. If you see someone is too silent, try to draw him/her into the conversation. This will show you value others’ opinion;
  • Address people with their names: doing this during the exercise will show that you are mindful and cooperative. Moreover, people like when others know their name and this will make the others more open to interact with you in a positive way;
  • Check the time and take notes: this will make you take the lead of the situation and will underline that you are willing to take responsibilities. Keep track of the group discussion and, at a certain point, try to summarize the points you have made so far;
  • Be positive and diplomatic: be open to critiques, but, at the same time, be ready to defend your views in a diplomatic, but firm way. If you do not agree with someone’s opinion, do not talk over them and do not be aggressive. If you do not share someone’s views, try to underline first the positive aspects of the person’s argument and then present your counterargument. You should always have a positive attitude and show you are open to cooperate.

Last but not least, be yourself! If you are able to keep calm and follow the points above, we have no doubt you will do great.

Colloqui Collettivi (Parte II): come fare una buona impressione

group-interview-2 Nel nostro precedente post, abbiamo discusso che cosa sono i colloqui collettivi ed abbiamo delineato i diversi tipi di esercizi che vi possono essere sottoposti. Come si può facilmente dedurre, questo tipo di valutazione è più difficile del colloquio individuale perché, in un gruppo, può essere più complicato far emergere la propria personalità. Per questo motivo, abbiamo deciso di presentarvi alcuni suggerimenti per fare buona impressione sugli esaminatori:

  • Rompete il ghiaccio: sappiate che la valutazione inizia nella sala d’attesa. Presentatevi agli altri prima di iniziare la valutazione. Fate uno sforzo per ricordare i loro nomi ed abbiate sempre un atteggiamento positivo. Se iniziate ad interagire con gli altri candidati prima dell’inizio della valutazione, sarà più facile interagire durante l’esercizio di gruppo e questi saranno più disposti ad ascoltarvi;
  • Siate sicuri di voi stessi, ma non prepotenti: parlate senza essere aggressivi. Non siate né troppo timiditroppo preponderanti. Cercate di essere chiari, concisi, ascoltate gli altri e mostrate che siete in grado di lavorare in team. Se che qualcuno rimane in disparte nella conversazione, cercate di includerlo. Questo dimostrerà che date valore all’opinione altrui;
  • Rivolgetevi alle persone con il loro nome: fare ciò dimostra che siete delle persone accorte e cooperative. Inoltre, tenete a mente che alla gente piace essere chiamata per nome, quindi questo renderà gli altri più aperti ad interagire con voi in modo positivo;
  • Guardate l’orario e prendete nota: questo vi aiuterà a prendere il controllo della situazione e mostrerà che siete disposti ad assumervi delle responsabilità. Tenete il filo della discussione, e, ad un certo punto, assicuratevi di riassumere le conclusioni a cui il gruppo è giunto fino a quel momento;
  • Siate positivi e diplomatici: siate aperti alle critiche, ma, allo stesso tempo, siate pronti a difendere la vostra posizione in maniera diplomatica e decisa. Se non siete d’accordo con l’opinione altrui, non interrompete e non siate aggressivi; cercate piuttosto di sottolinearne prima gli aspetti positivi e dopo presentate le vostre idee. In questi casi, dovreste sempre avere un atteggiamento positivo e mostrare che siete aperti a collaborare.

Ultimo punto, ma non meno importante, siate sempre voi stessi! Se siete in grado di mantenere la calma e seguire questi semplici consigli, avrete sicuramente successo.

Center for Career ServicesContinuing Education
John Cabot University 

cropped-jcu_high_res.jpg

Interviews: What Are Group Exercises?

Interviews: What Are Group Exercises?

group-interview-2

Sometimes, interviews are not one-to-one. The company you would like to work with may decide to set up a group exercise in order to test specific soft skills that may be relevant for the position they are offering. Specifically, the examiners will evaluate your team-working ability, communication skills, persuasiveness, determination, and listening propensity. You will have to work with a group of other candidates, usually no more than 10, and you will be observed and assessed by some examiners who will be in the room with you. Usually, each examiner has to check one or two candidates, take notes, and give a final score. Do not feel intimidated by the examiners’ presence: they will just watch and they will never interact with you, so you will forget about them very soon.

The group exercises can be of four main kinds:

  • The group study case: you will be given a case study related to the activities and problems you might face in the company. The aim is to find a solution everyone agrees on in the time range the examiners give you. Sometimes, you might be given a specific task, so you will get specific indications about the role you have to play in the exercise. This kind of exercise is suited to understand your personality and your competencies in the field;
  • Leadership exercise: this exercise is used to determine leadership skills, if the company is looking for a team-leader. All the candidates, one by one, will be invited to perform the role of the leader. You will have to assign a task to each participant, according to their skills, and organize the work to reach the objective you are given. Your role as a leader is not to take care of everything on your own, but to distribute the work and to be able to delegate;
  • Discussion group: you will be given a general topic, usually from the news, asked to discuss it and to present your opinion. You will not be given the time to study the case before, so it is a good idea to read the newspapers and follow the news before the assessment day. The examiners might give you a subject linked to the daily news or to the company’s field of work, so you should read some related magazines;
  • Teamwork exercise: you will be asked to accomplish a task to test your teamwork abilities and understand how you interact with the others. The examiners may propose you and the other candidates an invented situation, such as “You are on a desert island, what objects do want to bring with you?” and ask you to find a compromise that suits all your needs. Of course, in this case there is no right or wrong choice. They want to see how you reason and if you are able to get to a compromise. The aim is to find a solution everyone agrees on in the pre-established amount of time.

Have you ever had a group interview? We hope that, after reading this post, when you will have one, you will go there with a clearer idea of what to expect. Now it is time to get prepared and practice as much as you can!

Cosa sono i colloqui collettivi?

group-interview1

Non sempre i colloqui di lavoro sono singoli. L’azienda con cui vi piacerebbe lavorare potrebbe infatti decidere di organizzare un colloquio collettivo per testare quelle soft skills rilevanti per la posizione offerta. Nello specifico, gli esaminatori valuteranno le vostre abilità di lavorare in team, capacità comunicative, doti persuasive, determinazione e propensione all’ascolto. Vi troverete a lavorare con un gruppo di altri candidati, di solito non più di 10, e verrete osservati e valutati da alcuni esaminatori che saranno nella stanza con voi. Solitamente, ogni esaminatore deve controllare uno o due candidati, prendere appunti ed assegnare un punteggio finale. Cercate di non farvi intimidire dalla loro presenza: osserveranno solo, senza mai interagire, quindi ve ne dimenticherete molto presto.

I colloqui di gruppo possono essere di quattro tipologie principali:

  • Il caso studio di gruppo: vi verrà assegnato un caso studio collegato alle attività e ai problemi che potreste trovarvi ad affrontare nell’azienda. L’obiettivo è trovare una soluzione sui cui tutti siano d’accordo nel lasso di tempo che vi viene dato dagli esaminatori. A volte vi potrebbe venire assegnato un compito specifico e potreste ricevere indicazioni precise sul ruolo che dovete rappresentare nell’esercizio. Questo tipo di prova serve a capire la vostra personalità e le vostre competenze nell’area;
  • Esercizio sulla leadership: questo esercizio viene usato per determinare le vostre capacità di leader, se l’azienda cerca un team-leader. Tutti i candidati, uno ad uno, verranno invitati ad occupare il ruolo di leader. Dovrete assegnare un ruolo ad ogni partecipante, in relazione alle sue capacità, e organizzare il lavoro per raggiungere l’obiettivo che vi è stato assegnato. Il vostro ruolo come leader non è di occuparvi di tutto da soli, ma distribuire il lavoro ed essere capaci di delegare;
  • Discussione di gruppo: vi verrà assegnato un argomento generico, solitamente tratto dalle ultime notizie, e vi verrà chiesto di parlarne e presentare la vostra opinione a riguardo. Non vi verrà dato il tempo per studiarvi il caso prima del colloquio, quindi cercate di leggere i giornali e seguire le notizie nei giorni precedenti. Gli esaminatori potrebbero assegnarvi un argomento collegato all’attualità o all’area in cui opera l’azienda, quindi documentatevi sulle riviste del settore;
  • Esercizio di teamwork: vi verrà chiesto di portare a termine un compito che provi le vostre capacità di lavorare in gruppo e che dimostri come interagite con gli altri. Gli esaminatori potrebbero proporre a voi e agli altri candidati una situazione inventata, come “Siete su un’isola deserta, che oggetti volete portare con voi?” e chiedervi di trovare un compromesso che soddisfi i bisogni di tutti. Sicuramente, in questo caso non c’è una scelta giusta e una sbagliata. Ciò che vogliono vedere è come ragionate e se siete capaci di raggiungere un compromesso. L’obiettivo è trovare una soluzione su cui tutti siano d’accordo nel lasso di tempo prestabilito.

Vi è mai capitato di fare un colloquio collettivo? Ci auguriamo che, dopo aver letto questo post, quando ne avrete uno, andrete con un’idea più chiara di prima su cosa vi aspetta. Ora è tempo di prepararsi e di fare pratica il più possibile!

Center for Career ServicesContinuing Education
John Cabot University 

cropped-jcu_high_res.jpg

Service Learning -Combining Fieldwork and Education- Workshop #1: “Doing Research with Vulnerable People” with Professor Clough Marinaro

 

Service Learning – Combining Fieldwork and Education – Workshop #1

“Doing Research with Vulnerable People” with Prof. Clough Marinaro

vulnerable-people

John Cabot University of Rome has recently launched its new project Service Learning -Combining Fieldwork and Education. The idea was developed by the JCU Center for Professional & Continuing Education and Career Services in collaboration with the Dean’s Office and the JCU Community Service Program to promote co-curricular opportunities for students and alumni to become active members of the community with prospects of integrating civic engagement into their education.

As a first event, on October 12, JCU Service Learning -Combining Fieldwork and Education– hosted the workshop “Doing Research with Vulnerable People, held by Professor Clough Marinaro, Head of the Modern Languages and Literature Department. Prof. Marinaro, who has been doing fieldwork with vulnerable ethnic minority groups for 20 years, presented some of her experiences in various official and unauthorized Roma camps in Rome and the challenges she had to face. The aim of the workshop was to guide students in developing their own strategies for doing ethical and sensitive practical research with and among vulnerable people.

The first part of the workshop was devoted to establishing the main points of a solid and coherent research project with vulnerable minority groups. First, the hardest and most challenging phase is getting the initial access to the community to be investigated and building rapport. The help of an intermediary, such as local religious organizations or NGOs, is crucial, as vulnerable communities often fear institutions. Secondly, a very important skill that all social scientists should develop is active listening. This is the ability to focus selflessly on what others are saying while observing activities and following the accepted behaviors of the community.  In fact, it is very important for researchers to convey empathy through body language.

In conclusion, Professor Clough Marinaro mentioned some of the most common mistakes made by scholars that might cause damage to the research itself. Although researchers dealing with vulnerable people should always show empathy and solidarity, they should be careful of the “danger of going native;” this might lead researchers to underestimate and disregard the controversial elements that are part of a community to the point that they might not see those same negative characteristics anymore. Reflexivity, which is the ability to look at yourself as if you were outside of yourself and see how you are affecting the context you are in, is one of the most important skills to be developed when doing on-field research.

This workshop was highly instructive for anyone interested in operating in such a field. If you wish to know more about the mission of Service Learning -Combining Fieldwork and Education– and about the opportunities offered by this project, check out its webpage on JCU website: https://goo.gl/bKaV82.

JCU Service Learning -Apprendimento solidale e ricerca sul campo- Laboratorio #1

“Doing Research with Vulnerable People” con la Prof. Clough Marinaro

La John Cabot University di Roma ha di recente lanciato il nuovo progetto JCU Service Learning -Apprendimento Solidale e Ricerca sul Campo. L’idea è stata sviluppata dal Centro di Alta Formazione e dal Centro di Avviamento alla Carriera della JCU in collaborazione con l’Ufficio della Vicepresidenza e il Community Service Program (Programma a Sostegno della Comunità) della JCU al fine di promuovere opportunità co-curricolari per studenti e laureati che vogliono diventare membri attivi della comunità, con la prospettiva di integrare impegno civico e l’istruzione.

Come primo evento, il 12 ottobre, JCU Service Learning Apprendimento Solidale e Ricerca sul Campo- ha organizzato il laboratorio in lingua inglese “Doing Research with Vulnerable People,tenuto dalla Professoressa Clough Marinaro, capo del Dipartimento di Lingue e Letterature Moderne. La Prof. Marinaro, che per 20 anni ha lavorato sul campo con gruppi di minoranze etniche vulnerabili, ha presentato alcune delle sue esperienze in diversi campi Rom di Roma non autorizzati e ha parlato delle sfide che ha dovuto affrontare. Lo scopo del workshop è stato aiutare gli studenti a capire il giusto modo per effettuare una ricerca pratica, che sia anche etica e sensibile, con e tra i gruppi più vulnerabili.

La prima parte del workshop è stata dedicata a stabilire i punti salienti di un progetto di ricerca con minoranze vulnerabili solido e coerente. Prima di tutto, la fase più difficile ed impegnativa è ottenere un primo accesso alla comunità da investigare e costruire un rapporto. L’aiuto di un intermediario, come organizzazioni religiose locali o ONG, è cruciale visto che le comunità vulnerabili spesso sono timorose nei confronti delle istituzioni. Inoltre, una capacità molto importante che gli scienziati sociali devono sviluppare è l’ascolto attivo. Tale abilità consiste nel sapersi focalizzare in maniera disinteressata su ciò che gli altri dicono, partecipando alle attività e condividendo i comportamenti accettati dalla comunità. Infatti, è molto importante per i ricercatori saper comunicare empatia attraverso il linguaggio del corpo.

In conclusione, la Prof. Marinaro ha menzionato alcuni degli errori più comuni che vengono commessi dagli studiosi e che possono addirittura danneggiare il loro stesso lavoro. Anche se i ricercatori che operano a contatto con popolazioni vulnerabili dovrebbero sempre mostrare empatia e solidarietà, questi dovrebbero allo stesso tempo stare attenti al “rischio di immedesimarsi con culture altre;” ciò potrebbe portare gli studiosi a sottovalutare ed ignorare gli elementi controversi che sono parte della comunità a un punto tale da non vedere più quelle caratteristiche negative. La riflessività, che consiste nell’abilità di guardare se stessi come se si fosse al di fuori di se stessi e capire come si influenza il contesto in cui ci si trova, è una delle capacità più importanti da sviluppare durante la ricerca sul campo.

Questo workshop è stato molto istruttivo per tutti coloro che sono interessati a tale ambito. Se volete saperne di più sulla missione di Service Learning – Apprendimento Solidale e Ricerca sul Campo e sulle opportunità che offre questo progetto, date un’occhiata alla pagina web della JCU: https://goo.gl/bKaV82.

Center for Career ServicesContinuing Education
John Cabot University 

cropped-jcu_high_res.jpg

The Best Interview to Set Career Goals: the Self-Interview

The Best Interview to Set Career Goals: the Self-Interview

“What do you want to be when you grow up?” We all have been asked this question since we were children. And the answers at that time were as simple and straightforward as these ones:  astronaut, dancer, pilot, chef, Spiderman… Then, by the time we realized that all those careers required a considerable amount of study, dedication and sometimes even superpowers, we stumbled into our first job interviews and were asked, “Where do you see yourself in 10 years?” And that’s where answering “astronaut, dancer, pilot or Spiderman” meant you wouldn’t get the job.

By the time you are ready for your first job interview, you have to have your goals set properly and have a certain level of self-awareness.

At the heart of goal setting for career development, self-understanding is what really makes the difference between childhood dreams and real life ambitions.

goal-setting-and-self-awarness-2On October 14thElia Fregola and Luigi Fidelio held a special class at John Cabot University about goal setting for career development, based on self-understanding, expectations and needs.

As they made clear, there is no one recipe for setting career goals, as they depend on a number of different variables that have different meanings, values, and change from person to person and from time to time. What everyone can certainly do is explore those meanings and values in depth from a personal point of view, to then be able to build a realistic path towards them.

The word “goal” itself for a career path can be too generic. In fact, there are many different types of goals.

Firstly, goals can be classified. We can have two different aspects for each goal, one tangible and the other intangible. Tangible are those parts of the goal that we can practically observe and define: a place to work, money, type of contract or benefit like a car, insurance, computer and so on. Intangible are those parts related to feelings and emotions, satisfaction, freedom, responsibility and so on. Therefore, for instance, “I want to be successful” or “I want to be happy with my job” are intangible aspects; on the other hand, tangible goals are specific and defined, for example “I want to become a Political Science professor”, “I want to work in Italy”.

Secondly, goals can be related to various life aspects: social life/family; career; financial; health; interests. In general, goals relate to your aim, in order to build up a well-organized career path and to make your ideas realizable.

What are the right parameters to take into account in order to define the so-called “S.M.A.R.T. goals?” Druker’s theory of “Management by Objectives”¹ can be of great help in providing a solid framework to check how specific, measurable, achievable, realistic and time-bound (S.M.A.R.T.) our goals are. In fact, if you are able to establish S.M.A.R.T. goals, you will get an inner reward every time you reach one of them.

Two more aspects to take into account are personal needs and expectations. Each of us has different needs, depending on the priorities that we have in life in a certain period. As Abraham Maslow explained with his pyramid of hierarchy of needs², our necessities are diverse, from the most basic ones, which are located at the base of the pyramid (i.e. food, water, rest, safety etc.), to self-fulfillment needs, on top of the pyramid. It is important to establish the relevance of each layer and, according to that, understand which kind of career would be ideal. Just like every individual has different needs, they also have diverse expectations.

During a job interview is the perfect moment to understand if your expectations of the job will match up with reality and your personal goals.

This awareness process will certainly push you further and will allow you to grow professionally, and you will feel more motivated if you see your efforts leading to outcomes.

You will have the chance to talk about goal setting for your career development with Elia Fregola and Luigi Fidelio in a new special class next semester. Have you already set your future objectives? If not, this is the right time to start interviewing yourself on those points. Even Spiderman, at least once in his life, did it!

¹Drucker, P., “The Practice of Management”, Harper, New York, 1954; Heinemann, London, 1955; revised edn, Butterworth-Heinemann, 2007.
²Abraham Maslow, Motivation and Personality, 1954.

Il miglior colloquio per definire gli obiettivi di carriera: l’auto-colloquio

“Che cosa vuoi fare da grande?”. Fin dall’infanzia, questa domanda è sempre stata centrale. E le risposte di allora sono state sempre così semplici e dirette come: astronauta, ballerina, pilota, chef, Spiderman… Poi, proprio quando abbiamo realizzato che tutte queste professioni richiedono una considerevole porzione di studio, impegno e spesso addirittura superpoteri, ci siamo imbattuti nel nostro primo colloquio di lavoro e ci è stato chiesto: “Dove si vede tra dieci anni?”. E in questo caso rispondere “astronauta, ballerina, pilota o Spiderman” non ci avrebbe di certo aiutato a ottenere la posizione di lavoro.

Per essere pronti e arrivare preparati al primo colloquio di lavoro è necessario avere i propri obiettivi definiti in maniera chiara e sviluppare un certo grado auto-consapevolezza.

La definizione degli obiettivi personali per lo sviluppo professionale è centrata sull’auto-coscienza, la capacità da sviluppare e che fa veramente la differenza tra i sogni dell’infanzia e le ambizioni della vita reale.

goal-setting-and-self-awarness-1Il 14 ottobre, Elia Fregola e Luigi Fidelio hanno sostenuto una lezione speciale alla John Cabot University su come stabilire gli obiettivi, in base alla vostra autoconsapevolezza, per il vostro sviluppo professionale.

Come ci hanno ben illustrato, non esiste una ricetta sicura per definire i propri obiettivi di carriera, poiché essi dipendono da una serie di variabili differenti che hanno significati e rilevanza differenti a seconda della persona e del momento. Ciò che è emerso chiaramente in questa occasione è che il primo passo per organizzare un piano efficace per costruire la vostra carriera è avere chiari in mente i vostri obiettivi.

La parola “obiettivi,” però, può essere troppo generica. Infatti, questi possono essere di vario tipo. Per prima cosa, possono essere sia tangibili che intangibili. Intangibile significa che mancano di concretezza, che avete un’idea generica ma non sapete bene come raggiungerli o in cosa consistano specificamente. Ad esempio, “Voglio avere successo” oppure “Voglio essere felice del mio lavoro” sono obiettivi intangibili. Al contrario, quelli tangibili sono specifici e definiti, come “Voglio diventare un professore di Scienze Politiche” o “Voglio lavorare in Italia.” Inoltre, le nostre aspirazioni possono riguardare vari aspetti della vita: famiglia/vita sociale; carriera; situazione finanziaria; salute; interessi. In generale, il vostro fine dovrebbe essere rendere tangibili tutti i vostri obiettivi intangibili, così da creare un piano ben organizzato per la vostra carriera e per far sì che le vostre idea divengano realizzabili.

Ma quali sono i parametri da tenere in conto per stabilire i cosiddetti “S.M.A.R.T. goals?”

La teoria del “Management by Objectives” di Druker¹ può essere di grande aiuto per stabilire un quadro di riferimento di quanto specifici, misurabili, realistici, realizzabili e contingenti siano i nostri obiettivi. Infatti riuscire a stabilire degli obiettivi S.M.A.R.T. comporterà una forte gratificazione interiore ogni volta che ne viene raggiunto uno.

Due aspetti fondamentali che dovreste definire innanzitutto sono i vostri bisogni e le vostre aspettative. Ognuno ha bisogni differenti, a seconda delle priorità che si hanno nella vita in un dato periodo. Come ha spiegato Abraham Maslow con la sua piramide della gerarchia di bisogni, le nostre necessità sono variegate, dalle più basilari, che si trovano alla base della piramide (cibo, acqua, riposo, sicurezza ecc.), fino al bisogno di auto-affermazione, in cima alla piramide. L’obiettivo è raggiungere questo livello finale, ma ciò non esclude tutti gli altri bisogni dei livelli precedenti. È importante stabilire la rilevanza di ogni strato e, in base a questo, capire che tipo di carriere sarebbe ideale. Proprio come ogni individuo ha necessità diverse ogni persona ha anche aspettative differenti.

Il colloquio di lavoro è il momento ideale per comprendere se le proprie aspettative sulla posizione di lavoro combaciano con la realtà e con i propri obiettivi personali.

Questo processo di consapevolezza vi spingerà certamente avanti e vi permetterà di crescere professionalmente, sentendovi più motivati nel vedere i propri sforzi premiati.

Avrete la possibilità di parlare della definizione di obiettivi per il vostro sviluppo professionale con Elia Fregoa e Luigi Fidelio durante una lezione speciale anche il prossimo semestre. Avete già stabilito i vostri obiettivi futuri? Se non l’avete fatto, questo è il momento giusto per iniziare a auto-colloquiarsi su questi punti. Addirittura Spiderman, almeno una volta nella sua vita, l’ha fatto!

¹Drucker, P., “The Practice of Management”, Harper, New York, 1954; Heinemann, London, 1955; revised edn, Butterworth-Heinemann, 2007.
²Abraham Maslow, Motivation and Personality, 1954.

Center for Career ServicesContinuing Education
John Cabot University 

cropped-jcu_high_res.jpg

%d bloggers like this: