Center for Career Services & Continuing Education

John Cabot University’s Center for Career Services & Continuing Education is your bridge between your academic and professional careers. Whether you want to pursue further study in graduate school or hope to begin a career, we can help you achieve those goals.

Month: December, 2016

Recent Graduates: What Happens Now?

Recent Graduates: What Happens Now?

recent-graduate-2

During your university studies, while you struggled with midterms, papers, and deadlines, how many times you thought or told your friend: “I can’t wait to be done”? And now, all of a sudden, you are really done, you are a graduate, you celebrate your academic success, but you also realize that you have to plan your future. At this point the question is: what happens now?

This is the right moment to start building your career and paving your path towards your professional ideals.  Many recent graduates have an idea of the field in which they want to pursue their working future, so they decide to start getting some experience in that field, as soon as possible. In fact, a career needs to be built through several experiences that make you acquire different skills, both technical and soft, in a certain sector. At the beginning, you may start with an internship, or with an unpaid position, just to get started and take a first leap into the new work environment. Sometimes it will even happen that you will find yourself doing a job that is not closely connected to your future goals. For instance, as a recent graduate in English Literature, who aims to become a journalist and writer, you could have to teach English grammar to elementary students, as a first job. Or, as a young architect who aims to become a famous interior designer, you will have to start his/her path interning in an architectural firm that designs gardens.

Even though these two occupations could seem to be useless because they do not match these young professional’s final ambitions, this is just the beginning of their path. Any job will have an impact on your career; some of them will help you acquire technical skills for your future occupation, some others will give you essential soft skills. In fact, even though sometimes you could have the feeling that what you are doing is not paying you back immediately, it will pay you back in the future in terms of experience.

In the end, every job will make you a better professional. For this reason, you should never think that you are wasting time if you are not able to find your ideal job since the very beginning of your professional path or if you have to make some deviations along your way. Try to make the most out of every experience, store the useful teachings that you have learned and be ready to use them to be a successful professional in the field you love.

Can you think of any example of some past experiences that you thought will have nothing to do with your career but in the end gave you some essential teachings?

Neolaureati: e adesso che succede?

recent graduates.jpg

Quante volte durante i vostri anni all’università, mentre cercavate di districarvi tra esami, articoli da scrivere, scadenze da rispettare, vi siete detti o avete confessato ad un amico: “non vedo l’ora di finire”? E adesso invece che avete davvero finito, che vi siete ormai laureati, festeggiate il vostro successo accademico e vi rendete conto che dovete pianificare qualcosa per il vostro futuro. A questo punto la domanda è: e adesso cosa succede?

Questo è il momento giusto per iniziare a costruire la vostra carriera e a preparare il vostro cammino verso il raggiungimento dei vostri obiettivi professionali. Molti neolaureati hanno già un’idea dell’ambito in cui vogliono perseguire il loro futuro lavorativo, e così decidono di iniziare ad acquisire esperienza in quell’area il prima possibile. Infatti, una carriera si costruisce attraverso diverse esperienze che consentono di acquisire diverse capacità, sia tecniche che umane, in un dato settore. All’inizio potreste accettare uno stage o una posizione non retribuita, solo per iniziare e fare un primo passo nel  nuovo ambiente di lavoro. A volte vi capiterà persino di ritrovarvi a fare un lavoro che non è strettamente inerente ai vostri obiettivi futuri. Ad esempio, se siete dei neolaureati in letteratura inglese e volete diventare giornalisti e scrittori, potreste ritrovarvi, come primo lavoro, a lavorare come insegnanti di grammatica inglese per gli studenti delle scuole elementari. Oppure, se siete neoarchitetti e mirate a diventare dei famosi interior designer, potreste dover iniziare il vostro percorso come stagisti in uno studio di architettura per la progettazione di giardini.

Anche se queste due occupazioni potrebbero sembrare inutili perché non rispecchiano le vostre ambizioni future, questo è solo l’inizio del vostro percorso. Qualsiasi lavoro avrà un impatto sulla vostra carriera; alcuni vi aiuteranno ad acquisire delle capacità tecniche, altri vi daranno delle soft skills essenziali. Infatti, anche se a volte potreste avere la sensazione che quello che state facendo non vi stia ripagando nell’immediato, in realtà vi ripagherà in futuro in termini di esperienza.

Alla fine, qualsiasi lavoro che farete vi insegnerà qualcosa che vi renderà un professionista migliore. Per questo motivo non dovreste mai pensare che state perdendo tempo se non riuscite subito a trovare il vostro lavoro ideale o se dovete fare qualche deviazione durante il vostro percorso lavorativo. Cercate sempre di trarre il meglio da ogni esperienza, di immagazzinare tutti gli insegnamenti utili e siate pronti a metterli in pratica per diventare dei professionisti di successo nell’ambito che vi appassiona.

Riuscite a pensare a qualche esempio di vostre esperienze passate che credevate non avrebbero mai avuto niente a che fare con la vostra carriera ma che invece alla fine vi hanno dato degli insegnamenti importanti?

Center for Career ServicesContinuing Education
John Cabot University

jcu_high_res

Behind the Scenes: What Happens Before an Interview?

Behind the Scenes: What Happens Before an Interview?

screening-candidates-2

Randstad Italia has recently held the last seminar of a series that it offered to John Cabot University’s students. Part of the last seminar was dedicated to those phases that anticipate a job interview, so we decided to get inspiration from this occasion and to dedicate this blog post to such a theme.

Up to now, we wrote about how to write a resume, how to get ready for an interview, how to write a professional email; these are all activities performed by a candidate. However, have you ever wondered what happens behind the scenes? How do companies proceed when they have a vacancy?

Usually, either the Human Resources department of a company takes care of the candidates’ selection or they hire an HR company in order to carry out this process. The fundamental steps that precede an interview are 3: job advertisement, screening, and phone call.

FIRST STEP: JOB ADVERTISEMENT

There are two main reasons why a company looks for new candidates: first, its expansion; second, a high turnover, meaning that there is a fast-paced renewal of the employees. When a company needs new applications for their vacancies, the most effective way to get them is through a job advertisement. This is usually posted on the newspapers or on the web, it consists of the job description and it indicates the requirements that ideal candidates should have. The ads can be of two kinds: open, when the company declares itself; blind, when the company hides its identity. The company may decide to use a blind ad to make the screening and filtering processes smoother.

SECOND STEP: SCREENING

Once the curricula are gathered, the company makes a scanning of them, meaning that they go through the documents without meeting the candidates yet. During this phase, the company checks that the requirements for that position match the candidates’ skills. This is when the selection begins. A first step in this process can be checking the online reputation of the potential employee. On the other hand, the reference check and processing of personal information of the candidate can happen only after a first meeting and after gaining the candidate’s authorization.

THIRD STEP: PHONE CALL

Once the most interesting resumes have been selected, the company goes on in the process with the phone convocation of the candidates to meet them in person. This is actually the first interview, as it is fundamental to value the motivation, professionality, and attitude of the candidates. The person calling wants to see if the candidate knows which position he/she is talking about. If the applicants ask which ad their interlocutor is referring to, it will show that they are not really motivated to get that position and they might be rejected. On the other hand, if the candidates get the call while busy, they should tell the interlocutor right away. They should just take note of the name and number of the person and offer to call as soon as possible, or they can simply ask to be called back later. This will show that they are professional and that they take the offer seriously.

Knowing how companies work is fundamental in order to learn which mistakes are not to be made and which moves can be effective. As a matter of fact, you need to be careful about every step of the selection process in order to make a good impression even before getting to the face-to-face interview!

Dietro le quinte: quali sono le fasi che precedono il colloquio?  

                               screening-candidates-1                                                   Si è da poco chiuso il ciclo di seminari tenuti da Randstad Italia per gli studenti della John Cabot University. Una parte dell’ultimo incontro è stata dedicata alle fasi che precedono un colloquio ed, ispirandoci a questa occasione, abbiamo deciso di dedicare questo nostro post a tale argomento.

Fino ad ora, infatti, abbiamo parlato di come si scrive un CV, come ci si prepara per un colloquio, come si scrive un’email in modo professionale; tutte attività svolte dal candidato. Ma vi siete chiesti cosa succede dietro le quinte? Come si comporta un’azienda nel momento in cui ha una posizione vacante?

Chi si occupa dei processi di selezione è solitamente il dipartimento di Risorse Umane dell’azienda, oppure un’altra compagnia di Risorse Umane che viene assunta per gestire queste fasi. I passi fondamentali che precedono il colloquio sono 3: inserzione, screening e convocazione.

PRIMO PASSO: INSERZIONE

Esistono due motivi principali per i quali un’azienda cerca personale: la prima ragione è la sua espansione, la seconda è il turnover elevato, ossia un ricambio veloce di personale. Il modo più efficace per un’azienda di ricevere candidature quando ha delle posizioni scoperte al suo interno è usare un’inserzione. Questa consiste in un annuncio, solitamente posto sui giornali o sul web, in cui l’azienda spiega di che lavoro si tratta e che candidato ricerca. Le inserzioni possono essere di due tipi: aperte, quando l’azienda si dichiara, e blindate, quando l’annuncio è anonimo. L’azienda può decidere di utilizzare un’inserzione blindata per agevolare la procedura di screening e filtro delle candidature.

SECONDO PASSO: SCREENING

Una volta ricevuti i curricula, l’azienda effettua lo screening, ossia valuta i documenti senza incontrare direttamente i vari candidati. Durante questa fase, l’azienda controlla che ci sia una coincidenza di requisiti richiesti e requisiti posseduti dal candidato. Già in questo momento si effettua una prima scrematura. Un primo passo in questo processo può essere il controllo della reputazione online della persona interessata, ma, per quanto riguarda invece trattamento dati e reference check, tutto ciò avviene dopo un primo incontro e dopo aver ricevuto l’autorizzazione del candidato.

 TERZO PASSO: CONVOCAZIONE TELEFONICA

Una volta scremati i curricula che sembrano interessanti, l’azienda procede a convocare telefonicamente i candidati per incontrarli di persona. Questo è a tutti gli effetti il primo colloquio, indispensabile per valutare la motivazione, la professionalità e l’atteggiamento del candidato. La persona che chiama vuole vedere se il candidato ha ben presente di che posizione si tratta; chiedere a quale annuncio la persona al telefono si riferisce è sintomo di scarsa motivazione e per questo si potrebbe essere scartatati. Se invece si riceve la convocazione telefonica in un momento poco opportuno, sarà preferibile comunicarlo subito. Basta prendere nota del nome e del numero e offrirsi di richiamare al più presto, oppure chiedere di essere richiamati più tardi. Questo indicherà che si è professionali e che si prende l’offerta sul serio.

Sapere come si muove un’azienda è fondamentale perché vi sarà di aiuto per comprendere quali sono gli errori da non fare e quali sono quelle mosse che invece si potranno rivelare vincenti. Infatti, bisogna curare ogni fase della selezione per fare una buona impressione ancor prima di arrivare al colloquio di persona!

Center for Career ServicesContinuing Education
John Cabot University

jcu_high_res

%d bloggers like this: